Passa ai contenuti principali

L'ANIMA E LA PSICOLOGIA




SIMBOLO DELLA PSICOLOGIA: PSI




PSI è il simbolo della psicologia. Il termine deriva dal greco psyche  (ψυχή) e significa spirito, anima e logos, discorso, studio. Letteralmente sarebbe lo studio dell'anima, dello spirito.

Questo significato venne introdotto nel XVI secolo e divenne scienza della mente nel secolo XVII. In questi ultimi cento anni ha cambiato nuovamente adeguandosi alle nuove metodologie.

Iconograficamente il simbolo era interpretato come farfalla, molte decorazioni sui vasi greci raffiguravano con l'immagine della farfalla l'anima che esala dopo la morte.

Divenne popolare intorno al 1700 con Wolff che con la psicologia empirica tentava di spiegare il comportamento dell'anima umana, mentre con la psicologia filosofica intorno alle capcità stesse dell'anima. Quest'ultima venne criticata da Kant, egli asseriva che non era possibile l'esistenza di una psicologia razionale, invece accettava la psicologia empirica anche se non era una scienza esatta per il fatto che era impossibile applicare la matematica nei processi psichici.

La psicologia, in linea di massa si può dire che studia la percezione che l'uomo ha del mondo, la ritenzione dei ricordi (memoria), la capacità razionale degli individui (intelligenza).

Strutturalismo, funzionalismo, cognitivismo, epistemologia genetica, neuroscienze sono le varie visioni della psicologia.

I filosofi Platone ed Aristotele, prima, Cartesio, Hobbes, Locke portarono avanti riflessioni e proprie teorie sulla mente umana. Cartesio sosteneva la netta divisione tra "res cogitans", mente, e "res extensa", corpo affermando che alcune idee sono innate, presenti dalla nascite. Hobbes e Locke dicevano che molta importanza era l'esperienza, unico processo in grado di sviluppare ed organizzare la mente umana criticando la divisione tra mente e corpo.

Nel 1850/70 medici e fisici iniziarono ad analizzare le senzazioni, le emozioni e le attività intellettive applicando metodologie tipiche dello studio delle scienze  naturali dando vita alla psicologia scientifica. Fino ad ora la psicologia faceva parte della filosofia, in quanto studiava la natura e l'essenza dell'anima, in seguito  diventa scienza rigorosa, sperimentale basata sul metodo induttivo fatto di osservazioni ed esperimenti da cui si formulano ipotesi e leggi.

I precursori dell'odierna psicologia furono Darwin, con le sue teorie sulle emozioni; Donders, con studi sui tempi di reazione; Weber e Fechner, dando vita alla psicofisica studiando i rapporti tra stimoli e senzazioni; Ebbinghaus, uno dei primi ad applicare il metodo sperimentale allo studio della memoria; Galton, padre della psicologia differenziale; Ribot, che dide forma alla psicopatologia; Binet e Gesell,  pionieri della psicologia infantile.

Molto interessante  è una facoltà a Firenze "Libera Università Junghiana", libera università di studi sull'anima.

Nel 2007, il circolo CG Jung di Firenze si strutturò come prima Università Libera Junghiana, dove la conoscenza profonda dell'Anima, dell'inconscio viene approfondita con percorsi di studio dedicati alla Psicoanalisi, alla Psicologia Analitica e a quella Archetipica formando Analisti ad orientamento Junghiano. Per maggiori informazioni ed approfondimenti guardate qui.

Dal Dipartimento di Psicologia dell'Università di Firenze vi propongo questa lettura:
classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …