Passa ai contenuti principali

CASTEL BRANDO


CASTEL BRANDO




classifica


In Veneto, più precisamente in provincia di Treviso, a Cison di Valmarino,  si trova un bellissimo castello. E' situato alle pendici del monte Castello. Le sue origini sono molto antiche, infatti era un castrum, ossia una fortificazione eretta per difendere la pianura sottostante ed il centro abitato che sorgeva nei dintorni e che decadde con l'invasione dei Goti. Questi ultimi ebbero la meglio perché, poiché giungevano dai valichi del nord, non potevano essere avvistati. I Longobardi, molto presenti nella vallata con l'istituzione del Ducato di Ceneda,  lo restaurarono e ampliarono ma poco dopo lo diedero in dono ai vescovi locali, per volere della regina Teodolinda, e la mantennero anche sotto il dominio dei Franchi e durante il Sacro Romano Impero. Dal XI° secolo il castello, divenuto Feudo, appartenne a varie signorie locali, fino al 1343, che tornò in possesso alla diocesi. Morto il vescovo Rampini venne assoggettato dalla Serenissima che lo diede a Marin Faliero, futuro Doge, ma dopo poco ritornò nelle mani della Repubblica Veneziana. Un secolo più tardi divenne padrone Brandolino IV Brandolini e Gattamelata, due condottieri di ventura che erano al servizio di Venezia. In seguito Gattamelata donò l'intera sua parte a Brandolino che, una volta raggiunta una pace duratura in tutta la Repubblica, lo ttraformò in residenza privata adottando delle modifiche seguendo lo stile delle ville venete. I Brandolini rimasero proprietari del castello fino al 1959, dopo fu donato i Salesiani che lo utilizzarono come luogo di ritiro e seminari. Nel 1997 i Salesiani lo hanno venduto all'imprenditore Colomban che lo ha restaurato. Oggi ha un albergo ed è un monumento nazionale.
Un soggiorno in questo luogo è qualcosa di unico se poi ci si reca in un periodo in cui c'è meno affluenza quasi ci si sente dei castellani. Le stanze sono molto  ben curate, una delle più belle è sicuramente quella appartenuta alla regina Teodolinda e che porta il suo nome. Dentro al castello si può visitare, solo se si è ospiti, le prigioni, il museo delle armi e quello delle carrozze. Comunque già passeggiare nell'interno delle mura o nel grande parco che lo circonda è una bella esperienza. Inoltre nel suo interno è presente una SPA, per gli amanti dei massaggi questa è la ciliegina sulla torta.

Se si ci si ferma per qualche giorno nei dintorni ci sono luoghi molto interessanti da visitare.
Sempre, se siete interessati continuate a seguirmi che presenterò anche quel che si può, e a mio parere si dovrebbe perché ne vale la pena, vedere  intorno al castello senza neanche fare troppa strada. 

In Italia ci sono luoghi bellissimi da scoprire e il più delle volte sono vicini a casa, mi domando a volte perché sobbarcarsi 1000 o più chilometri o viaggi spossanti e lunghi oppure costosi, quando a portata di mano abbiamo dei tesori nascosti che molti stranieri ci invidiano!


L'esterno del castello





                                                                                                  



L'INTERNO




   



LA SPA
                                                                               













LA CHIESA DEL CASTELLO





 



Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…