Passa ai contenuti principali

I MIEI LIBRI IN VENDITA

LO ZEN E I KOAN PARTE SECONDA



Un uomo incontra il suo maestro e gli dice:
"Maestro ho deciso di raccontare la storia dello Zen. Nel momento stesso in cui ho preso questa decisione mi sono reso conto che, forse, non sarà un compito facile, per questo sono venuto da lei. Vorrei dei consigli, non so se sarò all'altezza di questo compito!"
"Tanti, ragazzo mio, si sono cimentati, c'è chi ha scritto storie sullo zen, chi, invece, ha narrato la storia dello zen. Anche tu, se vuoi, puoi farlo".
"La via che devi seguire è quella di non inventare nulla e nemmeno di fare copie da scritti altrui."
L'uomo rimane sbigottito: come poter scrivere una storia zen senza inventare o senza rifarsi a scritti altrui, cosa rimane? Ma, prima di rispondere al maestro quest'ultimo riprende il discorso ponendogli una domanda: "in realtà cosa inventiamo di nuovo noi"? E' presunzione asserire che si può inventare; nulla ci appartiene persino il nostro involucro non è veramente nostro, così come i pensieri che produce. Inventare è pericoloso perché si può diffondere un dharma corrotto e nella nostra era ci sono molte persone che lo stanno facendo. Per loro si stanno aprendo le porte dell'inferno. Quando l'anziano saggio alza lo sguardo vede il biancore sul viso dell'uomo, così, per rassicurarlo gli dice che, comunque, anche l'inferno è una cosa costruita.
Scrivere la storia dello zen è, come ho già detto prima, difficile. Per spiegare lo zen è meglio rifarsi ai miti, ai koan e alle leggende. La storia può essere ingannevole ed è mutevole.
Mentre i due uomini sono seduti l'uno di fronte all'altro, il maestro ad un certo punto riprende a parlare narrando dell'illuminazione del Buddha Shakyamuni. Il discepolo approfitta dell'attimo di sosta dell'anziano maestro per prendere lui la parola e dire che è proprio da qui che vuole partire perché lo zen ha origine dall'illuminazione del Buddha Shakyamuni.
Da un certo punto di vista ha ragione il giovane ma poi il il maestro aggiunge che si dice che Shakyamuni, il Saggio degli Shakya, apparteneva alla stirpe del Bambino nato dall'uovo, cioè di suo figlio Okkaka, canna da zucchero. L'uovo d'uomo è il primo uomo, lo stesso che gli indiani chiamano Manu. Manu, però, è anche l'antica comunità umana che viveva in pace, in armonia tra loro e con il mondo che la circondava. Non conosceva avidità, fame, freddo e paura. In quel tempo non esistevano le caste e le religioni,  gli uomini erano così beati che non sentivano il bisogno di cercare la via della Liberazione, vivevano in uno stato puro e libero senza bisogni senza falsità senza nulla.  Lo zen è la pratica della religione prima che esse venissero inventate. Il dharma, trasmesso da Manu  e giunto fino a noi, è l'eredità che proviene dalle sei generazioni passate di umanità.
"In che senso", chiede il giovane discepolo, "come sei generazioni prima della nostra attuale"?
Il maestro a questo punto con un sorriso dolce inizia un nuovo racconto.
C'è stato un tempo in cui l'uomo viveva nell'età dell'oro, un tempo dove l'umanità era in armonia, poi succedettero altre tre ere, il Kitra, che comprende il Tetra Yuga, il Dvapara Yuga e il Kali Yuga. Quest'ultima è l'era oscura che è presente ancora oggi. In tutte queste ere la Vacca della Giustizia si è retta sulle sue zampe ma per ogni era trascorsa ha perso una zampa perché tre malattie sono diventate sempre più forti e potenti corrompendo gli animi: desiderio, fame e vecchiaia. A queste piaghe se ne aggiunsero man mano altre fino ad arrivare a novant'otto. Il mondo e l'umanità sono, così, scese nelle tenebre e nell'oblio e per far luce sulla terra sono giunti alcuni Buddha.
Shakyamani, nato da stirpe regale, nacque nell'era Kaly Yuga. Alcuni pensano che sia il non avatara di Visnu. La stirpe shakya, che significa abile, perché anche se isolati  e in esilio riuscirono a prolificare e moltiplicarsi. Egli  aveva il compito di riportare la luce ma non riuscì, fallì anche lui. 
Alla fine venne esiliato".
Il giovane rispose che la storia della grande capacità di moltiplicarsi degli Shakya è presente anche nella sua religione, la cattolica. Infatti anche nella bibbia si racconta che Abramo ebbe una stirpe numerosa tanto quanto sono le stelle in cielo. "
E come nella religione ebraica il suo discendente, il grande profeta Gesù, venne esiliato, così anche in quella indiana il Buddha ebbe la stessa sorte. 
Inoltre, come nella religione cristiana Gesù vuole salvare gli uomini, anche Shakyamuni che di fronte ai santi e agli asceti del paranirvana si divide in due, uno di essi si assumerà il compito di non abbandonare i diecimila esseri ma di salvarli tutti e perciò rimarrà immerso nel divenire fino a quando anche l'ultima creatura dispersa non rincaserà. Così Shakyamuni ridiscende nel mondo fenomenico.
OkNotizie

