Passa ai contenuti principali

IL PASSO SAN BOLDO


LA STRADA DEI CENTO GIORNI




Questa estate siamo andati un fine settimana in giro, vicino a casa, e girovagando siamo arrivati qua.
Luogo suggestivo non è vero?




Si chiama la strada dei cento giorni e si trova in Veneto, mette in comunicazione due valli: Valmareno e Valbelluna. Il valico, Passo San Boldo, in dialetto Canal de San Boit o canale della Scala, ha una grande importanza storica.

Le sue origini risalgono all'epoca romana, è affiancato da torri di vedetta, ne restano due dell'età bizantina, affiancava i collegamenti tra il trevigiano e la Valbelluna, era usato da pastori, mercanti, pellegrini, che si recavano in Spagna, e zattieri (i conduttori di zattere che risalivano e scendevano il Piave dal bellunese e dal Cadore).

Nell'ottocento furono presentate varie richieste per costruire un passaggio più comodo. I lavori iniziarono solo nel 1914 ad opera degli austriaci. In quel periodo, ricordiamo che il Veneto faceva parte dell'Impero austroungarico.

L'ingegnere dei lavori si chiamava Carpenè Giuseppe e la manodopera locale, 500 emigranti che per l'occasione rientrarono in patria. I primi lavori, durati dal 1914 al 1916, interessarono solo il primo tratto.

Durante la prima guerra mondiale assunse importanza strategica perciò il genio austriaco completò l'opera in soli cento giorni, da qui il nome, e si dimostrò un lavoro immane. Infatti vennero anche scavate cinque gallerie.

la realizzazione della strada sarebbe stata un punto cruciale per l'offensiva prevista per la metà di giugno del 1918 con le operazioni Albrecht, sul fronte del Piave, e quella di Radetzky, per il Grappa e gli altipiani. Questa volta gli operai erano in 7000, tutti austro-ungarici.

E' stato stimato che ogni operaio lavorò per un ammontare di 1.600.000 ore. Perirono nei lavori due operai.

Come esplosivi vennero impiegati dinamite, nitroglicerina e ossigeno liquido.
attualmente la strada è larga 5 metri ed è lunga 15 Km, quando era ancora una mulattiera la larghezza era solo di 3 metri




A lungo la strada è rimasta in terra battuta, ora è stata anche asfaltata ma comunque è un luogo veramente affascinante.

Nel 1966, è stato attraversato dal giro d'Italia

Questo video mostra la bellezza di questo luogo. Una strada divertente da percorrere con le moto.
Se non abitate tanto lontani e avete una domenica di noia, perché non farci un giro? Ve lo consiglio, ciao

                         classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…