Passa ai contenuti principali

L'EVOLUZIONE PORTA ALL'INVOLUZIONE O L'INVOLUZIONE ERA EVOLUZIONE?


Scusatemi, cari amici, per questo giro di parole ma secondo me ci voleva. Ora, non ricordo più bene se è stato lunedì, martedì o verso la fine della settimana scorsa ma, su Rai tre, è andato in onda TG LEONARDO. Non è la prima volta che ve ne parlo, generalmente lo segue perché mi piace tanto dura circa una mezz'oretta ma, secondo il mio modesto parere, è uno dei motivi per cui pago puntualmente il canone televisivo. Ci fossero più programmi simili, la televisione non sarebbe proprio spazzatura. Comunque, tornando a noi, hanno parlato di agricoltura e della nuova presa di coscienza. Sapete a cosa sono giunti? Bene, non ci crederete, ma è vero.

Sembra che il massimo per una buona risposta della natura, in campo agricolo, sia il metodo che usavano gli antichi contadini. In cosa cosa consiste?
I nostri nonni e i bisnonni erano soliti far girare le coltivazioni, ossia per un determinato periodo, generalmente tre anni,  su un appezzamento si avvicendavano le colture. Nell'alto medioevo si sostituì con questo metodo, l'avvicendamento biennale. Con questa tecnica si diminuiva il rischio della siccità. Ma vediamo in breve la storia.

Sin dall'alba dei tempi, quando l'uomo divenne agricoltore e non più solo cacciatore, si comprese che continuando a coltivare cereali sullo stesso appezzamento, il suo potere di alimentare le coltivazioni diminuiva sempre più i raccolti con l'andare del tempo si contraevano. Si  constatò, così, la necessità di adottare una nuova metodologia. Dopo una serie di raccolti su di un un pezzo di terra bisogna lasciare il tempo che il terreno, stando a riposo rigeneri il suo potere di coltura, ossia la fertilità. Perciò in età preistorica si giunse alla coltivazione biennale dove al terreno si lasciava il "riposo coltivativo", metodo mediterraneo, un anno si coltivava e l'anno seguente si lasciava la terra a riposo. Questo è essenziale perché solo così il terreno può accumulare acqua che è importantissima per la coltivazione. Una terra arida dà pochi frutti. Quindi in quei paesi dove non c'era il problema delle piogge, verso l'Europa del nord, si passò al riposo triennale. Si poté attuare questo passaggio grazie alla bardatura a collare per gli animali e al nuovo aratro pesante che compensarono con un aumento della resa agricola la perdita di superficie seminata.

Con il tempo si arrivò alle rotazioni che andavano dai cinque ai sette anni, grazie anche alle nuove tecnologie. Ultimamente, però, alcuni studiosi si sono resi conto che in questo modo la terra man mano si è impoverita, sotto l'aspetto dei minerali, e in più è aumentato il problema della terra arida. Quindi ala fine forse sarebbe meglio ritornare indietro e riprendere le antiche metodologie che si basavano, anche, sulle fasi lunari, durante la semina.

I nostri nonni alla fin fine non erano poi così tontarielli, non vi sembra?

Certo è che andare avanti per poi accorgersi che la tecnologia, non è così preponderante come il rispetto per madre natura non è il massimo. Mi viene da dire che Meglio tardi che mai. Sperimo che da questa presa di coscienza si giunga a capire che l'empatia verso i propri simili e verso il mondo che ci circonda, animali e natura, è fondamentale se vogliamo assicurarci un futuro degno e decoroso per tutti.

Vi propongo ora dei video molto interessanti. Il primo è una breve storia dell'agricoltura di questi ultimi cento anni


Ed eccovi TG TRE LEONARDO dove parlano appunto delle metodologie giuste per ritrovare un'agricoltura ricca e giusta. Oggi è la bio-dinamica.


http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e978b698-f505-4e2f-8e8e-39e7dc94600f-tgr.html#p=0


Quindi un filmato dove spiega il grave problema di oggi nell'agricoltura e sulle nostre tavole.




Infine se volete quest'ultimo che riguarda la Monsanto (multinazionale americana), che sta dilagando con i suoi prodotti non proprio a dimensione umana.


Ultima frase MEDITATE GENTE...MEDITATE
classifica OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TRATTATO DI CASSIBILE NAZIONI UNITE UNHCR & GESUITI

In questo video, creato in collaborazione con Piero Faticoni , mettiamo in luce la parziale denuncia della Meloni. Stanno aumentando i politici che denunciano pubblicamente il coinvolgimento di George Soros nelle crisi economiche. Ma voi veramente pensate che lo fanno perché vogliono sistemare tutto? Se volessero questo, ad esempio, nel nostro Paese renderebbero pubblico il fatto che chi governa dal 1945, per non parlare prima, è l'Organizzazione delle Nazioni Unite. Dovrebbero dire chi sono in realtà, invece omettono questo, come non dichiarano che con il certificato di nascita tutti diventiamo Trust di proprietà dello Stato e quindi non esistono proprietà private perché come siamo riconosciuti , ossia schiavi, siamo noi, popolo, ad essere oggetti di proprietà. Perciò per favore smettetela di seguire questi bugiardi reiterati ed iniziate a ragionare. Soros sarà silurato dal potere e tutti i politici seguono l'ordine. Soros a questo punto potrebbe ammettere le sue responsabili…