Passa ai contenuti principali

IL SALONE DEL LIBRO E LA BIBLIOTECA VATICANA

Francobollo commemorativo per la partecipazione della Biblioteca Vaticana al 27° Salone del Libro di Torino

Navigando nelle news della rete oggi ho visto che per il prossimo salone del libro di Torino, in programma dall'otto al dodici maggio al Lingotto, sarà presente.per la prima volta, la Santa Sede in qualità di ospite d'onore.
Molti sono a conoscenza del fatto che la sede vaticana è in possesso di moltissimi libri, non quelli che possiamo  reperire nelle varie rivendite o nelle biblioteche comunali, ma volumi antichi di mille e più anni.

Prima di andare a vedere, con il relativo link di approfondimento, la Biblioteca Vaticana, comunico che nella fiera la Santa Sede si presenterà con un suo stand realizzato con una forma allegorica, infatti sarà sormontato da una grande cupola di libri per ricordare la basilica di San Pietro. La costruzione si collocherà nel terzo padiglione del Lingotto.

Per maggiori informazioni potete visitare il sito Servizio Informazione Religiosa.

Adesso andiamo insieme a visitare la BIBLIOTECA VATICANAma prima un po' di storia

Storia della Biblioteca
Nel quarto secolo c'era lo Scrinium un luogo che fungeva sia da biblioteca, sia da archivio, ma è dall'ottavo secolo che compare per la prima volta la figura del bibliotecario. Purtroppo ciò che conteneva la prima biblioteca con il relativo archivio è andato perso.

Intorno al 1378 il Papa Giovanni XXII si adoperò per vedere nascere la nuova vera biblioteca vaticana. Da qui inizia il suo cammino. Inizialmente non c'erano tanti testi ma il successore incrementò la raccolta passando dagli iniziali 350 volumi ai 1200. Niccolò V desiderava mettere a disposizione degli eruditi ciò che la Santa Sede riusciva a reperire ed archiviare. Il primo bibliotecario è stato nominato nel 1475 con un bolla papale e si chiamava Bartolomeo Platina. Oltre a cercare libri e documenti il Papa  desiderò abbellire i locali con affreschi incaricando i migliori pittori del tempo. Inizialmente la biblioteca era costituita da una sala e da quattro aule chiamate rispettivamente biblioteca latina, biblioteca greca, biblioteca segreta e biblioteca pontificia. E' superfluo dire che tutti i testi conservati nella segreta non era di pubblica consultazione come anche quelli della pontificia. Con i vari avvicendamenti papali la biblioteca si modificò nel tempo ampliandosi sempre più. Oggi la Biblioteca Vaticana custodisce un patrimonio di 180.000 volumi manoscritti e d'archivio, 1.600.000 di stampati , più di 8600 incuneabili, 300.000 tra monete e medaglie, 1500 tra stampe, disegni e matrici e oltre 150.000 fotografie. Parlando di chilometri lineari la biblioteca vaticana si estende per 80 km, circa. Non tutti possono consultare i testi che sono disponibili agli studiosi, ai ricercatori,  agli studenti sia laici sia clericali.  Nel sito della Biblioteca c'è scritto che per poter accedere ai volumi bisogna avere dei requisiti: essere ricercatori o studiosi qualificati, noti per titoli di studio o per pubblicazioni a carattere scientifico;  essere docenti e ricercatori universitari o di istituti superiori; studenti universitari che preparano il dottorato nella ricerca; occasionalmente sono accettati studenti laureandi che devono consultare un libro in specifico. Inoltre bisogna essere muniti di carta d'identità, una lettera di presentazione che dimostri la qualifica accademica o una lettera di presentazione su carta intestata per i laureandi.
Nella Biblioteca poi c'è la scuola di archivista, paleografia biblioteconomia. Se desiderate andate a vedere il sito della Biblioteca Vaticana.



classifica Paperblog Vota questo sito su www.partidaqui.it OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…