Passa ai contenuti principali

I MIEI LIBRI IN VENDITA

DIRITTI DEI CITTADINI-USURA BANCARIA: VICENDA FATROTEK

Questa notizia sarà riportata da tutti i giornali?






Usura bancaria alla Fatrotek, appartenente gruppo Banca Nazionale del Lavoro 13 bancari a processo: 
c'è anche Luigi Abete








SALERNO - Tassi di interesse superiori alla soglia consentita per legge: a giudizio 13 funzionari della Banca Nazionale del Lavoro, tra cui i vertici romani dove spicca la figura del presidente Luigi Abete. A tutti la procura, pubblico ministero Francesco Rotondo, contesta l’usura bancaria con condotta perdurante fino all’attualità sui rapporti di mutuo e conto corrente. E’ quanto deciso dal giudice delle udienze preliminari presso il Tribunale di Salerno, Renata Sessa, che ha disposto il giudizio per Nicola d’Agostino; Marco Alessandrini; Sandro Rotelli; Eleonora Patrizia Mancino; Bartolomeo Orlando; Lucio Guerrera; Gennaro Alaria; Claudio Palazzesi; Riccardo Lupi; Paolo Alberto De Angelis; Alessandro Maida; Luigi Abete e Fabio Gallia. Dovranno presentarsi davanti ai giudici della Terza Sezione Penale del Tribunale di Salerno a partire dal prossimo 22 marzo.






ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA    N. VERDE 800 134 008
Via Carnia 35 - 21100 Varese                  Tel. +39 0332 1563.491  Fax +39 0332 1563.492
C. FISCALE 95081670127 – P. IVA 03492040120                         info@associazioneaif.it  



Su Freelance News si legge:

La vicenda dell'azienda Fatrotek

L'azienda del settore elettronico e telecomunicazione Fatrotek da Salerno a La7: nella puntata del 14 ottobre 2015 la redazione de La7 ha raccontato la vicenda dell'imprenditore salernitano Francesco Peluso, titolare appunto della Fatrotek. Una storia di "tassi di interesse altissimi" e addirittura di "usura" da parte delle banche, conclusasi, dopo 12 anni, con la richiesta di rinvio a giudizio, da parte di un pm, per dieci persone tra direttori e funzionari di filiali bancarie per l'potesi di reato di usura, con l'aggravante dell'esercizio dell'attività bancaria, come riferito da La7. Nel 2004 Peluso si rende conto di essere soggetto ad interessi esorbitanti, ma le banche di riferimento chiudono i conti e segnalano l'azienda "a sofferenza", nonostante, secondo una perizia, fosse una azienda "positiva e dinamica". Peluso si rivolge quindi all'autorità giudiziaria: dopo circa 12 anni, appunto, la richiesta di rinvio a giudizio da parte del pm. Qui di seguito, il link per vedere la puntata del 14 ottobre 2015 de La Gabbia: a 01 h 49' 08'', il servizio con protagonista l'azienda salernitana.
Il caso di quest'azienda è arrivato anche in Parlamento con un'interrogazione dei Cinque StellenalMinistro dell'Economia e delle Finanze.


Salerno.  
Fatrotek, il caso in Parlamento.

La vicenda di presunta usura all’azienda di prodotti elettronicigiunge in Senato con un’interrogazione dei Cinque Stelle al ministro dell’Interno e dell’Economia e delle Finanze.
«La società salernitana era un’azienda di rilievo nel settore delle telecomunicazioni- scrivono i parlamentari-; una realtà consolidata e in crescita che ha impiegato fino a 50 dipendenti, con un rilevante indotto per il territorio».
Tra i clienti dell’azienda c’erano tra gli altri, la Telecom, la Vodafone, Fininvest, Tim, Ericsson e Nokia con esportazioni in 26 nazioni,portafoglio di 9,5 milioni di euro, attività di sviluppo per 57 milioni di euro, valore patrimoniale di 11 milioni, 20 linee di prodotti e numerosi brevetti.
«Nel corso del 2003, la Fatrotek evidenziava ad alcune banche elevati tassi di interesse applicati sui rapporti che generavano un elevato costo per la società calcolato in 250mila euro di oneri finanziari e chiedeva la riduzione dei tassi. Le banche coinvolte- asseriscono i parlamentari- di risposta segnalavano l’azienda in sofferenza presso la centrale rischi di Banca d’Italia causando l’azzeramento della società».
Nel 2008 la Fatrotek ha inoltrato numerose denunce per usura bancaria per un danno alla società di circa 1,6 milioni per l’applicazione «da parte delle bance di tassi annui del 160% mensili».

Antonio Giangrande nel suo libro "Salerno e la Campania: quello che non si osa dire scrive:



                        



L'azienda era leader nel settore servizi elettronici e comunicazioni erano suoi clienti la Nokia, Siemens, Alenia, Marconi, TIM, Vodafone, Fininvest, Ericsson; esportava i suoi prodotti in 26 nazioni con un portafoglio ordini di 9,5 milioni di euro e un'attività in sviluppo per 57 milioni; il suo valore patrimoniale era di 11 milioni e aveva 20 linee di prodotti. Nel 2003 la Fatrotek S.r.L. ha evidenziato ad alcune banche tassi d'interesse troppo elevati e queste in risposta hanno segnalato l'azienda alla centrale rischi di Banca Italia causando, così, l'azzeramento della società.


 15 settembre del 2015 17ª Legislatura così si evidenzia nel resoconto stenografico:

...da ciò che si evidenzia da alcuni giornali locali,10 tra dirigenti e funzionari degli Istituti di Credito Monte Paschi di Siena, Banco di Napoli e Banco di Salerno devono comparire davanti ad un giudice per un'udienza preliminare in merito ad un supposto caso di USURA BANCARIA ai danni della società Fatrotek verificatisi tra il 1997/2005. A causa di tassi d'interesse troppo gravosi la società ora vive una gravissima crisi. Infatti la vicenda ha causato un danno di, circa, 1,6 milioni di euro. Le banche mensilmente applicavano all'azienda tassi fino al 120 per cento....

L'accertamento fino ad oggi non ha prodotto alcun procedimento giudiziario presso il Tribunale di Salerno portando solo a definire una piccola sentenza ossia la Fatrotek dovrebbe smettere di pagare i debiti contratti nei confronti degli istituti di credito in virtù della Legge 23 Febbraio 1999 n° 44 che prevede che l'elargizione dell'aiuto delle vittime di usura sia effettuata solo quando la vittima abbia cessato di aderire alle richieste estorsive. Il 15 di Luglio il giudice ha espresso parere favorevole all'ammissione dell'azienda al fondo di solidarietà avendo rilevatola sussistenza di interessi usurai da parte degli Istituti di credito. Però il reato ancora oggi non è stato accertato e per ironia della sorte ora la Fatrotek è colpita da un procedimento esecutivo ai suoi danni per morosità nei confronti degli istituti di credito che la stessa ditta aveva denunciato.

Come finirà questa questione e quanto spazio, sulle testate giornalistiche nazionali verrà dedicato a questa inaccettabile pratica degl'istituti di credito?



Condividi OkNotizie

Article To PDF

I MIEI LIBRI IN VENDITA

POST RECENTI

Post popolari in questo blog

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

NEL TERREMOTO DI AMATRICE È RACCHIUSO UN MESSAGGIO DI CONSAPEVOLEZZA

Salve amici della rete, tutti quanti siamo a conoscenza del terremoto avvenuto il 24 agosto ad Amatrice. Questo era un borgo medioevale patria della famosa ricetta del sugo all'Amatriciana per condire vermicelli, spaghetti e bucatini.



Se guardiamo e leggiamo l'evento in chiave esoterica scopriamo un fatto molto, molto importante che ora, grazie anche allo scritto presente nel blog "risveglio di una dea" ,  Marte fuori controllo , il guardiano della soglia inizia ad attivare i poteri, vado ad illustrare.
Innanzitutto chi sta seguendo il cammino spirituale di risveglio della consapevolezza umana ha oramai ben compreso che la vita nello specchio della materia è simbolica e quindi anche tutti gli avvenimenti sono metafore di quello che avviene nell'essenza. Ciò che accade nella materia è progettato e voluto nell'oltre, si manifesta dapprima in questo "luogo" e quindi poi nella realtà in cui viviamo.
Oramai sono anni che sto leggendo post e libri dove s…

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

ZONA POETICA

HAIKU PER LA TERRA

HAIKU PER LA TERRA
MARCIA GLOBALE PER LA TERRA
Grande, possente, bellezza travolgente
delicata come la donna, rude come l'uomo, tenera come il bambino
quanto durerà? Quando il suo declino?
(Marta Saponaro)
Tu terra, sei la mia forza, il mio sentiero, il mio mare, il mio profumo, a te la mia estasi ed il mio corpo (Giuliana Lubello)
Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Nei giorni da sempre noi non ti amiamo, nei giorni da sempre noi ti sfruttiamo, nei giorni da sempre noi ti feriamo... Amiamo noi forse la Madre che ancora, nel grembo suo, ci tiene e sostiene? L'amore è gioia, l'amore è piacere, l'amore è accettare si ma anche dare...! Noi prendiamo prendiamo e prendiamo si...ma in cambio cosa diamo? In cambio di gioia noi diamo dolore, in cambio di pace noi diamo guerra, in cambio di acqua noi diamo sangue, in cambio di pane noi diamo fame... la vita ci hai dato la morte abbiamo imparato...!!! Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Un giorno per dirti perdono perdono perdono... (da Il diario di Giunone di Rosanna Cira)

TI ASPETTO IN QUESTA COMMUNITY

UNISCITI A NOI

SE VUOI CONTRIBUIRE AL CAMBIAMENTO VIENI CON NOI




NO ALLA VIOLENZA

ZONA D'INFORMAZIONE

ZONA PERSONALE

Image and video hosting by TinyPic