Passa ai contenuti principali

STORIA DEI LIBRI: I ROGHI DEI LIBRI-ALESSANDRIA D'EGITTO

classifica


ALESSANDRIA
Molti di noi hanno sentito parlare di questo tempio della cultura. La biblioteca venne istituita subito dopo la fondazione della città e risale all'incirca all'inizio del III secolo a.C..
Una leggenda racconta che tutti coloro che giungevano ad Alessandria, dovevano consegnare gli scritti in loro possesso perché così venivano copiati. Era la più grande e completa biblioteca dell'epoca e molti studiosi vi si recavano. Faceva parte del Museion, "Dimora delle Muse", l'anticipazione delle Università. Quando bruciò, tutto il sapere in essa contenuto andò perso. Dalla sua scomparsa sono trascorsi due millenni e nel 2002, sia la biblioteca, sia il centro culturale sono stati ricostruiti e aperti al pubblico. Oggi la biblioteca di Alessandria è un'opera architettonica di avanzata tecnologia ma che evoca lo splendore dell'antica  tolemaica. Possiede 8 milioni di volumi e per questo è considerata la più importante biblioteca del mondo arabo. Ha una struttura futuristica e nella struttura sono inseriti il planetario e il museo della scienza. Il materiale impiegato è il marmo di Assuan. Sulle sue superfici ci sono pittogrammi, gigantesche lettere, geroglifici e caratteri di alfabeti ancora sconosciuti, così da unire il passato al presente.  Nel pavimento dell'entrata si possono ammirare dei mosaici, originali dell'epoca antica.
Alessandria d'Egitto con Tolomeo I e II divenne un centro nevralgico e per questo, la capitale dell'Egitto ellenizzato. Fu per volere di Tolomeo I che si edificò la biblioteca e i sovrani successivi continuarono l'opera di arricchimento e abbellimento sia della città, sia della biblioteca. Con Augusto la città entrò a far parte dell'impero romano e vi si stabilì il governatore, rimanendo sempre un centro di primaria importanza. Ma perché venne distrutto questo maestoso centro del sapere? 
La leggenda racconta che Cleopatra temendo di essere presa in ostaggio o essere uccisa decise di farsi trasportare in un battello fino al palazzo, rimanendo nascosta dentro ad un tappeto. Cesare venuto a sapere del tentato inganno da parte della bella Cleopatra, ne rimase affascinato e prese le difese della donna, andando contro a Tolomeo. Per paura di un'eventuale rappresaglia decise di dare alle fiamme le imbarcazioni, ormeggiate nel porto adiacente alla biblioteca. Purtroppo l'incendio raggiunse quest'ultima, distruggendola. La biblioteca subì svariati incendi durante la sua esistenza. Il primo nel 292 quando Diocleziano  decretò il rogo di tutti i testi di alchimia, seguì quello voluto da Atanasio (367), che imponeva ai monaci di custodire solo i testi considerati canonici ( la conservazione di questi hanno formato l'odierno Nuovo Testamento). Nel 642, Amr-ib-al-As distrusse la biblioteca, appena dopo aver conquistato la città, per ordine del califfo che affermava:- " in quei libri o ci sono cose già presenti nel Corano o cose che del Corano non fanno parte: se sono presenti nel Corano , allora, sono inutili, se non sono presenti sono dannose e vanno distrutte."-
Un direttore della biblioteca divenne famoso: Eratostene. Matematico, astronomo e poeta greco è passato alla storia perché  è considerato come il  primo uomo ad avere descritto ed applicato un metodo per misurare le dimensioni della terra.
Denis Guedj ha scritto un romanzo a tal proposito :-" la chioma di Berenice:"-


La biblioteca nell'antichità


la biblioteca oggi

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…