Passa ai contenuti principali

LEGGERE, I LETTORI DIGITALI: LA MIA ESPERIENZA

OkNotizie
Il mio primo libro elettronico è stato il Sony PRS-T1. Il colore era bordeaux ed era il classico lettore che dava la pagine simile a quella di un libro tascabile. Potevo anche inserire la musica e delle immagini, che però poi vedevo solo in bianco e nero. Non si collegava ad Internet e non era dotato nemmeno di luce. Però funzionava benissimo aveva una capacità di 2 gb che potevo aumentare inserendo una memoria esterna. Per non rovinarlo acquistai anche la custodia e, a parte, la presa elettrica per ricaricarlo senza per forza collegarlo al computer.

Si leggeva benissimo sia in casa sia fuori al sole. Aveva solo un piccolo problema non andava tanto d'accordo con il Mac, in effetti nel sito della Sony c'era scritto che era collegabile ad un computer windows e così ricordo che ogni volta che dovevo aggiungere dei libri diventavo matta.

Però tutto sommato era un buonissimo strumento.

Con il tempo ne sono usciti altri e sempre più sofisticati e con maggiori prestazioni.

Per un mio compleanno mi è stato regalato il mini iPad.
Mi trovo benissimo per i seguenti motivi:

poiché non è solo lettore mi collego ad internet leggo la posta, insomma quando si è fuori casa è molto comodo in un piccolo e leggero aggeggino hai tutto a portata di mano.

I formati dei libri possono essere sia e-Pub, sia PDF, sia mobi. Ho scaricato le applicazioni così non devo diventare matta per convertire i formati.

Mentre leggo ascolto le mie Playlist come se avessi l'iPhone quindi ne scelgo una e va avanti continuamente senza ogni volta avviare una nuova canzone, cosa mi accadeva con il Sony.

Molto bello è il fatto che se hai il libro caricato in i-book il programma apple per i libri, la grafica non ha paragoni con nessuno. E' l'unico che simula quando con il dito sfiori lo schermo per simulare il giro della pagina,  l'immagine della pagina cartacea che gira. Sembra un dettaglio del cavolo ma ti fa quasi dimenticare il formato cartaceo.

Volendo posso fare fotografie e conservarle gustandomele a colori.

Avendolo dotato di una mini tastierina scrivo e prendo appunti, infatti ho scaricato un programma di scrittura da Apple store a gratis.

Avendo il mac, poi, non ho alcun problema di connessione e devo ammettere che è semplicissimo il suo uso.

A lungo ho letto che non c'è poi tanta differenza da un prodotto Apple ad un altro però ho provato anche altri Tablet di miei amici e devo dire che nessuno è semplice ed intuitivo come l'iPad, almeno per me che però ricordo sono alquanto imbranata. Però ognuno ha le proprie idee perciò è tutto soggettivo. Certo che se dovessi scegliere tra un Tablet Android ed un iPad io non esiterei optando per il secondo.

Voi direte che però costa. Verissimo ma è una spesa che deve durare nel tempo e quindi deve essere apprezzata ed usata senza alcun problema.
Generalmente quando decido una spesa magari attendo del tempo e risparmio per riuscire ad acquistare ciò che veramente desidero, piuttosto che ripiegare e magari cambiarlo poco dopo perché non del tutto soddisfatta.

Dico tutto questo perché un mio amico è venuto una sera a casa e ho dovuto configurargli il suo Tablet (non ricordo che modello fosse) però ho notato che era molto, ma molto più complicato rispetto all'iPad.

Al compleanno di mia sorella ho regalato il kindle di Amazon ed anche questo, ma solo come libro digitale, è semplice per persone poco abili con il mondo informatico. Sicuramente è stato più semplice la configurazione del Kindle rispetto al Kobo.

Ma il paragone riguarderà il prossimo articolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…