Passa ai contenuti principali

RAMAZZOTTI


classifica


Eccomi qua, buon sabato a tutti. Oggi è uno di quei giorni dove l'aria è caldissima, il sole splende e la maggior parte delle persone si è recata in spiaggia per cercare un pochino di frescura. Fa caldo e se chiudi gli occhi vedi animarsi davanti a te uno splendido ghiacciolone verde che sgocciola a più non posso e tu allunghi la mano tremante per afferrarlo e assaporarlo: le tue papille gustative iniziano pian, piano a sentire il dolce e fresco sapore di menta mentre i denti scricchiolano tra un morso e l'altro! Ad un certo punto viene, senza neanche accorgersene, il classico sclap della lingua contro il palato. E' fatta mi sono rinfrescata....tra le dita non rimane che il bastoncino di legno ancora umido e.....basta! Un secondo e poi di nuovo il caldo, l'afa che ti assilla e ti opprime, e allora?...... Chiudo gli occhi e eccolo lì un nuovo grande, immenso, fresco ghiacciolo arancione....slurp!
Solo così ci si rinfresca se non si vuole ricorrere alla comodità dell'aria condizionata o al bel ventilatore tatticamente postato davanti. Però è estate, la magnifica, la superba estate, il periodo in cui ami indossare vestitini attillati che lasciano intravvedere le forme e ti fanno sentire sexy ed attraente. In estate sembra che ogni donna si senta più bella, più affascinante, non come l'inverno dove tutti chiusi nei propri cappottoni con il bavero rialzato e il pastrano che arriva sino a terra! No, in estate si cammina come se ci si ritrovasse su una nuvola pronti a spiccare un salto nell'infinito blu per arrivare a quel magnifico sole che per tre lunghi, interminabili mesi freddi hai agognato. Sono nata in estate e secondo me anche per questo mi trovo a mio agio in questa stagione. Per me non c'è caldo mai, adoro alzarmi presto la mattina e vedere già i raggi del sole che fanno capolino tra i bastoncini della mia tenda in bambù della mia cucina: durante il giorno il canto delle cicale mi tiene compagnia e la sera fanno da padrone i grilli. L'altro giorno ne ho trovato uno in casa, ed è più forte di me vado con cautela vicino per riuscire a prenderlo e riportarlo fuori in giardino. Non riesco a schiacciarlo è rimasto dentro di me il ricordo della favola di Pinocchio e il grillo è la coscienza ed io come posso ucciderlo? No, c'è già così poca coscienza oggi giorno che tutto quanto può aiutare per riuscire a sopravvivere. Sono così condizionata da quella favola che ho insegnato, involontariamente, ai miei figli di rispettare il grillo di prenderlo e riconsegnarlo a madre natura. Poi mi soffermo e mi dico pensa, uno scarafaggio lo avresti ucciso schiacciato, spiaccicato sul pavimento e il grillo no. E dire che, almeno a mio parere, non sono belli nessuno dei due, anzi li trovo ripugnanti alla stesa stregua, ma no il grillo deve vivere!
Ecco il potere della parola, del racconto, ed ecco perché molti hanno tentato, tentano e tenteranno, in futuro, di reprimerla! Altri, invece, vi hanno fatto ricorso per riuscire là dove, forza bruta o intrigo, non avrebbe trovato luogo! Che potere immenso, e che fascino!
Ammiro coloro che riescono con una loro storia a far vivere a gente che non conoscono e, molto probabilmente, non conosceranno mai,  le loro passioni.  Con la parola si costruiscono e si disfano imperi e tutti noi abbiamo dentro questa possibilità. Con la parola puoi aiutare, consolare, rallegrare, amare ma anche rattristare demoralizzare, essere così duri da arrivare all'uccisione. Dipende dall'uso che se ne fa.  In questo mio angoletto, così considero il mio blog, ho deciso di adoperare questa nostra capacità per descrivere l'operato dell'uomo sotto vari aspetti: descrivo paesi o città per dimostrare quanto ingegno, che capacità possediamo, analizzo dei libri, perché dalle storie si può trarre un vissuto, ma perché guardando mille e più sfaccettature, si può notare quanto l'uomo, come essere della sua specie, è in grado di fare e come, a seconda di come agisce, il suo operato possa portare benefici o no.
Quanto desidererei che nel nostro mondo capissimo che alla fin fine siamo solo piccoli puntini in un immenso infinito, ma che, pur essendo una bazzecola nell'universo, siamo tutti qui e solo se ci rispettassimo un po' di più e ci amassimo quel tanto che basta, i telegiornali non sarebbero dei bollettini interminabili di guerra e odio! In una canzone ad un certo punto c'è una frase stupenda che girandola sulla parola, e sul sentimento amore, cambierebbe tutto. E' di Eros Ramazzotti e dice:
"- Se bastasse una bella canzone a far piovere l'amore si potrebbe cantarla un milione, un milione di volte.... non ci vorrebbe poi tanto ad amare di più!"-


E' una canzone del 1990  e fa parte dell'album In ogni senso. Nel 1997, viene inserita nel greatest hits, Eros, e, l'anno seguente è cantata  insieme al tenore modenese, Pavarotti, durante il concerto Pavarotti & Friends.
BUON ASCOLTO A TUTTI

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TRATTATO DI CASSIBILE NAZIONI UNITE UNHCR & GESUITI

In questo video, creato in collaborazione con Piero Faticoni , mettiamo in luce la parziale denuncia della Meloni. Stanno aumentando i politici che denunciano pubblicamente il coinvolgimento di George Soros nelle crisi economiche. Ma voi veramente pensate che lo fanno perché vogliono sistemare tutto? Se volessero questo, ad esempio, nel nostro Paese renderebbero pubblico il fatto che chi governa dal 1945, per non parlare prima, è l'Organizzazione delle Nazioni Unite. Dovrebbero dire chi sono in realtà, invece omettono questo, come non dichiarano che con il certificato di nascita tutti diventiamo Trust di proprietà dello Stato e quindi non esistono proprietà private perché come siamo riconosciuti , ossia schiavi, siamo noi, popolo, ad essere oggetti di proprietà. Perciò per favore smettetela di seguire questi bugiardi reiterati ed iniziate a ragionare. Soros sarà silurato dal potere e tutti i politici seguono l'ordine. Soros a questo punto potrebbe ammettere le sue responsabili…