Passa ai contenuti principali

LA TEORIA DEI GIOCHI

sito

Ho deciso di proporre dei video culturali per oggi  propongo:
il primo di questa serie si intitola la teoria dei giochi. Il relatore è John Nash.
Chi è costui?
E' un matematico ed economista americano, nato nel 1928. E' tra i più brillanti e ha rivoluzionato l'economia con i suoi studi di matematica applicata alla teoria dei giochi, vincendo il Nobel per l'economia nel 1994.
E' un matematico puro e ha una splendida capacità: affrontare i problemi sotto una visione del tutto innovativa, riuscendo a trovare soluzioni eleganti a problemi molto complessi, ad esempio sulle varietà algebriche, le derivate parziali, l'equazioni differenziali paraboliche e la matematica quantistica.  Per assurdo quando frequentava le scuole elementari la sua situazione non era tra le più rosee; gli insegnanti non avevano capito il genio che albergava nella sua mente, al contrario avevano notato la sua mancanza di abilità sociali. In realtà, poiché era annoiato dalle lezioni, il suo atteggiamento non era tra i più splendidi. Come Nash, anche Einstein aveva dimostrato una certa intolleranza alle tradizioni scolastiche.  Ovviamente man mano che si sale negli studi la sua genialità si rivelerà molto utile. Ad esempio al liceo guadagna rispetto e considerazione.  Guadagna una borsa di studio e così si reca a Pittsburg per studiare chimica, ma poco dopo scopre la passione per la matematica, mostrando abilità superlative, soprattutto nell'affrontare problemi complessi. Purtroppo ha un handicap, in effetti nell'interazione con le altre persone si rivela una frana, non riesce ad instaurare alcun rapporto di amicizia né con donne né con uomini. Partecipa ad una competizione, la Putnam Mathematical Competition, ma non vince e questa sconfitta sarà molto dura da digerire. Nonostante ciò si mette in luce, Harvard e Princeton, due notissime e superlative università, lo convocano e Nash opta per la seconda. 
Rimane scritto negli annali di Princeton ciò che redasse il rettore: "QUEST'UOMO E' UN GENIO".
Qui entra in contatto con personaggi come Einstein, Von Newman ed altri.
Negli anni di permanenza in questa università si interessa alla topologia, alla geometria algebrica, alla teoria dei giochi e alla logica. Nel 1949 stabilisce i principi matematici della teoria dei giochi, 45 anni più tardi questo studio per il dottorato gli faranno ricevere il Nobel.
Un suo collega, Ordeshook afferma:
Il concetto di Equilibrio di Nash, è il più importante nella teoria dei giochi non competitivi. Banalizzando tale teoria si può affermare che LE STRATEGIE DI EQUILIBRIO SONO TENTATIVI DI PREDIZIONE CIRCA IL COMPORTAMENTO DELLA GENTE."
Per maggior approfondimenti ecco dei link:
http://it.wikipedia.org/wiki/Equilibrio_di_Nash
http://doc.studenti.it/appunti/matematica/2/teoria-giochi-nash.html

Purtroppo poco dopo si manifesta l'inizio della schizofrenia. Sulla vita di questo brillante uomo è stato realizzato un film che consiglio vivamente  A Beautiful Minds.

Ed ecco ora il video culturale

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…