Passa ai contenuti principali

A SPASSO PER LONDRA

classifica


Nel post precedente ho invitato a guardare dei video che riguardano la capitale inglese.
Ora vi propongo dei luoghi che non sempre vengono presi in considerazione dai turisti:

La chiesa di San Martino, o meglio, San Martin in the Fields.
Si trova vicino alla Nationl Gallery, tra Whitehall e la City allego una mappa




Un po' di storia

La chiesa sorge sui resti di due altre chiese, una del 1222, l'atra del 1542. Per volere del noto Enrico VIII, la chiesa, nel 1722-26, venne restaurata completamente dandole l'aspetto che ancora oggi si può  ammirare. James Gibbs, il suo creatore, ricevette all'epoca parecchie critiche, soprattutto per il campanile a pagoda, di 56m, che contrasta nettamente con l'intero stile dell'edificio classicheggiante. Invece, in seguito molti architetti, nella maggioranza americani, si rifecero a questa tipologia.  All'interno troviamo degli affreschi dipinti dalle mani esperte di due italiani Artari e Bugatti. Nelle occasioni speciali viene esposta la bandiera della flotta inglese, White Ensigne, perché il patron della stessa è l'Ammiragliato britannico.


Nella cripta ci sono i resti di un artista e anticamente era stato sepolto anche il padre della chimica moderna Robert Boyle, nel 1691, di fianco a sua sorella. Durante il restauro della chiesa, le spoglie vennero traslate e non rimase nessuna testimonianza in sede. 

Anche se è un luogo di culto, questa chiesa è rinomata per le sue attività artistiche e musicali, la sua Accademia, fondata da Marriner Neville, è celebre in tutto il mondo. Qui sono ospitati veri concerti dove si esibiscono celebri musicisti. Molto spesso i concerti, di musica classica, sono suonati con l'organo della chiesa. Generalmente la durata è di un'ora e, per chi lo desidera, dopo può lasciare una donazione.

Nel sotterraneo della chiesa si trova the Cafe in the Crypt. Un bar in cui si può mangiare. 

The Cafe in the Crypt


Altro luogo molto bello è il Chelsea Physic Garden, sulle rive del Tamigi. La scoperta della sua esistenza risale al 1673 ad opera della Worshipful Society of Apothecaries. Allego un link per le informazioni.
E' un orto botanico legato alle piante ed erbe officinali.

Dennis Severs House
Non è un museo è una casa privata aperta al pubblico. Questa casa è stata acquistata nel 1979 da un americano, Signor Spitalfields. Non apportò alcuna modifica e non volle nemmeno farla diventare un museo, la sistemò, con un budget limitato. Non era uno storico era un bohemien che volle sotemare questa dimora seguendo l'idea che aveva lui della vita domestica del XVIII secolo.  La visita ci dà un'idea di come viveva una famiglia. Prima dell'entrata dei visitatori preparano il tavolo con il cibo, appoggiano sui ripiani mazzi di fiori freschi per dare la senzazione di una casa ancora vissuta. Non esiste luce elettrica è tutto illuminato dalle candele e in cucina c'è il fuoco che arde.
Chi c'è stato afferma che è un'esperienza unica e viene consigliata. Allego sempre un link di riferimento per informazionni
Vi consiglio anche questo video per avere un'idea di cosa si può vedere e sentire


John Soane's Museum
la casa in cui visse l'architetto omonimo. Oltre ad ammirare le varie opere d'arte la casa è piena di pareti segrete che alla loro apertura svelano altre opere.

Se poi si vuole andare in un bar insolito allora che c'è di meglio di Callooh Callay? Il locale è nascosto dietro ad una porta di un armadio gigante, e si ispira ad un poema di Lewis Carroll, Jabberwocky.
MUSEO


Callooh Callay Bar



Per chi è interessato allego due link per avere delle guide sulla città, sono in formato PDF, basta andare in fondo alla pagina salvarle e poi scaricarle oppure stamparle direttamente.

ED ecco un video di un concerto in San Martin in the Fields




Questo è sul giardino botanico

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…