Passa ai contenuti principali

I MIEI LIBRI IN VENDITA

DIRITTI DEI CITTADINI: L'AZIONE DI LUCA ZANARDELLI DETTO ZAMPA IN UNA BANCA






IO URLO IL VOSTRO SILENZIO
INTANTO QUALCUNO
HA IL CORAGGIO DI AGIRE .
UNA FAVOLA VERA.




C'era una volta non molto tempo fa, anche se  sembra un secolo, il mitico  ... Carosello.
Che bello la sera l'attesa impaziente per  grandi e piccini di  quel magico momento di sano divertimento, uno spazio che diffondeva informazioni, valori ,che mirava a costruire non consumatori seriali, ma persone, un angolo dove anche la pubblicità,che faceva la sua comparsa solo in coda, era creativa e persino educativa. 






Ognuno aspettava il suo spot o  personaggio preferito, ma tutti  amavano il gigante buono che nel paese risolveva i problemi causati dal cattivo Jo Condor. 


Bastava il richiamo canticchiato "Gigante, pensaci tu" e lui pacato e sorridente arrivava e nel paesino tornava, come in tutte le fiabe, la quiete e la felicità.






Chi non vorrebbe anche oggi un gigante sereno e sorridente che ci salvasse dai cattivi?

Purtroppo i cattivi di adesso sono subdoli, nascosti, mascherati da buoni, imbattibili e il gigante buono non fa paura a nessuno, perché i buoni non vanno più di moda, sono per questa società alla rovescia soltanto deboli, incapaci, meritano perciò di subire ed essere derisi.

Ma se si tira troppo la corda e il buono diventa cattivo? 

Allora sì che son dolori: mai far arrabbiare un buono, specialmente se è un gigante!
La storia vera che vi voglio raccontare è quella di Luca, un gigante di 2 metri, imponente nell'aspetto, ma buono e tranquillo nell'animo fino a quel giorno in cui qualcosa scattò in lui come una molla: ira, risentimento, rabbia, sete di vendetta? 
Oppure  ...forse soltanto esasperazione e spiccato senso della giustizia.

 Arrabbiarsi è una condizione che è strettamente legata al senso di giustizia, una giusta, se misurata, reazione ai torti e alle offese, un'energia positiva che ci spinge ad agire, tuttavia  spesso inibiamo questo sentimento che rimane chiuso in noi, sopito, ma non spento, fino al giorno in cui esplode …


ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA    N. VERDE 800 134 008
SEDE NAZIONALE    Via Carnia 35 - 21100 Varese                  Tel. +39 0332 1563.491  Fax +39 0332 1563.492
C. FISCALE 95081670127 – P. IVA 03492040120                         info@associazioneaif.it  www.associazioneaif.it

Presenti in tutte le regioni d'Italia

Sembrava una giornata come le altre, ma una ponderata decisione era presa: il bagliore negli occhi di Luca, detto affettuosamente “il Zampa” , con un soprannome di cui va fiero perché ereditato dal  padre, anticipava l'azione liberatoria e dimostrativa che avrebbe intrapreso da lì a poco per risvegliare le coscienze e farsi carico dei problemi che attanagliano i cittadini vessati. 

Arrivò la sera, scese la notte e tutto ebbe inizio… 
L'uomo procedeva lentamente, quasi gustando ogni momento, verso l'ingresso principale della banca del suo paesello : sguardo dritto verso l'obiettivo, in mano un secchio, le mani coperte dai guanti. 

Ma dove andava? Cosa voleva fare?

Un uomo come lui semplice, concreto, incapace di azioni malvagie, un uomo all'antica che considerava fantascienza la preistoria, come spesso ripeteva sorridendo, riferendosi al mondo digitale, stava per trasformare in reale una delle frasi virtuali pubblicate su facebook, in un momento di sfogo. Era soltanto uno dei tanti post che scriviamo attratti dall'invito ad esprimere il nostro stato, ma che una volta pubblicati  perdono valore, però  innescano commenti, montagne di parole fini a se stesse e vane, ma non per lui.
Era deciso a far seguire alle parole gli atti. 
Giunse finalmente davanti alla filiale della banca, seguito da una persona con la telecamera e mentre procedeva, un odore sgradevole lo seguiva come una scia, ma lui neanche se ne avvedeva, perché l'odore nauseabondo, velato da falso profumo, che emanava la banca era più forte :odore di corruzione, di estorsione mascherata da aiuto, di scorrettezza all'insegna dell'onestà, di torbidi affari dietro la vetrata trasparente.  
Come se compisse un gesto rituale di benedizione, immerse la mano nel secchio e cominciò a gettare ripetutamente manciate di letame in direzione della porta, sul marmo candido dell'ingresso, sull'insegna, nel silenzio della notte, senza commentare, senza scomporsi , senza gesti bruschi di stizza.

Stava infliggendo  una meritata e giusta  pena seguendo il principio del contrappasso di dantesca memoria, non al contrario, ma per analogia e intanto dentro di sé recitava :  
“Tu banca hai immerso le persone nella m… e ora riceverai la stessa condanna concretamente, fino ad essere sommersa!”

La banca era in realtà per lui, come per ogni cittadino, un'entità astratta, senza regole morali, un sistema nato per accumulare denaro, usando tutti i mezzi a disposizione, con arroganza e naturalezza, un ente  composto da persone  che seguono le direttive  imposte e non si assumono le responsabilità dei loro atti, esecutori senza coscienza, complici che si sentono innocenti, solo perché non hanno inventato loro le regole. 
Forse chi fa del male come esecutore è meno colpevole di chi ha emanato l'ordine?  PENSACI CARO BANCARIO NELLO SVOLGERE LE TUE FUNZIONI , VERGOGNATI SE HAI UNA COSCIENZA ! 

Tutti questi pensieri frullavano nella testa di Luca, mentre ripercorreva, come in un film, la vicenda che l'aveva condotto a quel gesto.
Da piccolo imprenditore di un'attività di ricariche telefoniche gli capitava di finire in rosso in banca, ma notato l'eccessivo interesse applicato dalla banca, aveva chiesto un estratto conto degli ultimi dieci anni per accorgersi amaramente che i tassi erano veramente da usura. 
Decise perciò di rivolgersi ad un avvocato, inoltrò un reclamo scritto e dopo varie trattative, la banca, “generosa e vicina ai cittadini come sempre”, offrì come risarcimento 17.000 euro dei 24.243  estorti, ma naturalmente  dichiarandosi  non colpevole per le accuse mosse e chiese in cambio  di non dover riconoscere alcuna responsabilità sulla vicenda. 

Ma se non c'è colpevolezza perché pagare?

La gentile concessione dimostrava proprio il contrario: era un chiaro riconoscimento di responsabilità! 
A quel punto Luca decise di non accontentarsi: voleva quello che gli spettava!  
Doveva ricevere ancora 7.243 euro. 
Ma la banca, come accade spesso ai colpevoli smascherati, denunciò la sua stessa vittima, trasformandola in carnefice. 



Il Zampa riprese a gettare con precisione letame in direzione della banca, dopo l'interruzione dovuta ai suoi pensieri, perseguendo il suo obiettivo : un kg di letame per ogni euro sottratto. 

Certo la banca non avrebbe restituito il maltolto, lui aveva firmato e aveva quindi accettato le loro condizioni, ma che soddisfazione sarebbe stata assistere alla loro apertura il giorno dopo!
 Il caso finì su tutti i giornali e la gente del paese, a metà tra lo stupito e l'ammirato, commentava:
“Chi l'avrebbe mai detto che il Zampa sarebbe arrivato a tanto! Forte però...” 
Forse il suo gesto non è da imitare, forse esistono altri sistemi, forse, forse... ognuno può pensare ciò che vuole, può schierarsi contro o a favore, ma ogni cosa va bene se è sentita e se il proposito è buono. 

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/-tassi-da-usurai-42enne-imbratta-una-banca-del-mantovano-con-il-letame_2135789-201502a.shtml


A volte un gesto eclatante può risvegliarci dal nostro torpore e il gigante buono di Carosello può di nuovo provare a sistemare le cattiverie perpetuate dal cattivo Jo Condor di turno! 

Magari si può sferrare una zampata e modificare una società ingiusta e chi può farlo meglio di Luca dall'emblematico  nomignolo il  “Zampa” ? 


