Passa ai contenuti principali

LANZA DEL VASTO


LANZA DEL VASTO





Filosofo, poeta, scrittore italiano del '900.

Cenni biografici:
Nasce nel 1901 a San Vito dei Normanni, appartiene alla famiglia nobile siciliana Lanza di Trabia Branciforte e il suo vero nome è Giuseppe Giovanni Luigi Enrico Lanza di Tabia Brancifiorte. Fondatore di varie comunità rurali ispirate alle realtà di Gandhi. Attivista non violento contro la guerra d'Algeria e gli armamenti nucleari.

I genitori erano la marchesa belga Anna Maria Enrichetta Nauts e il padre Luigi Giuseppe, figlio del principe siciliano Giuseppe III di Lanza di Trabia.
Gli studi avvengono a Parigi al liceo Condorcet e la laurea di filosofia a Pisa.

Essendo contrario alla guerra di Algeria, decide di partire per l'India dove conosce Gandhi. Egli perciò apprende il metodo di liberazione usato dal Mahatma per combattere l'occupazione dell'India,  la non violenza. 
Del Vasto afferma che effettivamente la non violenza non è un modo di espressione insita nell'uomo in quanto la vigliaccheria e la violenza fanno la forza delle nazioni e degli eserciti. Riuscire, quindi, a usare la non violenza è un atto di superamento di questo stato che se usato conduce al miglioramento dell'umanità.

In seguito, dopo varie peregrinazioni in Terra Santa, giunge a comprendere la sua vocazione, fondare una comunità rurale non violenta sul modello dell'ashram gandiano. Una comunità dove si coopera e dove sussiste il concetto egualitario. Fonda la comunità dell'Arca.

Negli anni a seguire questa comunità ha portato avanti svariati progetti ed iniziative attirando l'attenzione dell'opinione pubblica non solo in Francia ma in tutto il mondo.

La prima azione pubblica fu la lotta contro le torture ed i massacri compiuti in Algeria. Ebbero solidarietà sia dalla stampa sia da Mauriac (scrittore francese e premio nobel per la letteratura nel 1952), e Henri Antoine Groues, più noto come l'Abbé Pierre (fondatore della comunità Emmaus comunità per i poveri e i rifugiati uomo politico francese).
Dal 1958 si occupò del nucleare e occupò una centrale elettronucleare.

Nel 1963 intraprese un digiuno durato 40 giorni per attirare l'attenzione della Chiesa, allora riunita per il Concilio Vaticano II, in favore della pace. La risposta di quest'ultima fu la scrittura dell'enciclica Pacem in Terris.

Pensiero:
molti studiosi stanno dedicando da anni le loro attenzioni al pensiero e stile di vita proposti da Lanza del Vasto. Si può dire che egli affermava il bisogno di "disoccidentalizzarsi" per porre il cristianesimo in dialogo con tutte le altre religioni in nome della non violenza.

Del Vasto può essere considerato un ponte tra Occidente ed Oriente. Un professore dell'Istituto Religioni e Culture della Pontificia Università Gregoriana di Roma si è laureato con una tesi sul pensiero di Lanza del Vasto.
E' un discepolo il professor Drago, docente di Fisica presso l'Università di Napoli, Pisa e Firenze.

Nel 2007 si è svolto a Pisa un convegno sulla filosofia della non violenza di del Vasto, dichiarato genio del nostro tempo 

Il professor Drago in collaborazione con Trianni, docente di Storia del pensiero teologico dell'Università Pontificia Gragiriana, ha scritto un libro sulla filosofia di Lanza del Vasto intitolato "La filosofia di Lanza del Vasto. Un ponte tra Occidente ed Oriente 


Il libro si può trovare nel sito IBS.it al prezzo di  €15,30.


In Italia esiste una comunità dell'Arca
Il Mir-MN, ad esempio ha organizzato anche dei campi estivi in varie località italiane, proprio per avvicinare le persone al concetto della non violenza. Se vi interessa andate qui MIRN-MN che trovate un programma. Oppure leggete Movimento Nonviolento.org


Ecco una videointervista da YouTube

                                     

classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…