Passa ai contenuti principali

CENT'ANNI DI SOLITUDINE

classifica

CENT'ANNI DI SOLITUDINE  di Gabriel Garcia Marquez 1967 prima edizione


Un altro libro che considero intramontabile e, sinceramento, ho letto due volte. Anche per questo scrittore l'opera è stata molto significativa, infatti è stata considerata la più importante e rappresntativa per il mondo latinoamericano negli anni a cavallo del 1960/70. A Cartagena, durante il V° congresso internazionale della lingua spagnola, del 2007, il romanzo è stato votato come la seconda opera più importante, dopo Don Chisciotte della Mancia, in lingua spagnola.
La trama è semplice narra le vicende della famiglia colombiana dei Buendia partendo dalla fondazione del paese, Macondo, per volere del capostipite José Arcadio Buendia e sua moglia Ursula Iguaran. José aveva sognato questa cittadina e così decide di fondarla. A Macondo vivrà e prospererà la dinastia sottomessa ad eventi strani, inaspettati insoliti e straordinari. Le intere generazioni saranno soggette a questi eventi soprannaturali fino a quando un discendente riuscirà ad interpretare un antico scritto in codice che generazioni di uomini dei Buendia avevano, invano,tentato di decifrare. Viene, così, informato di tutte le fortune e sfortune che hanno coinvolto la stirpe Buendia. La chiroveggenza e il mondo magico, è una parte viva della cultura colombiana, dove vivi e morti non hanno quasi una linea di confine e dove la predestinazione degli eventi è data per scontata. Consiglio vivamente la lettura e anche la rilettura di questa opera. Ho aggiunto la rilettura non perchè sia complicata la narrazione è che ci sono una marea infinita di nomi e certe sfumature si perdono nella prima visione.
Per chi è interessato può trovare il romanzo nel sito di IBS.it al prezzo di  8,50
http://www.ibs.it/code/9788807830099/garcia-mar/cent-anni-solitudine.html


voto: 8   

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…