Passa ai contenuti principali

SIAMO TUTTI CONNESSI

Un giorno mio figlio è venuto a casa e mi ha raccontato una bella storia:

Qualche tempo fa un gruppo di ragazzi ha voluto fare un esperimento per verificare la diceria che le piante provano emozioni.

Si sono messi di buona lena e per sei mesi, per sei ore al giorno hanno insultato una pianta. 

Il risultato finale...la pianta è morta.


Cleve Backster

Ex uomo della CIA. Dirige dal 1965 un istituto di ricerca di New York ed istruisce funzionari di polizia sull'uso della macchina della verità.

Ma cosa c'entra questa persona con le piante,  direte voi!

Un giorno il signore in questione aveva in ufficio una pianta di filodendro e volle appurare se il poligrafo registrava qualcosa mentre si innaffiava la pianta, ossia se veniva registrata l'azione dell'umidità.



Collegò allora il macchinario alle foglie e si mise ad osservare le reazioni, che venivano ma mano registrate. Un po' incuriosito volle vedere se per caso la pianta  registrava qualcosa se messa in situazione di pericolo.

Per primo presa una foglia e la immerse in una tazza di caffè. Non accadde nulla.

Fece altri tentativi ma tutti non diedero alcun risultato ad un certo momento pensò di darle fuoco.
Era solamente un pensiero ma il pennino iniziò ad attivarsi in un moto verso l'alto.

Sorpreso prese un accendino lo accese e si avvicinò alla pianta, contemporaneamente il poligrafo si mise a registrare un'intensa attività.

Per avere conferma compì questo gesto due volte ed  accadde lo stesso.

Dopo quel giorno Baxter iniziò a collaborare con altri ricercatori e giunsero alla conclusione che le piante posseggono la percezione extrasensoriale ( detta percezione primaria).

Qualche tempo dopo compirono un nuovo esperimento un uomo assassinò una pianta e poi, dopo esser uscito dalla stanza, rientrò accompagnato da altri cinque individui. Non accadde nulla fin tanto che ad entrare erano le cinque persone che non avevano compiuto alcun gesto nei confronti dell'arbusto preso in esame, ma quando comparve nel locale dell'esperimento colui che aveva fatto morire il vegetale, subito il poligrafo registrò una forte attività. Questo esito fece capire che il mondo delle piante ha una memoria.

In un altro test si è compreso che le piante, anche se isolate dal resto delle loro simili, rimango in collegamento. Questo fa supporre che ogni pianta è collegata da un sistema informativo con tutta la natura ed è influenzabile dai pensieri e dalle emozioni.

Nel corso degli anni sono stati effettuati vari esperimenti per comprendere meglio il mondo vegetale.

Presso l'Università di Torino dei biologi hanno potuto appurare che le piante attuano una difesa nel momento in cui vengono attaccate dai parassiti. Per un maggior approfondimento vi rimano alla lettura di questo articolo apparso in Scienza e tecnologia della Repubblica.it. Cliccate qua.

Inoltre vi propongo un'intervista a Cleve Backster, pubblicata dal sito Altro Giornale.org, qui.

Infine ecco una serie di video di YouTube dal titolo: Il mistero delle piante intelligenti.  


       



       



       

classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…