Article To PDF

I MIEI LIBRI IN VENDITA

POST RECENTI

Post popolari in questo blog

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

NEL TERREMOTO DI AMATRICE È RACCHIUSO UN MESSAGGIO DI CONSAPEVOLEZZA

Salve amici della rete, tutti quanti siamo a conoscenza del terremoto avvenuto il 24 agosto ad Amatrice. Questo era un borgo medioevale patria della famosa ricetta del sugo all'Amatriciana per condire vermicelli, spaghetti e bucatini.



Se guardiamo e leggiamo l'evento in chiave esoterica scopriamo un fatto molto, molto importante che ora, grazie anche allo scritto presente nel blog "risveglio di una dea" ,  Marte fuori controllo , il guardiano della soglia inizia ad attivare i poteri, vado ad illustrare.
Innanzitutto chi sta seguendo il cammino spirituale di risveglio della consapevolezza umana ha oramai ben compreso che la vita nello specchio della materia è simbolica e quindi anche tutti gli avvenimenti sono metafore di quello che avviene nell'essenza. Ciò che accade nella materia è progettato e voluto nell'oltre, si manifesta dapprima in questo "luogo" e quindi poi nella realtà in cui viviamo.
Oramai sono anni che sto leggendo post e libri dove s…

ITALIA APPELLO EMERGENZA NEVE: MAL TEMPO NEVE E IGNAVIA GOVERNATIVA

Tutti siamo a conoscenza di quello che sta accedendo in queste ore nella nostra Penisola. Tanti stiamo denunciando il mal governo, tanti stiamo scrivendo di tutto e di più. Sappiamo benissimo che i fondi raccolti per il terremoto gli abitanti di Amatrice non hanno usufruito di nulla. Ora sono all'emergenza totale, ma anche in altri posti la situazione non migliore.

Oggi il ministro Pinotti ha comunicato che è intervenuto l'esercito pubblicando a suffragio della sua dichiarazione una foto. Peccato che quell'immagina risale al 2014 a Belluno





La situazione è drammatica ma possiamo anche noi fare qualcosa.

Ricordo che stanno violando i diritti umani fondamentali  negando gli aiuti e abbandonando esseri umani ad una situazione così estrema.
Quindi facciamoci sentire in questo modo:

Fate girare per favore e inviate tutti la seguente mail per sollecitare l'intervento nelle zone interessate dal maltempo. Ecco un modo per essere di aiuto. Le parole di costernazione o di rimpro…

ZONA POETICA

HAIKU PER LA TERRA

HAIKU PER LA TERRA
MARCIA GLOBALE PER LA TERRA
Grande, possente, bellezza travolgente
delicata come la donna, rude come l'uomo, tenera come il bambino
quanto durerà? Quando il suo declino?
(Marta Saponaro)
Tu terra, sei la mia forza, il mio sentiero, il mio mare, il mio profumo, a te la mia estasi ed il mio corpo (Giuliana Lubello)
Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Nei giorni da sempre noi non ti amiamo, nei giorni da sempre noi ti sfruttiamo, nei giorni da sempre noi ti feriamo... Amiamo noi forse la Madre che ancora, nel grembo suo, ci tiene e sostiene? L'amore è gioia, l'amore è piacere, l'amore è accettare si ma anche dare...! Noi prendiamo prendiamo e prendiamo si...ma in cambio cosa diamo? In cambio di gioia noi diamo dolore, in cambio di pace noi diamo guerra, in cambio di acqua noi diamo sangue, in cambio di pane noi diamo fame... la vita ci hai dato la morte abbiamo imparato...!!! Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Un giorno per dirti perdono perdono perdono... (da Il diario di Giunone di Rosanna Cira)

TI ASPETTO IN QUESTA COMMUNITY

UNISCITI A NOI

SE VUOI CONTRIBUIRE AL CAMBIAMENTO VIENI CON NOI




NO ALLA VIOLENZA

ZONA D'INFORMAZIONE

ZONA PERSONALE

Image and video hosting by TinyPic