Passa ai contenuti principali

LA FIABA DI FRAU HOLLE DEI FRATELLI GRIMM

LA FIABA DI FRAU HOLLE


E' una favola tedesca, raccontata dai fratelli Grimm, nella raccolta di fiabe del 1812 e occupa la posizione n°24. 


Una signora aveva due figlie, una brutta e tanto pigra e l'altra molto bella e assai laboriosa.
A quest'ultima la madre assegnava sempre tanti lavori domestici, anche quelli più faticosi.

Tutti i giorni, ad una certa ora, la giovane era solita recarsi al pozzo, sedersi nei pressi e filare, fino a che le dita non le sanguinavano.

Un dì, mentre era intenta a sciacquare il fuso, per errore le cadde nel pozzo.

Bisogna dire che questa graziosa fanciulla non era proprio la vera figlia, era stata adottata, ma era riuscita a conquistare il cuore, abbastanza rude, della matrigna.

Quando quest'ultima venne a sapere che la ragazza aveva perso il fuso la fece calare nel pozzo per recuperarlo.

Una volta calata, la giovane perse i sensi. Quando si risvegliò, non si trovò in un luogo buio ed angusto, bensì in un posto paradisiaco. Difronte alla ragazza stava retta una vecchia, Frau Holle, aveva denti aguzzi e... molto affilati.

L'anziana propose alla giovane di rimanere da lei, in cambio avrebbe dovuto rifare per bene il suo letto scuotendo via tutte le piume in modo che sulla Terra potesse nevicare.

L'accordo venne accettato e le due donne vissero un lungo periodo in armonia. 

Più trascorrevano i giorni e maggiormente la giovane sentiva la mancanza della sua famiglia.

Una mattina la ragazza, preso il coraggio a due mani, si confidò con la vecchina: aveva timore di farla soffrire, ma l'anziana capì il bisogno della ragazza e prima di salutarla le diede un dono.

Infatti siccome la giovane, oltre a mantenere il patto, si era veramente prodigata la ricompensa fu molto ricca una pioggia d'oro ricoprì la ragazza. 

Questa, una volta tornata a casa, narrò l'accaduto alla matrigna, che, essendo una donna avida decise di far calare nel pozzo anche l'altra figlia.

Purtroppo, però, questa volta i fatti non si svolsero nello stesso modo.

La sorellastra non amava lavorare e non mantenne i patti. Trascorreva le giornate nell'ozio più totale.
Frau Holle si stufò e rimandò indietro la pigra ragazza ricoprendola con la pece che le rimase attaccata per il resto della sua vita.

Ho inaugurato questa sezione con una favola, perché non solo possono essere ascoltate dai bambini, infatti, tutti noi abbiamo bisogno e vogliamo favole.

Studiando storia, filosofia e lettere ci si accorge che il mito, la leggenda è presente in ogni tempo ed in ogni luogo.

La psicologia, pedagogia e neuropsichiatria, materie affrontate nel mio corso di studi universitari, hanno cercato di approfondire e capire il perché.

Ecco in questa parte del blog, oltre a raccontare qualche leggenda e mito, mi piacerebbe anche riuscire a scrivere una favola mia, cercherò di presentare l'analisi e i punti di vista di alcuni psicologi e pedagogisti.

Spero che il risultato sia interessante e vi coinvolga.

Inoltre le favole saranno anche in audio per tutti coloro che vorranno ascoltare.




              classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…