Passa ai contenuti principali

IL DESERTO DEI TARTARI

classifica


Quando andavo a scuola non amavo leggere, ero arrivata al punto di sostenere il non amore per la lettura, quando, tornando dalle vacanze estive, dovevo portare i riassunti dei libri assegnati per i compiti dell'estate. Un anno poi mi capitò tra le mani un libro Dino Buzzati -il deserto dei tartari- è stato con questo romanzo, molto particolare per me, che è avvenuto il cambiamento. Da allora ho iniziato a leggere e, non solo non mi sono più fermata, ma ho accresciuto la quantità di lettura nel mese. Adesso non c'è giorno che non leggo, almeno un capitolo. Ma cosa aveva di particolare questo racconto, da indurmi a questa metamorfosi?


IL DESERTO DEI TARTARI  di Dino Buzzati 1940 prima pubblicazione.


Con questa opera l'autore si è guadagnato il posto di grande scrittore del novecento italiano.  Narra la vita di Giovanni Drogo, un ventunenne che per ambizione giunge alla fortezza Bastiani, dove viene nominato tenente. Questa fortezza si trova nell'ultimo avamposto del regno e domina l'intera pianura dove una volta era teatro di terribili incursioni nemiche. Inizialmente il giovane rimane quasi scioccato dall'ambiente a tal punto che decide di rimanervi lo stretto indispensabile, ma poi, più trascorre il tempo, più si adatta a questo posto ameno, al punto di sentirlo e viverlo come se fosse casa. Così trascorrono gli anni e lui, ormai vecchio e malato è costretto al ritorno in patria amareggiato perché è rimasto tutta la vita appeso al filo di speranza di avere prima o poi la sua grande occasione. Solo negli ultimi istanti della sua vita Drogo capisce quale era, in realtà la sua missione e l'esito positivo della sua esperienza. Infatti nella fortezza egli ha imparato ad accettare la situazione, qualsiasi essa sia, e, soprattutto, ha imparato ad attendere la morte, unico e vero nemico, e ad affrontarla senza provare alcun timore.
La lettura delle pagine mi ha sempre più coinvolto. Ho vissuto con il protagonista il senso di attesa, di solitudine di incertezza e di infinità che trasmettevano le descrizioni dei luoghi e delle situazioni. E' un libro che consiglio, anche se datato. Ma ci sono opere che non hanno tempo e spazio.
Per chi è interessato si trova su IBS.it a  7,65 in cartaceo oppure in ebook a € 6,99 o usato a € 5,40.
http://www.ibs.it/code/9788804492955/buzzati-dino/deserto-dei-tartari.html
voto: 8

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…