Passa ai contenuti principali

LA RAGAZZA CON L'ORECCHINO DI PERLA


Di Chevalier Tracy

Romanzo molto, ma molto bello che, secondo me, non dovrebbe sfuggire alla lettura e lo inserirei nei classici di narrativa straniera.

Tutta la storia è permeata dall'amore e dall'enigmaticità dell'espressione artistica.

Possiamo oggi ammirare il dipinto "la ragazza con l'orecchino di perla" di Johannes Vermeer. Pittore olandese vissuto del XVII secolo.

Tra un mese viene aperta una mostra a Bologna dove si  espone, per la prima volta in Italia, questo dipinto che ha ispirato il romanzo omonimo.

A palazzo Fava dall'8 febbraio al 25 maggio si potrà ammirare questo quadro. Per la preview i pochi eletti, 40 in tutto, hanno pagato 150 euro a persona e, nonostante il prezzo, i biglietti sono stati venduti in meno di 20 minuti. Il primo incasso sarà devoluto in beneficenza.

Il costo del biglietto scenderà per le visite successive e si attesterà tra i 40/70 euro con la cena serale. Si potrà guardare quest'opera e altri capolavori provenienti dal Mauritshuis Museum dell'Aia a piccoli gruppi.

In questi ultimi tempi il quadro è divenuto famoso tanto quanto la Gioconda.

Presso il Teatro Comunale di Bologna tra il 19 e il 20 gennaio ci sarà uno spettacolo con testi teatrali di Goldin per introdurre il quadro in mostra. Il personaggio di Vermeer sarà personificato da Giulio Brogi mentre i testi musicali, ideati da Battiato, sono interpretati da Alice e Francesca Michielin.

Anche il cinema si è interessato a questo dipinto con il film, del 2003, omonimo girato da Peter Webber. Attrice protagonista Scarlett Johansson.


Tornando al libro, la storia narra la vita di una ragazzina sedicenne di umile estrazione che un giorno, mentre è intenta a cucinare a casa, vede arrivare una coppia: lui uomo affascinante e misterioso, lei una ragazza molto vitale. I genitori chiamano la giovane Griet e le comunicano che dal giorno dopo sarebbe andata a servizio nella casa di questi signori. Il suo compito sarebbe stato quello di tener in ordine e pulito lo studio dove il signor Vermeer dipinge senza però mai toccare nulla.

Inizia così una nuova vita per la ragazza che la porterà in un nuovo mondo dove luce, colori da un lato passione amore  dall'altro e gelosia ed invidia si intrecciano inesorabilmente.

Un romanzo dove si assapora la passione ed il trasporto del pittore che si innamora della giovane non solo come donna ma  come espressione del bello da volerla immortalare per l'eternità.

Quando frequentavo l'università a Milano ricordo che per un certo periodo sono stata baby-sitter in una casa dove la madre era un'insegnante australiana della scuola steineriana, lui era un pittore.

Rammento ancora la passione che mi comunicava quando, mentre le bimbe dormivano, il pittore mi spiegava la diversità delle tonalità dei colori e la luce che trasmettevano. Per farmelo capire disegnò una semplice tazzina da caffè e la colorò di rosso, bianco, nero e blu e a seconda della luce nella stanza mi spiegava la sensazione e la visione che ne derivava.

Fece questo perché scoprì che amavo dipingere e così a tempo perso mi insegnò dei segreti nella pittura e poi lavorai con lui per allestire una mostra.

Oltre ad essere divertente e stimolante fu un'esperienza particolare e molto appagante per l'aspetto delle emozioni.

Quando Remo, il pittore, mi spiegava si raccontava e una luce particolare ed una vivacità prendevano forma.

Comunque consiglio vivamente questo libro, ma se preferite potete guardare il film e anche tenere presente la mostra.

Nel sito Ibs.it è in vendita in formato cartaceo al costo di 15,00 euro, usato a 7,50. 
Voto:8/9
classifica

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…