CONTRIBUTO VOLONTARIO

Ciao, caro lettore, se leggendo reputi che gli argomenti che tratto sono utili ed interessanti e vuoi aiutarmi a continuare a far vivere LETTORENONPERCASO, qui sotto trovi un link dove puoi partecipare con un tua libera donazione.
Decidi tu l'ammontare, e qualsiasi esso sia ti sono riconoscente per l'aiuto ed il riconoscimento che mi mostri.

THE TRIP EBOOK DONAZIONE

CIAO AL SEGUENTE LINK TROVI IL MIO EBOOK GRATISSE TI È PIACIUTO E VUOI FARE UNA DONAZIONE TE NE SONO GRATA

A BREVE PUBBLICHERÒ IL SECONDO VOLUME
BUONA LETTURA E GRAZIE



IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)



i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.

E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.

Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 

Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una grandiosa creazione dei greci.

In Platone, invece, l'anima è per sua natura purezza e spiritualità , è affine alle idee, ingenerate, immortale e incorporea. La sua origine è nel soffio divino è divisa in tre attività, razionale, che fa da guida; la volitiva irascibile, animata dal coraggio; la concupiscenza, soggetta ai desideri. L'anima di ogni uomo è un frammento dell'anima del mondo. Dio, il DEMIURGO, ha dato l'anima all'uomo ma, essendo legata al corpo materiale questa viene contaminata dalla malvagità che è intrinseca nella materia.

Aristotele supera questo pensiero e dichiara che l'anima non è distinta dal corpo ma coincide con esso ed è lei quella che è capace di realizzare le potenzialità vitali del corpo. Non può essere separata dal corpo vive con esso perciò non è immortale. Il filosofo non spiega  se l'anima intellettiva sia individuale, né se sia eterna, ma individua tre anima:
vegetativa, governale funzioni fisiologiche
sensitiva, presiede al movimento e all'attività sensitiva
intellettiva fonte del pensiero razionale, della volontà e della conoscenza.

Anteprima del libro di Giovanni Reale:
 "Il pensiero Antico"


Anteprima del libro di Francesco Sarri
" SOCRATE"

classifica

POST RECENTI

Article To PDF

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

VACCINI E AGENDA SGHA

I MIEI LIBRI IN VENDITA