Passa ai contenuti principali

LA FELICITA' E IL SUO SEGRETO (1)



L'uomo ricerca la felicità. E' difficile riuscire a catturare questa sensazione e ancora più arduo farlo resistere per un tempo così lungo da farlo diventare consuetudine in modo da non soffrire più di tristezza.

Molti dicono che per essere felici bisogna guardarsi dentro  perché è in noi.
Però a volte questa felicità è talmente sepolta sotto una coltre di tristezza che diventa impossibile farla emergere.

Ricordo che quando andavo al liceo ho studiato una poesia di Leopardi "il sabato del villaggio".

La donzelletta vien dalla campagna,
in sul calar del sole,
col suo fascio dell'erba;
e reca in mano un mazzolin di rosa e viole,
onde siccome suole,
ornar ella si appresta, diman al dì di festa, il petto e il crine.

Se desiderate leggere il resto qui trovate la poesia intera: Giacomo Leopardi.

Questa fanciulla è tutta presa a prepararsi perché arriva il giorno di festa in paese e così trascorre il tempo in attesa, un'attesa serena e felice. Ma poi come d'incanto questa felicità svanisce infatti il giorno tanto atteso come arriva finisce e tutto torna identico a prima.

La felicità quindi è uno stato d'animo sfuggente e noi viviamo bramando un momento mentre il resto è un'eterna ricerca. 

Ma ne vale la pena trascorrere il tempo così?

Inoltre sappiamo tutti che per poter provare felicità bisogna inesorabilmente vivere il suo contrario perché se così non fosse non saremmo in grado di riconoscere il sentimento di felicità: ne saremmo talmente abituati che alla fine diventerebbe uno stato normale e quindi perderebbe le sue connotazioni.

Quindi ha senso alla fin fine cercare e bramare questa felicità se a priori sappiamo che bisogna provare anche tristezza ed infelicità?
Non sarebbe meglio vivere uno stato di quiete continuo senza questi alti e bassi?
Saremmo in grado di farcela a stare in uno stadio sempre intermedio senza questi momenti alternanti?
Inoltre la felicità risiede solo nel cuore oppure solo nella mente o riguarda sia il cervello sia il cuore?
La felicità è data da cosa dai sentimenti o dalle cose materiali o da entrambe?
Cosa dicono a tal proposito i filosofi, gli psicologi egli uomini di letteratura?
Qual'è il segreto della felicità'?
Voi cosa ne dite?
Nel prossimo articolo vedremo insieme il pensiero dei filosofi, intanto per quanto riguarda me posso solo dire che senza i momenti magici di felicità, anche se estremamente brevi e fugaci, sarebbe un vivere troppo desolante. Forse ne desidererei averne di più però bisogna accontentarsi di quello che si ha e forse il segreto è proprio in questo ultimo punto sapersi accontentare e gioire del poco. E' difficilissimo perché di natura tendiamo sempre a cercare di migliorare e forse è proprio questa natura umana che ci complica l'esistenza.
Aspetto qualche vostra opinione, intanto auguro buona serata.




classifica Paperblog OkNotizie

Commenti

  1. Rispondo alle tue domande mandati il link di un video che ho fatto sulla felicità qualche settimana fa,sebbene di parole ne potremmo scrivere e dire tantissime.La felictà la chimera,la perla nascosta, il graal,qualcosa che sempre ti sfiora e sempre poi sfugge,come un fiore che sboccia e sfiorisce per poi rifiorire.La felicità come espressione della serenità, del cogliere il dettaglio,dell'appagamento,dell'accettazione.La felicità va solo presa per quel che è un "momento" e quando accetti questo non puoi che rimanere sereno quando svanisce....
    Ciao
    https://www.youtube.com/watch?v=3ibPzwqR9Qw

    RispondiElimina
  2. Ciao Marta, metti pure il video e per quanto riguarda una collaborazione sono disponibile :-)
    Fammi sapere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…