Passa ai contenuti principali

EVEREST: UNA GRANDE SFIDA

classifica


E' da un po di tempo che sto proponendo,ogni domenica, la lettura di due capitoli alla volta di un libro scritto da un alpinista comasco. Questo ragazzo narra la sua avventura sull'Everest.

Ho letto alcuni libri al riguardo e ne consiglio uno molto bello scritto da Simone Moro.  Se a qualcuno interessa ecco il link del suo sito:

Alpinista e aviatore, diventato famoso per aver salito per primo in inverno tre ottomila, il Sisha Pangma, (2005), il Makalu (2009), il Gasherbrum (2011). Inoltre ha scalato ben sette cime dei quattordici ottomila e ha raggiunto ben quattro volte la cima dell'Everest.

COMETA SULL'ANNAPURNA:


Nel 1997 Moro partecipa alla spedizione su questa vetta. E' in compagnia di un suo grande amico Anatoli Boukreev. Purtroppo non sarà una scalata a lieto fine, il giorno di natale una valanga colpisce il gruppo. Moro, dopo un volo di 800 metri, è l'unico superstite. Il libro non parla solo della tragedia ma spiega il motivo che spinge l'uomo a compiere queste imprese da una parte affascinanti ma dall'altra pericolosissime.

Moro afferma:-" Scalare le montagne del mondo è il mezzo per scoprire culture, popoli e problemi oltre che scoprire i propri limiti, siano essi di tipo tecnico che psicologici"-

Questo libro è un piacere da leggere e per un appassionato della montagna non può assolutamente mancare. Ci sono anche fotografie che aiutano il lettore a comprendere meglio gli sforzi, le fatiche e i pericoli che si soffrono scalando queste vette.

Non so cosa darei per riuscire un giorno, non dico di partecipare ad una spedizione, ma almeno raggiungere il primo campo base dell'Everest. Sono consapevole che rimarrà un sogno nel cassetto, ma la speranza è l'ultima a morire.

Ed ecco il video. Tratto da YouTube, è diviso in 5 parti e si intitola 
EVEREST UNA SFIDA LUNGA 50 ANNI



PRIMA PARTE


SECONDA PARTE


TERZA PARTE


QUARTA PARTE


QUINTA PARTE


Per chi desidera propongo anche la visione di un film  del 2007 EVEREST

Parte prima



Parte seconda


Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…