Passa ai contenuti principali

TUTTI I COLORI DEL MONDO





TUTTI I COLORI DEL MONDO di Giovanni Montanaro

Giovanni Montanaro: scrittore e avvocato veneziano. Ha esordito nel 2005 componendo il dramma teatrale "Arriva sempre la stessa lettera da Vienna", segua  con il romanzo " La croce di Honninfjord, nel 2007, nel 2009 ha scritto "Le conseguenze".  Con "tutti i colori del mondo"

Nel 2012 è stato pubblicato questo romanzo, scritto da Montanaro.
Siamo a Gheel, un paesino famoso per la numerosa presenza di persone con problemi mentali, perché qui le famiglie, per far quadrare il bilancio, sono solite ospitare dei matti. In questo villaggio fiammingo si trova una ragazza, Teresa Senzasogni, registrata come matta ma che in realtà non lo è. E' ospite presso la famiglia Vanheim. Un giorno arriva un uomo strano dai capelli rossi, dal carattere schivo e duro, ma che negli occhi brilla una luce al contempo viva misteriosa ed inquieta. La giovane ne rimane affascinata e sente a pelle che il destino di questa persona è incompiuto. Lei si accorge dei dipinti di questo personaggio e sente che un giorno diventerà un pittore famoso che svelerà il suo essere nell'espressione del colore. Costui è Vincent Van Gogh. Trascorrono alcuni giorni in compagnia, si instaura tra i due un forte legame ma, così come improvvisamente è arrivato ugualmente sparisce. Molti anni dopo Vincent, in effetti diventa pittore, così come aveva profetizzato Teresa e riceve una lettera da parte della donna che chiede aiuto per cercare di mettere ordine là dove c'è caos, colore dove regna il grigio e verità dove c'è menzogna. In realtà Teresa si era innamorata di questo giovane così misterioso e non lo aveva mai dimenticato e con la sua missiva chiede al pittore di ricordarsi di lei e dei momenti passati insieme.

In realtà dalle pagine del romanzo si evidenzia che all'inizio Van Gogh non sapeva nemmeno di essere un pittore, lui metteva sulla tela le sue emozioni, la sua confusione, il suo senso non senso, il suo sentirsi respinto e isolato dal mondo perché incapace a relazionarsi con gli altri. 

Sappiamo tutti che questo genio del colore soffriva di gravi disturbi mentali.

Il romanzo è raccontato in prima persona dalla ragazza, è una lettera ed inizia con la frase " Caro Signor Van Gogh, ..." Molto scorrevole e trascinante soprattutto perché, pur essendo un uomo, l'autore riesce a calarsi nel personaggio della donna nei sentimenti e in quel senso di incertezza ed instabilità che tiene il lettore in punta di piedi. Unico appunto è il finale, a mio giudizio troppo frettoloso.

Disponibile in IBS.it in formato cartaceo a 11,90, usato a € 7,00 e in digitale a € 9,99

Voto: 7

classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TRATTATO DI CASSIBILE NAZIONI UNITE UNHCR & GESUITI

In questo video, creato in collaborazione con Piero Faticoni , mettiamo in luce la parziale denuncia della Meloni. Stanno aumentando i politici che denunciano pubblicamente il coinvolgimento di George Soros nelle crisi economiche. Ma voi veramente pensate che lo fanno perché vogliono sistemare tutto? Se volessero questo, ad esempio, nel nostro Paese renderebbero pubblico il fatto che chi governa dal 1945, per non parlare prima, è l'Organizzazione delle Nazioni Unite. Dovrebbero dire chi sono in realtà, invece omettono questo, come non dichiarano che con il certificato di nascita tutti diventiamo Trust di proprietà dello Stato e quindi non esistono proprietà private perché come siamo riconosciuti , ossia schiavi, siamo noi, popolo, ad essere oggetti di proprietà. Perciò per favore smettetela di seguire questi bugiardi reiterati ed iniziate a ragionare. Soros sarà silurato dal potere e tutti i politici seguono l'ordine. Soros a questo punto potrebbe ammettere le sue responsabili…