Passa ai contenuti principali

L'ARCHEOLOGIA



Ho aperto questo nuovo post pubblicando questo documento preso dal sito ArcheoMolise.

Il motivo è il seguente: leggendo queste righe si denota l'amore e la passione di questo archeologo per il suo lavoro, il fascino che ha questa attività e, il messaggio che può essere visto, ossia, quanto è importante lo studio della storia e la conoscenza del nostro vissuto, perché, a mio parere, quello che siamo oggi, e che abbiamo, non ci sarebbe se non avessimo avuto e vissuto questo passato.

Detto ciò passo a descrivere l'archeologia la codicologia e la filologia.

ARCHEOLOGIA

Cos'è: il termine deriva dal greco ἀρχαιολογία, formato dalla parola ἀρχαῖος, che significa antico, λόγος, discorso. E' la scienza che studia le civiltà e le culture umane del passato e le loro relazioni con l'ambiente circostante mediante la raccolta , la documentazione e l'analisi delle tracce materiali che hanno lascito (architetture, manufatti, resti biologici e umani).

Generalmente si suddivide in discipline a seconda del periodo o della cultura che studia, per esempio archeologia classica (studi archeologici che riguardano le grandi civiltà mediterranee di Grecia antica e Roma antica), industriale ( studia tutte le testimonianze, i materiali, appositamente creati al fine di attuare processi industriali o originatesi a causa di questi, così da approfondire la conoscenza della storia del passato e del presente industriale), paleontologia ( studia la cultura delle civiltà umane preistoriche-prima della storia quello che precede la scrittura, l'era quaternaria, e protostoriche-periodo che va tra la prima metà del bronzo fino a quella del ferro-).

Se si occupa di particolari tecniche di indagine si ha l'archeologia subacquea o archeologia sperimentale, se riguarda specifiche problematiche, si ha l'archeologia urbana e la teorica, se si basa sul materiale usato, c'è la numismatica o epigrafia.

Quali sono i metodi di indagine: La principale è lo scavo stratigrafico. Consente di rimuovere strati di terreno rispettando la successione cronologica e di documentare i materiali che vi sono deposti collocandoli in una precisa sequenza cronologica. L'indagine archeologica usufruisce della ricognizione archeologica diretta o con fotografie aeree o di prospezioni geofisiche ( con georadar o magnetotermiche). 
In caso dell'archeologia subacquea viene utilizzato anche il sonar, per le cavità le sonde fotografiche.

Metodi di datazione: E' importante riuscire a capire l'epoca del reperto, per fare questo ci sono diversi metodi. Il primo è l'inserimento dell'oggetto nella sequenza stratigrafica. Se ciò non è possibile si confronta l'oggetto con altri simili. Inoltre si aggiungono le tecniche scientifiche dell'archeometria (analisi di laboratorio dei materiali di cui i beni di interesse storico, archeologico, artistico ed architettonico sono costituiti  e dei contesti naturali in cui tali beni si sono ritrovati nel tempo. Analizzano diversi materiali vetro, ceramica, metalli, pigmenti, colori e materiali organici). Per avere datazioni assolute ci si avvale del metodo Carbonio 14, o radiocarbonio, per i materiali organici. Per rocce fossili, si usano i radioisotopi, per il legno la dendrocronologia ( la conta del numero degli anelli negli alberi. Il primo ad accorgersi della formazione annuale degli anelli fu Leonardo da Vinci), per le ceramiche i laterizi o le terre di fusione ci si avvale della termoluminescenza (dei fotoni che si ottengono da elettroni irradiati naturalmente da radiazioni alfa, beta e gamma. Questi rimangono stabilmente intrappolati, così il materiale riceve energia che consente la liberazione di elettroni che vengono emessi sotto forma di luce), l'archeomagnetismo (si basa sulla variazione dell'intensità e della direzione del campo magnetico terrestre, e sulla proprietà dell'argilla cotta di registrare la situazione durante la cottura, in quanto rimane fissata nella disposizione delle particelle di ferro in essa contenute, immobilizzate dal riscaldamento a temperature di circa 650-700°).
Se si è in presenza di ghiacci diventa utile il conteggio delle "varve", un particolare tipo di depositi che registra variazioni annuali nei sedimenti glacio-lacustri.
Possono anche essere di ausilio i metodi del Fun test (si basa sulla quantità di fluoro, uranio e azoto presenti in un materiale) o della racemizzazione (ossia trasformazione degli amminoacidi organici attivi nelle forma inattiva -racemo-) degli amminoacidi.

Breve storia: è divenuta nel tempo una disciplina autonoma con una sua metodologia.
Tucidide usava qualche testimonianza materiale come prova per ricostruire il passato, infatti poiché a Delo, nell'Egeo,  vennero rinvenuti oggetti di sepoltura in tutto simili a quelli in uso ai suoi tempi, venne espressa l'idea che i Cari avessero abitato quei luoghi nell'antichità.

Dall'Umanesimo, dove c'era un forte interesse al passato classico, si sviluppò un collezionismo di opere greco-romane. Flavio Biondo, storico italiano vissuto tra il 1392-1463, pubblicò tre guide sull'antica Roma.

Il fondatore dell'archeologia è considerato Ciriaco Pizzecolli, o d'Ancona. Umanista, fu un grande viaggiatore ed i suoi contemporanei lo chiamavano pater antiquatis, padre dell'antichità. Egli era alla ricerca costante di testimonianze antiche per riportare in vita il passato.


Si deve a lui la conoscenza nel mondo europeo dell'acropoli di Atene, dei geroglifici, delle piramidi egiziane.

I Musei Vaticani, risalgono al rinascimento grazie al ritrovamento casuale del Gruppo del Lacoonte, scultura in marmo datata al I° secolo d.C.

In epoca moderna si ha un impulso verso la ricerca di epoche più antiche, come la preistoria, dall'età della pietra, fino a quelle del bronzo e del ferro.

Da qui, poi, si sono sviluppate, ad esempio, l'antropologia, culturale e fisica.
Per maggior approfondimenti vi rimando a Wikipedia.
Qui sotto c'è un video dove un docente universitario, il professore Dario Palermo, dell'università di Catania.

                        

         classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…