Passa ai contenuti principali

IL PESO DELL'ANIMA





Salve a tutti, come abbiamo sentito, noi abbiamo un piccolissimo peso che ci lascia quando moriamo, 21 grammi precisamente, e si dice che è quello della nostra anima.

Nel 2003 il regista Alexandro Gonzalez Inarritu ha realizzato un film intitolato 21 grammi. L'attore Sean Peen, interpreta il matematico Paul Rivers dove spiega che in ogni aspetto dell'universo c'è sempre un numero e anche l'anima ha il suo.

FILM 21 grammi YOUTUBE

per chi vuole approfondire questo argomento ci sono, in Google libri, vari testi da consultare e, dopo quello indicato all'inizio, ve ne propongo altri due:
Il primo si intitola "Il cinema e la matematica" di Stefano Beccastrini e Maria Paola Nannicini dove si parla, appunto, anche del film poco prima proposto e di altro ancora, a mio parere interessante.

Segue "Death market: tutto quello che non avreste voluto sapere sull'industria del caro estinto" di Roberta Maresci.
Ora, da quanto tempo l'uomo parla di questo? Abbiamo un'anima? E' questa che ci differenzia dagli altri esseri viventi? Dove va quando spiriamo?

Religione, filosofia e altre scienze si sono occupate di questo tema . Bene è un discorso molto ampio e andrebbe sviluppato in modo sistematico perciò credo che in un post solo si incorra in un miscuglio di accenni e basta.  Quindi, la mia intenzione è  partire dalla filosofia e cercare le varie spiegazioni che possiamo incontrare così forse riusciamo ad avere un quadro più chiaro.

Dividerò perciò per argomenti ma nel blog, per tutti coloro che sono interessati a questo discorso sarà visibile nella legenda, ARGOMENTI DEL BLOG con il titolo "ALLA RICERCA DELL'ANIMA".
Sarebbe interessante provare anche ad aprire un dialogo perché è un argomento che ci riguarda tutti e uno scambio di idee è altamente costruttivo, quindi se riesco proporrò anche un forum di discussione nel caso ci siano interventi nel blog. Grazie e vi aspetto per il primo di questa serie.

classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…