Passa ai contenuti principali

I GENOCIDI NELLA STORIA: INTRODUZIONE

L'uomo nel suo cammino troppo spesso non ha seguito il cammino della pace, ma ha voluto compiere atti di violenza assurda.
Giusto ieri sono stati ricordate le tante persone che sono state uccise nelle foibe. 
Purtroppo se si sta ben a guardare quante azioni di questo genere sono state compiute? Quanti portano nei loro ricordi famigliari che sono stati uccisi, in nome di cosa? 
Non c'è nessun motivo che possa giustificare omicidi, perché di questo si tratta, di massa come è avvenuto in epoche passate e come avviene ancora oggi.

Da quando ho memoria di studentessa ho studiato ed ho sentito la storia abominevole dei campi di concentramento degli ebrei, libri, film trattano di questo. Ieri tutti i mezzi di comunicazione hanno trattato delle foibe, ma quanti altri genocidi ci sono stati e di tutti questi spesso se ne parla o molto poco o niente del tutto. 

Le giornate del ricordo devono riguardare tutti perché ogni vita ha lo stesso valore, e ogni atto violento ha la stessa importanza.

Durante il grande conflitto non solo i tedeschi usarono i campi di lavoro e di sterminio. Purtroppo anche noi italiani ci siamo avvalsi di questi luoghi.

Ma sin dalle epoche antiche atti del genere sono presenti.

Mio malgrado ho deciso di dedicare un angolo del blog a questo argomento perché presentandoli in un resoconto ad ampio spettro posso comprendere meglio fin dove l'uomo può arrivare. 

Non è per spirito macabro ma anche questi risvolti devono essere trattati se veramente vogliamo capire la nostre azioni per cercare di intraprendere una nuova strada.

Per genocidio si intende, secondo la definizione adottata dall'ONU, tutti quegli atti di violenza perpetrati per distruggere, parzialmente o totalmente, un gruppo di persone di una determinata nazione, di uno specifico gruppo etnico o religioso.
Vengono inseriti nel genocidio anche la sottomissione di una popolazione quando comporta la scomparsa fisica, culturale, totale o parziale.

Questi atti  sono crimini  e sono entrati sia nel diritto internazionale sia in quello specifico di molti Stati.
Il genocidio è un comportamento vigliacco, atroce, orribile, il peggiore che l'uomo può compiere verso i suoi simili ed è per tale motivo che viene considerato dalla giurisprudenza internazionale come un crimine contro l'umanità.

Il termine genocidio venne coniato nel 1944 da un giurista polacco di origine ebraica, Raphael Lemkin, studioso ed esperto del genocidio armeno. Nel 1946 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite riconobbe il crimine di genocidio come atto inteso a negare il diritto alla vita di gruppi di individui, appartenenti a religioni, etnie, indirizzi politici differenti. Per quanto riguarda l'aspetto politico inizialmente l'Unione Sovietica tentò di non far comprendere questo punto.

Nel 1948, il 9 dicembre, venne adottata la Convenzione per la prevenzione e la repressione del delitto di genocidio e definisce genocidio tutti quegli atti compiuti per effettuare la distruzione,  in parte o in toto, di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso: entrano perciò dentro le seguenti azioni:

Uccidere membri di un gruppo;
Causare seri danni fisici o mentali a membri del gruppo;
Influenzare deliberatamente le condizioni di vita del gruppo con scopi di distruzione del gruppo;
Imporre misure tese a prevenire le nascite in un gruppo;
Trasferire forzatamente bambini del gruppo in un altro.

Purtroppo questo modo di definire il genocidio ha creato delle disparità perciò non tutti gli atti criminali sono rientrati nel genocidio.
Sembra assurdo ma, ad esempio, nel conflitto tra Hutu e Tutsi, l'uccisione di quest'ultimi è stata considerata genocidio, ma non quello compiuto contro gli Hutu.
Anche per quanto riguarda l'Unione Sovietica dopo lo sterminio ucraino del 1932-33 (Holodomor, la carestia dolosa che colpì l'Ucraina negli anni trenta e che causò la morte di milioni di persone. Inflissero la morte per fame. Il giorno del ricordo ucraino è il quarto sabato di novembre per maggiori dettagliati   HOLODOMOR; il genocidio ucraino) i successivi atti criminali compiuti per motivi economici o sociali non rientrarono nei crimini contro l'umanità.
Alcuni, però, considerano questi atti genocidio perché rientrano nei parametri sopra elencati.

Quando iniziarono i primi genocidi?

Il nuovo mondo venne scoperto nel 1492 ecco possiamo dire che da questo punto in poi veri e propri atti di sterminio vennero compiuti contro una intera popolazione.






classifica Paperblog

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TRATTATO DI CASSIBILE NAZIONI UNITE UNHCR & GESUITI

In questo video, creato in collaborazione con Piero Faticoni , mettiamo in luce la parziale denuncia della Meloni. Stanno aumentando i politici che denunciano pubblicamente il coinvolgimento di George Soros nelle crisi economiche. Ma voi veramente pensate che lo fanno perché vogliono sistemare tutto? Se volessero questo, ad esempio, nel nostro Paese renderebbero pubblico il fatto che chi governa dal 1945, per non parlare prima, è l'Organizzazione delle Nazioni Unite. Dovrebbero dire chi sono in realtà, invece omettono questo, come non dichiarano che con il certificato di nascita tutti diventiamo Trust di proprietà dello Stato e quindi non esistono proprietà private perché come siamo riconosciuti , ossia schiavi, siamo noi, popolo, ad essere oggetti di proprietà. Perciò per favore smettetela di seguire questi bugiardi reiterati ed iniziate a ragionare. Soros sarà silurato dal potere e tutti i politici seguono l'ordine. Soros a questo punto potrebbe ammettere le sue responsabili…