Passa ai contenuti principali

DOV'E' LA SALVEZZA?





Dov'è la salvezza

Una via sull'altra accalcata,
la città, è un' anima disperata
dove, tra confusione e torpore,
tante anime camminano nel grigiore.
Volti disarmati
cuori isolati,
attimi di vita coraggiosa
attimi di vita preziosa
si rincorrono affannosamente
si dimenticano costantemente.
Si mischiano e si confondono
in un abisso profondo si nascondono.
Nei vicoli bui ed angusti,
dove trovano riposo pochi uomini giusti,
due ragazzi indaffarati
portano a compimento i loro peccati.
Una nuvola li avvolge
un profumo li sconvolge
e dove prima c'era bruttura
ora esplode una nuova natura
di colori sfavillanti,
di rumori incessanti
di odori stravaganti.
Solo un poco durerà poi la cruda realtà,
che non concede troppe possibilità,
con una stretta forte
chiuderà i loro cuori fino alla morte.
Pochi di loro sapranno,
pochi della loro assenza si accorgeranno.
La città disumana li ha afferrati
e senza perdono li ha cancellati.
Nel parchetto del rione
i bambini giocano a pallone,
ancora piccoli ed innocenti
sognano futuri attraenti.
A volte vengono avvicinati
da individui affamati
della loro giovinezza,
della loro bellezza
e senza provare alcun rimpianto
li avvicinano con falso canto
strappandogli dal petto
tutto l'amore ed il rispetto.
In un altro angolo di periferia
una ragazza fugge via
con i vestiti insanguinati,
gli occhi sbarrati,
i capelli scaruffati,
i sogni spezzati.
Avrà il coraggio e l'ardire
di un nuovo proseguire?
La città pazza
la città che schiamazza
non solo sofferenze cela
a volte, improvvisamente, svela
animi audaci
che si rendono capaci
di azioni straordinarie
di decisioni temerarie.
Tutto questo esite in città
solo perché è l'uomo che ha perso la sua umanità.
Possiamo costruire nuove dimore
possiamo abbellire con molto più colore
con parchi e con giardini,
con simpatici laghetti e piccoli acquitrini
dove grossi ranocchi saltellanti
e profumati fiori stravaganti
allietino la vista
facendola sembrare un luogo da rivista.
Ma se il nostro cuore non cambiamo,
se l'amore non bramiamo,
non c'è nulla che si possa fare
perché il male riuscirà comunque a trionfare.

Spesso sento dire in giro che se le città, i paesi venissero costruiti più a misura d'uomo le città non sarebbero luoghi ameni e tentacolari, grigi ed inumani. In parte concordo con questo pensiero: se ci si reca, qualsiasi città sia, nella zona periferica e popolare, che sia Milano, Roma, Parigi o Buenos Aires, come sono fatiscenti ed anonimi i caseggiati immersi nella povertà e nelle situazioni più difficili, il cuore si chiude e si incontrano visi tirati stanchi e tristi. Ma credo che se anche in periferia si edificassero bei caseggiati immersi nel verde ma le condizioni di vita quotidiana sono tirate al lumicino, gli individui avrebbero comunque lo stesso sguardo e la delinquenza e la brutalità alla fine emergerebbe comunque. Per questo secondo me sarebbe necessario che nel momento in cui ci si vuole adoperare per migliorare le città del mondo bisogna in primo luogo lavorare sull'uomo stesso, su noi stessi cercando di cambiare il pensiero, lo stile di vita, le priorità. Là dove c'è menefreghismo, individualismo, bramosia della ricchezza non può esserci altro se non bruttura. Iniziamo a rieducare il mondo, iniziamo a ritrovare gli antichi valori che abbiamo voluto relegare dentro a costrutti mentali che alla fine sono divenuti nemici dell'umanità stessa. Continuando ad affermare che il bene, l'altruismo, l'amore sono virtù consigliate e proclamato dalle religioni l'uomo ha alla fine dimenticato, credo per opportunismo, che in realtà queste antiche virtù erano bagaglio umano e così le ha fatte divenire archetipi comandamenti di religioni che con il modo fisico hanno ben poco in comune. Idea sbagliata che ha condotto l'uomo, in genere, ad odiare il suo simile, ad approffittarsene trascinando, così, l'umanità tutta in un profondo scuro che se non cerca di abbandonare sarà la causa della distruzione del genere umano stesso.

OkNotizie

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…