Passa ai contenuti principali

STORIE DI DONNE: EGITTO

Man mano che la civiltà progredisce, i ruoli tra i sessi si differenziano sempre di più e la donna diventa sempre maggiormente subordinata all'uomo. Nell'antichità solo donne di alto rango avevano un riconoscimento giuridico. I codici più antichi parlano, per le donne, di ruoli come sacerdotesse, madri e mogli. 
Nell'antico Egitto la donna è la sovrana della casa, accudisce la prole e in misura esigua, partecipa alla vita sociale del marito. In caso di adulterio o sterilità si poteva divorziare ma, se al marito veniva concessa la possibilità di crearsi una nuova famiglia, la moglie, invece, no. Solo dinnanzi alla morte otteneva gli stessi trattamenti. Anche se figlia di faraoni, non poteva assumere questa carica, prettamente maschile, era solo utile per un matrimonio di potere; infatti, era usanza suggellare alleanze dando in sposa la donna ad una famiglia di pari, o più elevata, classe sociale. La società era prettamente di impronta maschilista.  Esisteva il gineceo, abitazione riservata alle donne che praticamente, alla vita pubblica non partecipavano se non per le funzioni religiose. Diffusa la prostituzione, al punto che era gestita dallo Stato ( il primo ad istituzionalizzarla fu Solone). I Fenici usarono questa " attività" per aumentare gli introiti, infatti le sacerdotesse, servivano la divinità con il corpo, così aumentavano gli introiti del tempio. 
Durante la XVIII dinastia, in Egitto, ci fu una regina che però non si fece mai raffigurare con sembianze femminili, bensì con abiti maschili e con finta barba iil suo nome era
HATSHEPSUT:
il nome significa colui che regna sul giunco e sull'ape.
Era l'unica figlia di Tutmose I, riuscì a conquistare il potere perché si dichiarò reggente del figliastro Tutmose III, dopo avere ottenuto l'appoggio dei più alti funzionari del regno e dei sacrdoti. Per dare più forza alla sua persona, in qualità di sovrana,  diede vita a un'ampia azione di propaganda, dimostrando che era volere paterno che lei divenisse regina d'Egitto. Creò così il mito della sua nascita dove afferma che Amon stesso collaborò per il suo concepimento. Fece anche scolpire l'appoggio del Dio sui monumenti. Il suo governo fu improntato a ristabilire i contatti con i paesi stranieri così da far aumentare l'influenza egiziana. Quando morì il suo corpo venne sepolto nella valle dei Re. Tutmose III, quando divenne finalmente imperatore sentenziò la "damnatio memorie e fece cancellare ogni traccia di questa regina. 

Altra grande donna dell'epoca è la regina Cleopatra
Regina nel periodo Tolemaico, il nome significa gloria del padre. Fu la più grande minaccia dell'epoca romana, essa disponeva di un grande e ben fornito esercito e di una stupenda flotta. Inoltre si dice che fosse molto bella e usò il suo fascino per il potere. Piegò al suo volere uomini potenti come Marco Antonio e Giulio Cesare. In realtà non governò mai come unica e sola sovrana, bensì in qualità di reggente o co-reggente.



Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …