Passa ai contenuti principali

IL TEOREMA DEL PAPPAGALLO

classifica

IL TEOREMA DEL PAPPAGALLO di Denis Guedj 

Un ottantenne vive a Parigi ed è proprietario di una libreria dove lavora Perette Liard. La donna ha tre figli, Jonathan,Lea e Max, qust'ultiom adottato a undici anni. La vita tranquilla del bibliotecario, Pierre Ruche, ad un certo punto viene scossa dall'arrivo di una lettera proveniente da Manaus. Un vecchio amico, Elgar Grosrouvre, informa pierre dell'imminete arrivo di un consistente numero di libri di matematica. Già in allarme, l'anziano riceve poco dopo una nuova notizia dal suo antico compagno di studi. Qiesti infatti gli spiega la sua imminente morte che averrà in circostanze oscure. Inoltre confida al bibliotecario che finalmente è riuscito a trovare la soluzione dell'ultimo teorema di Fermat e della congettura di Goldbach. Purtroppo, continua nella missiva, un gruppo di persone vuole mettere le mani su queste soluzioni ed è per questo che è in pericolo. In caso di morte le spiegazioni sono state imparate da un fedele compagno di Grosrouvre, perciò sono al sicuro. Segue una lista di matematici che parte da Talete fino a Eulero, passando per fermat e Cartesio. Pierre, aiutato dal giovane Max, inizia un viaggio nella matematica per poter risolvere il mistero della morte dell'amico. Ruolo chiave dell'intera vicenda è quello di Nofutur un pappagallo che, nel primo capitolo, max salva da due figure losche. Durante le discussioni concernenti la matematica il pappagallo interviene con affermazioni che sfiorano la saggezza. Questi, nella vicneda, avrà un ruolo chiave. Infatti il vero nome dell'uccello è Mamaguena ed era il pappagallo di Grosrouvre, ed è proprio lui il depositario delle dimostrazioni! La storia finirà.....
Romanzo molto bello. Lo scrittore con la scusa del giallo di sottofondo dà al lettore una bella carellata sui maggiori matematici esistiti. Non è una lettura difficile, anzi...lo consiglio. Con questo romanzo, e quello di Berenice, ho iniziato ad apprezzare le storie di matematici, perchè un conto è la matematica scolastico, di cui avevo un ricordo orribile, un conto è un romanzo come questo o i prossimi che troverete.
Nel sito IBS.it si trova il cartaceoa € 16,80, l'ebook a €6,99 e l'usato a €8,40.
http://www.ibs.it/code/9788830417588/guedj-denis/teorema-del-pappagallo.html


Voto:8,5

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…