Passa ai contenuti principali

LA SEZIONE AUREA IN MATEMATICA


LA SEZIONE AUREA
in matematica




Innanzitutto la sezione aurea, conosciuta anche come rapporto aureo, numero aureo, costante di Fidia,* proporzione divina, è il rapporto tra due lunghezze disuguali dove la maggiore è medio proporzionale tra la minore e la somma delle due lunghezze cioè:


* Fidia fu uno scultore e architetto  greco che visionò la costruzione del Partenone utilizzando dei rettangoli vediamo la foto e spieghiamo:


vediamo che in tutto il Partenone è un rettangolo aureo

                              Il rettangolo aureo


diviso in quadrati



Se da esso si toglie un quadrato di lato pari all'altezza, la parte rimanente è sempre un altro rettangolo aureo.


In quest'ultimo si toglie dal basso un altro quadrato otteniamo un  altro rettangolo aureo, e così via. Fidia usò questo per determinare l'altezza delle colonne e del frontone ed è per tale motivo che il simbolo della sezione aurea, phi greco, è l'iniziale del Fidia φ

b:a=a:(a+b), o a+b = a   =      b    
                             a       b         a-b

numericamente parlando questo rapporto vale circa 1,6180 e la formula si scrive in questo

Ø =   1+√5  ~ 1,6180339887

Altro modo per calcolare il valore di tale numero è con il rettangolo aureo ed equivale a:

0,5+ √1,25= 1,6189339887498948482045868343656, numero irrazionale (non rappresentabile come frazione di numero intero) e algebrico e lo si può approssimare dai rapporti fra due termini successivi della famosa serie di Fibonacci (1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,144...)*

Per maggiori ragguagli  andate qui scienza e musica.

* Se notate nella sequenza di Fibonacci (prima progressione logica della matematica) troviamo 1, poi 1, quindi 2 poi 5 perché
0+1=1; 1+1=2; 1+2=3; 2+3=5; 3+5=8; 5+8=13; 8+13=21...
ossia è la somma dei due che lo precedono
inoltre se un qualsiasi numero della serie è elevata al quadrato, questo è uguale al prodotto tra il numero che lo segue e quello che lo precede aumentato o diminuito di una unità
il quadrato di 21 è 441  (13 *34)-1=441
il quadrato di 8 è 64      (5*13)-1=64


Piccola curiosità:



                   
Siamo a Pisa anno 1223, l'imperatore Federico II di Svevia fu spettatore di un singolare torneo tra abachisti e algoritmisti. Si voleva dimostrare che usando il metodo posizionale indiano, appreso dagli arabi, si poteva giungere al risultato molto più velocemente che usando il pallottoliere.
Si diede un testo che così affermava:

"Quante coppie di conigli si ottengono in un anno (salvo i casi di morte) supponendo che ogni coppia dia alla luce un'altra coppia ogni mese e che le coppie più giovani siano in grado di riprodursi già al secondo mese di vita?".

Partecipò un certo Leonardo, detto Bigollo o fillio di Bonacci ( Fibonacci) e vinse la gara perché la sua risposta fu rapida e perfetta:

Alla fine del primo mese si ha la prima coppia ed una coppia da questa generata; alla fine del secondo mese si aggiunge una terza coppia, ma vi sono due coppie in più, perché anche la seconda coppia ha cominciato a generare, portando il conto a 5 coppie, e così via. Il ragionamento prosegue con la seguente  progressione:
1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, 233, 377, 610, 987, 1597, 2584, 4181, 6765, 10946, 17711, 28657, 46368, 75025, 121393...

Fibonacci, in seguito viaggiò per la Siria, l'Egitto, la Grecia venendo a contatto con i più grandi metematici del tempo musulmani. Da ciò deriva la stesura del "LIBER ABACI", dove spiegava agli occidentali il mistero delle nuove figure indiane e la loro utilità. rendendo anche noto lo 0, "zephirum appellantur" numero vuoto come il vento, perciò chiamato zefito, zefir, zero

Per chi è interessato consiglio la lettura di due libri al riguardo:
La sezione aurea di Mario Livio
I numeri magici di Fibonacci di Keith Delvin
trovate la recensione nella sezione " consiglio libri sulla matematica e scienza"

Ed ecco ora dei video da Youtube
la sezione aurea del Partenone

                                 

e la Divina Proporzione secondo Odifreddi, parte prima

                              


parte seconda


                               


classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…