Passa ai contenuti principali

TIBET LIBRO FIABA E...



Il Tibet, affascina da sempre.
Sono stati realizzati film e documentari, hanno scritto libri: alcuni trattano la religione, altri sono la testimonianza diretta del loro leader politico che vive in esilio, il Dalai Lama, altri, ancora invece, hanno parlato della sua storia e dell'aspetto geografico.

Miliardi e miliardi di parole sono state usate per parlare di questi luoghi che, a dire il vero, affascinano veramente.

Oggi vorrei parlare di un libro, che ho letto un po' di tempo fa , di una favola e quindi di uno scritto del Dalai Lama, sempre letto da un libro.

Inizio dalla fiaba ma prima è doveroso dare delle delucidazioni, perché in questa storia si  cita Padmasambhava, ma chi è costui, non tutti lo conoscono!


Padmasambhava, o nato dal loto, in Tibet è noto come il Prezioso Maestro Guru Rimpoche ed è venerato come secondo Buddha. E' considerato come il primo e più grande diffusore del buddismo del Tibet.
Nacque, nella valle dello Swat, nel VIII secolo da un fiore di loto sbocciato nel lago Danakosha, formatosi dalle lacrime del padre. Alla sua nascita le sue sembianze erano quelle di un bambino di otto anni. Venne adottato ed allevato dal re Indrabhuti ma, lasciò il palazzo per diventare monaco e divulgare il buddismo Vajrayana. Quando giunse nel regno di Saor si maritò con la principessa Mandarava. In seguito ebbe anche altre quattro mogli.

Poichè accusato di aver ucciso, con la magia, un ministro di quella valle, fu cacciato. Insieme a sua moglie raggiunse nuovamente i luoghi natii. Qui rischiò il rogo, per essersi sposato da monaco,  ma poiché dimostrò le sue grandi doti, ebbe salva la vita.

Ad un certo punto venne inviato in Tibet, dove sembra che rimase per 12 anni. L'impresa più nota è aver vinto contro alcuni demoni che si opponevano alla costruzione di un monastero.

Si dice che otto maestri siano stati la sua reincarnazione .

Il libro che vorrei consigliare si intitola DIETRO LE CASCATE, per maggior informazioni e per la recensione andate QUA,  sezione consiglio libri di geografia.

La favola si intitola "l'antica profezia del regno di Ling" è divisa in dua parti.

L'antica profezia del regno di Ling Parte prima
L'antica profezia del regno di Ling Parte seconda

Nel testo si leggono dei termini bodhisattva, naga ecco qui di seguito la spiegazione.

Bodhisattva: è un termine proprio del Buddhismo, un sostantivo maschile che, letteralmente, significa sattva= essere, e, bodhi= illuminazione. Un essere la cui intima natura corrisponde al Risveglio, o colui che cerca di conseguire il risveglio o, infine, colui la cui mente (sattva) è fissa sulla bodhi (illuminazione).

Naga: serpente femminile o nagini. Sono un'antica razza di uomini-serpente presenti nelle mitologia vedica e induista. Risalgono al Vmillennio a.C. Storie con i naga si trovano nella tradizione buddista, in special modo in Sri Lanka e Sud-Est asiatico e nella religione indù, India, Nepal e Bali.

Sono divinità naga:
Manasa, dea naga della fertilità, protegge dai morsi di serpente
Mucalinda, re naga che protesse il Buddha dalle intemperie per sette giorni e sette notti mentre meditava sotto l'albero di Bodhi ( una specie di Ficus)
Shesha, espressione di Visnu che prende la forma di un naga con mille teste, vive nell'oceano celeste e forma il letto del dio. Secondo un'altra versione, il Mahabharata, è il capostipite dei naga.
Vasuki, fratello di Manasa, divinità naga.


classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…