Passa ai contenuti principali

VIVISEZIONE, SPERIMENTAZIONE ANIMALE: I METODI SOSTITUTIVI




Buon giorno a tutti oggi vi propongo dei video che trattano la questione della vivisezione soprattutto il dilemma che molte persone si pongo: serve veramente la vivisezione per aiutarci a cercare cure per le malattie oppure è solo pura speculazione da parte di case farmaceutiche  e quant'altro?
Nei video sotto stanti parlerà in un'intervista un medico il Professore Bruno Fedi.

Fedi è nato a Pistoia poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale  e viene da un periodo dove non c'era ancora un contesto culturale e sociale che riflettesse su concetti come il rispetto per l'ambiente o per le varie forme di vita. E' lui stesso a dire questa riflessione.
Terminato il conflitto si laurea in Medicina e Chirurgia a Firenze, quindi si ha preso la specializzazione in Urologia. Proprio im questi anni assiste di persona a tanti esperimenti crudeli sugli animale capendo la sofferenza di questi e l'inutilità di determinate procedure, inoltre ha potuto constatare quanto prive di fondamenti etici siano gli esperimenti sugli animali.

In seguito ha conseguito altre specializzazioni,  in Anatomia Patologica, Ginecologia e Cancerologia. Ha scritto svariati testi e articoli di medicina e ha vinto il premio Fiuggi per il contributo scientifico allo studio della citometria. Grazie a studi effettuati a Parigi, Londra e Barcellona è diventato, anche, consulente di Patologia a Terni.
Dal 1975 ha rifiutato ogni ricerca che si basi sulla sperimentazione animale e all'uomo. Abbracciando la Bioetica approfondendo la conoscenza sul rapporto tra inquinamento e malattie tumorali.

Oggi è uno dei maggiori rappresentanti dell'antivivisezione in Italia e ospita nel giardino di casa, vicino a Terni, un gran numero di gatti ed altri animali donandogli libertà.





Inoltre per chi volesse approfondire l'argomento c'è un bel libro: Effetti collaterali: MORTE.
E' la confessione di un uomo ex rappresentante di commercio per la filiale Eli Lilly & CO, un colosso farmaceutico.

Nel libro si legge la storia del Prozac, quel medicinali che fece guadagnare alla Svezia il premio Nobel per la Medicina.

Vi segnalo questo libro per farvi prendere più in esame la questione che le case farmaceutiche, così come i governi, molto spesso non prendono a cuore il vero motivo, ossia il malato e le cure più idonee, ma gli affari e tutto il resto passa in secondo piano se non peggio. Perciò se non si fanno alcun problema sui loro simili, figuriamoci sugli animali.

Concludo dicendo che nella mia famiglia ci  sono vari medici e anche loro sono dell'idea che tutta la sperimentazione e le metodologie della vivisezione non servono molto e non sono così fondamentali come vogliono farci assolutamente crede, per non perdere i loro guadagni.
Ma mentre noi stiamo discutendo, nel frattempo ci sono migliaia di animali che soffrono e muoiono sotto vere e proprie torture. Macachi, scimmie, topini, cani tutto viene utilizzato e per la maggioranza è solo speculazione.
Vi consiglio vivamente questo libro

NOTTE DOPO NOTTE, OMBRE E FANTASMI SI DANNO APPUNTAMENTO ACCANTO AL MIO LETTO ...
Per leggere la prefazione al testo andate sul sito:
Per l'intervista a questo pentito 


Effetti collaterali: morte. Le confessioni di un manager pentito delle grandi multinazionali del farmaco


OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…