                              Messaggio raccolto, pronti a partire!          
                               Speriamo... perché in Noi tutti alberga un piccolo ZAMPA 








ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA    N. VERDE 800 134 008
SEDE NAZIONALE    Via Carnia 35 - 21100 Varese                  Tel. +39 0332 1563.491  Fax +39 0332 1563.492
C. FISCALE 95081670127 – P. IVA 03492040120                         info@associazioneaif.it  www.associazioneaif.it

Presenti in tutte le regioni d'Italia



Condividi OkNotizie

Article To PDF

I MIEI LIBRI IN VENDITA

POST RECENTI

Post popolari in questo blog

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

NEL TERREMOTO DI AMATRICE È RACCHIUSO UN MESSAGGIO DI CONSAPEVOLEZZA

Salve amici della rete, tutti quanti siamo a conoscenza del terremoto avvenuto il 24 agosto ad Amatrice. Questo era un borgo medioevale patria della famosa ricetta del sugo all'Amatriciana per condire vermicelli, spaghetti e bucatini.



Se guardiamo e leggiamo l'evento in chiave esoterica scopriamo un fatto molto, molto importante che ora, grazie anche allo scritto presente nel blog "risveglio di una dea" ,  Marte fuori controllo , il guardiano della soglia inizia ad attivare i poteri, vado ad illustrare.
Innanzitutto chi sta seguendo il cammino spirituale di risveglio della consapevolezza umana ha oramai ben compreso che la vita nello specchio della materia è simbolica e quindi anche tutti gli avvenimenti sono metafore di quello che avviene nell'essenza. Ciò che accade nella materia è progettato e voluto nell'oltre, si manifesta dapprima in questo "luogo" e quindi poi nella realtà in cui viviamo.
Oramai sono anni che sto leggendo post e libri dove s…

ITALIA APPELLO EMERGENZA NEVE: MAL TEMPO NEVE E IGNAVIA GOVERNATIVA

Tutti siamo a conoscenza di quello che sta accedendo in queste ore nella nostra Penisola. Tanti stiamo denunciando il mal governo, tanti stiamo scrivendo di tutto e di più. Sappiamo benissimo che i fondi raccolti per il terremoto gli abitanti di Amatrice non hanno usufruito di nulla. Ora sono all'emergenza totale, ma anche in altri posti la situazione non migliore.

Oggi il ministro Pinotti ha comunicato che è intervenuto l'esercito pubblicando a suffragio della sua dichiarazione una foto. Peccato che quell'immagina risale al 2014 a Belluno





La situazione è drammatica ma possiamo anche noi fare qualcosa.

Ricordo che stanno violando i diritti umani fondamentali  negando gli aiuti e abbandonando esseri umani ad una situazione così estrema.
Quindi facciamoci sentire in questo modo:

Fate girare per favore e inviate tutti la seguente mail per sollecitare l'intervento nelle zone interessate dal maltempo. Ecco un modo per essere di aiuto. Le parole di costernazione o di rimpro…

ZONA POETICA

HAIKU PER LA TERRA

HAIKU PER LA TERRA
MARCIA GLOBALE PER LA TERRA
Grande, possente, bellezza travolgente
delicata come la donna, rude come l'uomo, tenera come il bambino
quanto durerà? Quando il suo declino?
(Marta Saponaro)
Tu terra, sei la mia forza, il mio sentiero, il mio mare, il mio profumo, a te la mia estasi ed il mio corpo (Giuliana Lubello)
Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Nei giorni da sempre noi non ti amiamo, nei giorni da sempre noi ti sfruttiamo, nei giorni da sempre noi ti feriamo... Amiamo noi forse la Madre che ancora, nel grembo suo, ci tiene e sostiene? L'amore è gioia, l'amore è piacere, l'amore è accettare si ma anche dare...! Noi prendiamo prendiamo e prendiamo si...ma in cambio cosa diamo? In cambio di gioia noi diamo dolore, in cambio di pace noi diamo guerra, in cambio di acqua noi diamo sangue, in cambio di pane noi diamo fame... la vita ci hai dato la morte abbiamo imparato...!!! Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Un giorno per dirti perdono perdono perdono... (da Il diario di Giunone di Rosanna Cira)

TI ASPETTO IN QUESTA COMMUNITY

UNISCITI A NOI

SE VUOI CONTRIBUIRE AL CAMBIAMENTO VIENI CON NOI




NO ALLA VIOLENZA

ZONA D'INFORMAZIONE

ZONA PERSONALE

Image and video hosting by TinyPic