Passa ai contenuti principali

FAHRENHEIT 451

classifica


FAHRENHEIT 451 di Bradbury Ray





Genere distopico. In una nuova società si scopre che i libri sono troppo pericolosi, così vengono distrutti e viene promulgata una legge che afferma : "LEGGERE O POSSEDERE LIBRI E' VIETATO".

In questa nuova assurda situazione i controllori sono i pompieri, pronti a dare alle fiamme ogni scritto che incontrano sul loro cammino. Il titolo del romanzo indica i gradi  fahrenheit di accensione per bruciare un libro che corrispondono, in centigradi, ai 233° del sistema internazionale.

Le persone per avere un'istruzione possono avvalersi solo della televisione, dove ogni programma è deciso da coloro che governano.
Il giusto e lo sbagliato, la conoscenza, è decisa in modo arbitrario.

Il protagonista, un vigile del fuoco che porta il numero 233 di nome Montag, un giorno trova un libro e, incuriosito, inizia a sfogliare le pagine . Alla fine si trova a leggere e ciò lo affascina al punto che prenderà la decisione di non bruciare più alcun libro, anzi spenderà le sue forze per cercare di salvare quei pochi rimasti. In questa impresa è affiancato da una ragazza, la sua vicina, di nome Clarisse. Quando non sono impegnati, trascorrono il tempo a chiacchierare con allegria e spensieratezza su libri e storie. E' in comportamento insolito il loro, nessuno è così. La ragazza ed i suoi familiari non hanno televisioni, il loro sapere deriva dai libri che sono, miracolosamente, riusciti a salvare. La lettura approfondita e costante, porta il pompiere a meditare sulla vita, su come fino a poco tempo prima viveva, e capisce che fino ad allora non aveva mai vissuto pienamente; non era una vita la sua era solo sopravvivere: ubbidiva alle direttive dei capi, conviveva con una donna che in fondo, anche se era la moglie, era un'estranea, non aveva allacciato con nessun altro essere umano un vero e profondo rapporto. Nessuno lo faceva. Ma così era vivere? La risposta che ormai gli veniva dal cuore era solo ed esclusivamente NO.  Era stato grazie ai libri e a ciò che trasmettono che aveva aperto gli occhi e aveva iniziato a ragionare e comprendere. Purtroppo la moglie si accorge del cambiamento del marito e si accorge della nuova passione così lo denuncia.
Quando viene scoperto dai suoi superiori viene costretto a dare alle fiamme ogni volume, Montag con il lancia fiamme in mano ad un certo punto ha un attimo di esitazione quindi, rivolge l'arma contro il suo capo e lo annienta. Non può più bruciare i libri perché ha scoperto il valore che ognuno di essi ha e infonde. E' assurdo , malevole, ingiusto dare in pasto alle fiamme i libri, perché compiendo questa orripilante azione è come bruciare l'anima degli uomini che vivono oggi, che hanno vissuto ieri e che vivranno un domani. E cosa è un uomo senza anima? Avendo ucciso il suo superiore al pompiere non rimane altro che darsi alla fuga ed è proprio in questa situazione che conoscerà altri uomini che, come lui, si sono ribellati alle regole assurde e hanno salvato la memoria letteraria che, altrimenti, andava persa per sempre. 
Nel sito IBS.it, si trova  in formato cartaceo a € 6,75, oppure usato a € 2,25.
Consiglio vivamente la lettura di questo romanzo per capire che non è solo una storia ma è già accaduto e ancora oggi accade e, se non cresciamo civilmente, accadrà anche un domani, che per un motivo qualsiasi è molto facile prendere e bruciare. 
In ogni epoca che è successo il motivo principe non è altro che la supremazia di un individuo sui suoi simili.
http://www.ibs.it/code/9788804487715/bradbury-ray/fahrenheit-451.html

Voto:8/9

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…