Passa ai contenuti principali

MEDIOEVO: IL CASTELLO


MEDIOEVO: IL CASTELLO




Per descrivere le abitazioni di questo periodo, diventa di fondamentale importanza l'aspetto sociale. 

Decaduto l'impero romano, la nostra penisola è oggetto di svariate invasioni da parte delle popolazioni barbare questo, ovviamente si ripercuote sullo stile di vita della popolazione. 

Assistiamo ad un impoverimento delle città che non sono in grado di sostenere tale situazione. 


La società del periodo medioevale è divisa in due classi: da una parte c'è il popolo, contadini
poveri che lavorano la terra per il signore e vivono in piccole capanne, dall'altra ci sono i nobili. Questi sono i grandi possidenti terrieri, i feudatari, che si sono allontanati dalle città, oramai sempre più in rovina, per ritirarsi nelle loro ville e da qui hanno iniziato ad esercitare il loro potere su migliaia di persone che, poiché povere ed indifese, sono costrette a lavorare per il ricco Signore in cambio di protezione.

Le ville dei nobili si fortificano divenendo dei veri e propri castelli.

Nel XI secolo la villa fortificata si trasforma in castello la cui economia è definita di "corte", curtense dal latino curtis, corte: tutti i beni, e le persone che vivono dentro alle mura costituivano un'entità economica autosufficiente.

Nei primi castelli lungo tutto il perimetro ci sono grosse torri unite da una palizzata recintata da un fossato. Nel centro c'è una costruzione più alta di legno, il maschio, qui si trova una porta mobile per accedere, il ponte levatoio. Nell'interno poi si trovano altri piccoli edifici, tra cui le cucine, generalmente isolate perché molto spesso vanno a fuoco.

Dal XII al XIII secolo assistiamo a grandi conflitti tra i vassalli e così nascono in tutta Europa tanti castelli la cui struttura di pietra man mano si perfeziona. Per meglio difendersi da eventuali invasioni i castelli sorgono su alture o in punti strategici, come ad esempio lungo crocevia di vitale importanza per la comunicazione e generalmente di grande passaggio.

La pietra diventa materiale di costruzione e anche le mura che circondano il castello non sono più di legno ma in muratura perché più solide e, generalmente raggiungono i 5 10 metri di altezza interrotte da torri.

L'interno dei castelli è così strutturato:
c'è una prima cinta muraria che serve come prima barriera a difesa delle case dei servi, questo è il primo cortile detto di servitù. Qui ci sono il forno, il macello, le stalle, le scuderie, i magazzini le officine.
Nel secondo cortile , vicino alla porta di ingresso principale, si trova la piazza d'armi. Ivi si trovano le macchine da guerra, l'armeria e gli alloggi dell'esercito.

Nella seconda cinta di mura c'è il maschio che protegge le camere del feudatario. Gli interni non hanno arredi ricchi sono di fattura semplice.







Verso il quattrocento si inizia ad avere una diversificazione tra i  castelli: alcuni diventano vere e proprie caserme, altri prigioni ed altri, ancora, vere e proprie dimore delle famiglie. Sono in questi ultimi che subiscono migliorie ed arricchimenti.





Tra il XV e il XVI secolo, con il rinascimento, i castelli diventano vere corti, palazzi stupendi con forme architettoniche armoniose ed eleganti.

In Italia siamo nel periodo dove nascono le signorie. Le più importanti sono:

Verona, con i Della Scala, Milano, con i Della Torre i Visconti e gli Sforza ( XIII sec.), 
Mantova, con i Gonzaga
Firenze, con i Medici (XIV sec.)
Ferrara, con gli Estensi
Ravenna, con i  Da Polenta
Bologna, con i Bentivoglio
Rimini, Cesena e Fano, con i Malatesta
Faenza, con i Manfredi
Urbino, con i Montefeltro
Venezia, fu un governo ducale

Venendo da Milano, città in cui ho passato tutto il periodo degli studi, vi propongo un video, da YouTube sul Castello Sforzesco, uno dei simboli della città, è stato realizzato dalla comitiva Milanodavedere. E' una visita nei passaggi segreti di questo bellissimo edificio.

            

In quest'altro vi porto nei sotterranei del Castello.

             
classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…