Passa ai contenuti principali

RINGRAZIAMENTI




Buon giorno cari amici lettori oggi è una giornata speciale per me ed è così grazie anche a voi.
Anni fa all'ospedale pediatrico Gaslini di Genova, dopo una gestazione assai travagliata e durata undici mesi, uno scricciolo di 1 kg e mezzo è venuto al mondo.  Piccolo, scuro, tutto nero, dalla testa ai piedi, compreso i capelli che mi erano tanti e nerissimi che tiravano al blu. Ero asfissiata e dopo qualche giorno mentre l'incubatrice mi racchiudeva perché troppo a rischio di vita, dovuto al sotto peso e a dei problemi di fortissimi anemie, sono giunta in questo mondo.
Il mio cammino è stato incerto fino ai 5 anni, nessuno si pronunciava con un definitivo " si vivrà" c'erano le due anemie che non mi davano tregua e i medici  non trovavano il modo per curarmi. Pian piano e con le amorevoli cure di mia madre, che da sola ha lottato, sono ancora qua. Sono andata a scuola e ho seguito il classico cammino degli studenti, con alti e bassi, soprattutto perché non mi impegnavo come dovevo. Diventata grande dopo l'università, ho scelto magistero corso di laurea scienze dell'educazione e specializzazione in neuropsichiatria infantile il mio cammino ha abbracciato strade che mai mi sarei immaginata. Infatti ad un certo punto, all'ultimo esame, quello per la tesi, ho mollato tutto ho iniziato a lavorare per alcune case editrici e giornali, ovviamente tutto a gratis, e quando ricevetti la lettera di assunzione in uno di essi ancora una nuova svolta,  in vacanza ho rivisto una persona che odiavo come non mai e...mi innamorai. Non sono mai stata di indole meditativa e siccome credevo che le cose non vengono da se ma siamo noi a farle accadere sentendo che per me costui era la mia anima gemella ho lasciato la mia città adottiva, Milano, per trasferirmi in campagna in Veneto in un piccolo paese in provincia di Venezia. Senza prendere la vera decisione abbiamo iniziato a vivere insieme e abbiamo avuto due figli. In seguito ci siamo sposati e decidemmo di voler seguire i figli in modo abbastanza tradizionale. A malincuore, da una parte perché amavo l'indipendenza economica ed il fatto di lavorare, e dall'altra perché  consapevoli dei grandi sacrifici che si incontrano se lavora solo una persona in casa oltre a forze maggiori, non avevamo nessuno che ci potesse aiutare, decidemmo che io avrei fatto la mamma e la moglie a tempo pieno. Mi sono dedicata con tutta me stessa a questo compito e non so dire come andrà fino all'ultima ora dei miei giorni ma pur vivendo momenti di sconforto, dovuti anche alla disapprovazione di amici che reputavano una scelta da (concedetemi il termine) paraculo, sentendomi dire tanto spesso la frase odiosa "bella la vita della mantenuta" e cose simili sono giunta ad oggi. Grazie anche alle stimolazioni del mio compagno di vita e dei miei ragazzi ho aperto e mi sono cimentata come blogger. E' un'esperienza fantastica ho scoperto un mondo nuovo, ho imparato nuove cose, ho accresciuto una mia consapevolezza ed in più mi ha fatto comprendere che il mondo là fuori e quello in rete è lo stesso. Siamo noi che facciamo l'uno e l'altro e se troviamo il male è perché siamo noi a cercarlo. Il Web non fa altro che risponderti e farti vedere all'istante cosa tu vuoi e cerchi. Ma se si vuole il bene e l'amore internet lo ha perché il mondo ha amore, basta cercarlo volerlo e quando lo si trova non tenerselo per se ma passarlo ad altri ingigantendolo in modo che diventi un grande abbraccio sempre in crescita.

Perché dico questo?

Stamattina mi sono svegliata e prima di iniziare i lavori domestici, perché poi vado ad aiutare il maritino nella sua pescheria, ho acceso il computer e...
nell'angolo destro di Google dove si trova la busta  di "c'è posta per te" ho trovato tantissimi messaggi di auguri da parte vostra.

grazie, graziE, grazIE, graZIE, grAZIE, gRAZIE ed ancora mille e mille volte GRAZIE

Questi vostri messaggi di auguri mi hanno resa felice e confermato che il condividere anche i propri pensieri, interessi paga, non monetariamente, ma di più con il cuore e quando il cuore è felice tutto viene, basta volerlo, vederlo, accorgersene e perseverare.

Perciò ora vi ringrazio tantissimo tutti voi non faccio nomi perché potrei magari non menzionarli tutti e non voglio far dispiacere nessuno ma
Domani sarò nuovamente qui con voi a proporvi qualcosa sperando sempre in vostri commenti  e scambi di idee perché così cresciamo insieme, oggi mi dedico alla cucina sto preparando una cena messicana ed il tempo non mi è sufficiente. Perciò a domani , con affetto 

Buona giornata a tutti e grazie ancora

Marta

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…