Passa ai contenuti principali

QUATTRO PASSI VERSO UN NUOVO CAMMINO (II° CAPITOLO)


OkNotizie
II° CAPITOLO


LA RICERCA DELLA VIA

La strada  è colma di persone ed io cammino senza una vera meta. Cosa posso fare, mi chiedo senza sosta. Ripenso a quell'incontro inaspettato come poteva essere accaduto che uno spirito si palesasse così! Non credo ai fantasmi eppure è accaduto ed ora, quasi, desidero che lo spirito ritorni per conoscerci meglio, sono affascinata da questo ma non sono io a decidere e non so come fare perché Edgar ritorni. Così ho iniziato a leggere libri sullo spiritismo, e sulle esperienze paranormali.

La mia scelta ricade inizialmente su uno scritto di Steiner: "Legame tra vivi e morti".
La sera a letto inizio la lettura sperando di trovare il modo.
Steiner dice che tra vita e morte esiste un legame. Quando una persona muore rimane in contatto con le persone che le sono care. Morire  è solo un'uscita dalla coscienza del corpo fisico ma se abbiamo imparato, finché siamo sulla Terra, ad immaginare e capire che in realtà l'uomo non muore, allora, questa consapevolezza ci darà la possibilità di riuscire nelle prossime vite ad entrare in contatto con il mondo dello spirito.
Inaspettatamente continuando la lettura ad un certo punto, come se avessi voluto trovarla, mi si apre la possibilità di avere la chiave per far si che io possa aprire la porta che per un breve istante mi si è svelata, così da riuscire a incontrare nuovamente Edgar.
Infatti leggo che è compito di colui che è in vita a dover creare le condizioni con le quali gli spiriti possono vederci.
Innanzitutto bisogna avere la convinzione che colui che è passato, vive ancora, solo il corpo si distrugge, i morti vivono.
Altro punto molto importante è il non essere attaccati alle cose materiali, colui che acquisisce, sulla Terra, la pratica della vita spirituale percepirà lo spirito nell'aldilà nella misura in cui il suo spirito glielo fa comprendere.
Il modo migliore per avere la capacità di percepire lo spirito è quello di avere rapporti gratuiti con le persone: se ci si avvicina agli altri individui senza voler nulla di materiale in cambio, ossia cercando di instaurare un vero rapporto di amicizia e conoscenza, allora, grazie al raggruppamento spirituale, si può sperimentare le realtà incorporee.
Ad un certo punto la mia attenzione viene catturata da una frase "Leggere per i morti perché così ci si fa un'immagine di colui che è nel mondo degli spiriti e lui leggerà con noi". Il miglior lettore di un morto è colui che ha vissuto vicino a lui. Però si può anche imparare a pensare a lui quando era in vita, com'era, di cosa si interessava cosa faceva".
Bene un passo avanti era stato fatto, piccolo, ma era, comunque, uno  spiraglio che mi si stava aprendo per intraprendere questa nuova strada. Magari impegnandomi ci sarei riuscita.

Diventa quindi importante passare alla letture del Trattato dei Sette Raggi.
Il giorno seguente decido di cercare in rete alcune informazioni su questo scritto.
Capisco che il cammino sarà lungo ma mi sento quasi in dovere di intraprenderlo per capire come mai un bel giorno ho incontrato Edgar, sono sicura che esiste il motivo ed io voglio capire.
Dovrò avere volontà, perseveranza e anche se ad un certo punto dovesse accadere di sentirmi incapace o stufa, non dovrò desistere, prima o poi arriverò al dunque.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…