Passa ai contenuti principali

APPELLO ESTIVO


Ogni anno in estate ci sono persone che per andare in vacanza prendono il loro amico peloso, cane o gatto che sia, e lo gettano come se fosse una spazzatura. E' crudele dire queste parole ma purtroppo è la nostra realtà di paese che è ancora molto incivile sotto questo aspetto. Se vi prendeste una giornata a disposizione per guardare, anche solo dentro ad una pagina di Facebook, vedreste quanti cani vengono abbandonati. Ma mi chiedo come si può avere un cuore così primitivo ed insensibile?
Ed ecco delle stime 
In Italia ci sono cento mila abbandoni all'anno. Di cui 20 mila solo tra giugno e fine agosto. praticamente presso l'ENPA, Ente Nazionale Protezione Animali, ricevono 650 telefonate al giorno, una ogni due minuti.
L'anno scorso l'ENPA aveva messo a disposizione un numero verde attivo 24 ore su 24 d
Esiste una legge, 189 del 2004, che prevede l'arresto ed una multa per maltrattamenti e/o abbandono.


Però dovremmo imparare che avere un animale non è come avere una borsa o un soprammobile è come avere un bambino, ha bisogno di cure, di affetto e impegna e non lo si può buttare via perché si cambia appartamento o si va in vacanza. Meglio non prendere responsabilità simili piuttosto che poi comportarsi così.
Molti magari perché non se lo aspettavano poi se ne liberano; ma non è giusto e spero che prima o poi riesca a sentire in un telegiornale o leggere in internet che una persona è stata arrestata per abbandono. Forse così si inizierebbe a fermarsi un attimo e capire le vere priorità.
Un cane non è un capriccio del momento ma un legame a vita.

Spero al più presto di aggiornare questo articolo pubblicando i numeri di telefono per questo anno messi a disposizione dall'ENPA. Intanto chi pensa come me chiedo il favore di parlarne in giro di diffondere il messaggio:
un animale è un cuore che batte anche dentro di te non fermarlo per la tua cattiveria, non buttarlo via stai con lui e a tempo debito sarai premiato.



OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…