Passa ai contenuti principali

IL DEJA' VU




Vi ricordate il film Matrix? In una scena facevano vedere che il protagonista, Neo, vede per due volte un gatto nero e Trinity gli dice che è un déjà vu.

La sensazione di aver già visto un'immagine o di aver già vissuto in precedenza un certo avvenimento rientra in un fenomeno psichico di alterazione dei ricordi.

A volte può essere dovuto perché una scena simile è stata vissuta in sogno, però altre volte si ha quasi la percezione che in realtà la figura o il vissuto sia già accaduto in un momento passato. Le spiegazioni che sono state date vanno dall'alterazione temporanea delle funzioni cognitive di riconoscimento alla forma patologica, se questi fenomeni sono cronici.

Infatti se accade troppo spesso questa situazione allora sono presenti patologie del lobo temporale che impedisce la consapevolezza della memoria. I bambini sembrano immuni a questi eventi perché non hanno ancora raggiunto un certo sviluppo a livello cerebrale. Come afferma il Dottor Brown, nel suo libro "Déjàvu experience",  dall'età dell'adolescenza iniziano tali manifestazioni soprattutto se si vive momenti di stress o di stanchezza. Inoltre, egli identifica trenta possibili spiegazioni raggruppandole in quattro sottogruppi: spiegazioni puramente neurologiche (epilessia), teoria del processamento duale (la memoria coinvolge due sistemi neurali ricordo e familiarità), teoria attenzionale (dove si vive prima un leggero blackout e poi l'informazione riprocessata) teorie mnestiche (qualcosa che è stato immaginato o visto in un sogno). 
In breve il déjàvu è un insieme di più cause sovrapposte.
Poiché è permeato da un alone di mistero, da sempre i filosofi, i poeti, i religiosi e gli scienziati se ne sono interessati.
Aspetto religioso:
questa sensazione è stata collegata al concetto di trasmigrazione delle anime, dove improvvisamente ci si ricorda di momenti di vite trascorse. Sant'Agostino diceva che era una trappola diabolica, frutto del demonio.
Aspetto filosofico:
Aristotele affermava che solo i matti potevano avere certe esperienze, Nietzsche considerava il déjàvu un ritorno all'uguale, mentre per Freud non era un'illusione bensì una reale fantasia radicata nell'inconscio.
Se desiderate approfondire potete andare su questo sito CICAP.
Bodei Remo partendo da un incipit di  Shakespeare del sonetto 123  "No, Tempo, tu non ti vanterai che io muti! / Le tue piramidi costruite con rinnovata potenza / non sono per me nulla di nuovo, nulla di strano: / soltanto rivestimenti di uno spettacolo già visto ...".  ripercorre il déjàvu nel suo libro "Piramidi di tempo, storie e teorie del djàvu" edito da il Mulino e in vendita presso IBS.it in formato cartaceo al prezzo di 12,00 euro.
Se volete leggere altro vi propongo l'intervista a Remo Bodei: "L'epoca delle passioni inattese" a cura di Anna Taglioli.

Infine da YouTube un video di Orsobyanco.

classifica Paperblog OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TRATTATO DI CASSIBILE NAZIONI UNITE UNHCR & GESUITI

In questo video, creato in collaborazione con Piero Faticoni , mettiamo in luce la parziale denuncia della Meloni. Stanno aumentando i politici che denunciano pubblicamente il coinvolgimento di George Soros nelle crisi economiche. Ma voi veramente pensate che lo fanno perché vogliono sistemare tutto? Se volessero questo, ad esempio, nel nostro Paese renderebbero pubblico il fatto che chi governa dal 1945, per non parlare prima, è l'Organizzazione delle Nazioni Unite. Dovrebbero dire chi sono in realtà, invece omettono questo, come non dichiarano che con il certificato di nascita tutti diventiamo Trust di proprietà dello Stato e quindi non esistono proprietà private perché come siamo riconosciuti , ossia schiavi, siamo noi, popolo, ad essere oggetti di proprietà. Perciò per favore smettetela di seguire questi bugiardi reiterati ed iniziate a ragionare. Soros sarà silurato dal potere e tutti i politici seguono l'ordine. Soros a questo punto potrebbe ammettere le sue responsabili…