Passa ai contenuti principali

IL MISTERO DEL MANOSCRITTO SEGRETO (9° EPISODIO): L'AGGRESSIONE

Enrico aveva appena terminato la sua lezione quando sentì la musica del messaggio. Arrivato nel suo piccolo studio si accomodò sulla sua poltrona in cuoio logorata dagli anni e dopo aver sorseggiato il suo ennesimo caffè decise di leggere l'sms.
" Ciao Enrico sono Sara, volevo dirti che abbiamo decifrato le iscrizioni ed ora avremmo un urgente bisogno del tuo aiuto. Prima possibile puoi raggiungerci? Ci sono novità e non so se siano positive o meno! A presto. Quando arrivi puoi anche portare qualcosa da sgranocchiare e anche da bere? "

Non rispose, ma dopo aver riordinato alcune carte sulla scrivania uscì per raggiungere gli amici, fermandosi prima al bar all'angolo per comprare panini, toast e birre.

Appena aprì la porta non trovò nessuno ad attenderlo, provò varie volte a chiamare ma invano, il silenzio regnava indisturbato in mezzo ad un gran caos.

Il tavolo era rovesciato per terra, le sedie erano state rotte e una marea di scartoffie giacevano sparpagliate sul pavimento, un vero delirio ma di Sara, Luca, Laura e Carlo non c'era traccia.

Che cosa era accaduto? Decise di provare a rimettere ordine per capirci qualcosa. Raccogliendo le carte scorse dei fogli dove c'era parte di una traduzione. Mentre era assorto nella lettura sentì provenire dal bagno adiacente un lamento.

Accorse immediatamente e vide, riversa per terra, Sara.
Le si avvicinò per aiutarla. Era ferita, ma stava bene. Pian piano la ragazza riuscì a sollevarsi e abbracciò l'amico stringendolo forte, mentre un pianto isterico la scuoteva.

Cosa è accaduto, dove sono gli altri, chi è stato, come stai, perché?
Enrico subissò di domande la poveretta ancora mezza frastornata.

Con calma Sara iniziò a raccontare l'accaduto.

Avevamo appena finito di trascrivere quello che avevamo decifrato e ne stavamo discutendo quando hanno suonato alla porta. Pensavamo fossi tu, Carlo è andato ad aprire e subito sono entrati tre uomini armati, ci hanno presi alla sprovvista, hanno iniziato a chiederci del rotolo, e di quello che c'era scritto. Nessuno di noi voleva parlare, allora hanno iniziato a spaccare tutto quello che avevano vicino minacciandoci. Nulla, stavamo tutti lì in piedi attoniti; non capivamo il perché di quell'aggressione e del perché erano così interessati al manoscritto. Ad un certo punto, Carlo ha chiesto se erano stati mandati da Otto. "Guardate se il signor Werner ha pazienza domani spedisco il rotolo con la trascrizione. Lo sapeva che avevo bisogno di una mano, eravamo d'accordo che avrei tenuto tutto io e poi averi spedito tutto. Gli aggressori, però, non dicevano niente continuavano a chiedere informazioni sulla scoperta e i nomi di coloro che erano coinvolti.
Ad un certo punto Carlo ha perso la pazienza e ha provato a colpire uno di loro.  E' iniziato così da una parte Carlo stava combattendo con un uomo e dall'altra Luca. Io e Laura volevamo approfittare del trambusto per chiamare aiuto ma il terzo se ne è accorto...ho sentito un colpo sulla testa e non ricordo altro.

Gli altri come stanno? Enrico guardò dritto negli occhi Sara e non ripose, scuoteva solo il capo e così la ragazza capì che era successo qualcosa di grave.

classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…