Passa ai contenuti principali

I MONUMENTS MEN DEL MEDIO ORIENTE



E' di questo anno il film "Monuments men" scritto e diretto da George Clooney, dove viene narrata la storia di uomini che amavano così tanto l'arte come espressione delle capacità umane e come bagaglio del sapere di tutti noi, che nel periodo della seconda guerra mondiale affrontarono la morte per mettere in salvo statue ed opere d'arte così ancora oggi possiamo ammirarle e vedere quanto l'uomo è in grado di realizzare nel momento stesso in cui è animato dall'amore. 
Bene la storia si ripete. In questi giorni ho, in qualità di blogger per AGIRE, ho postato la campagna di raccolta fondi per aiutare i milioni di bambini e uomini che stanno correndo un grave pericolo per la guerra. Tra l'altro approfitto per ricordare di partecipare con una donazione anche se piccola non fa nulla l'importante è partecipare per ulteriori informazioni :

Ma in Medio Oriente non esistono solo le armi e le bombe, non tutti sono portatori di morte, non tutti vivono animati dall'odio, tra loro esistono persone che sanno cosa vuol dire amare il prossimo, sanno cosa significhi amore per il mondo, sanno cos'è l'amore per il sapere e, così, si sono attivati per cercare di salvaguardare un patrimonio artistico-culturale di inestimabile valore per noi e le future generazioni di tutto il pianeta. Sono i Monuments Men del Medio Oriente.

Settant'anni or sono il presidente degli Stati Uniti, precisamente il 23 giugno, Roosvelt approvò la costituzione della Commissione americana per la protezione e la salvaguardia dei monumenti artistici in zone di guerra. Nacque la "Seconda Commissione Roberts. Durante la seconda guerra mondiale furono in 345, tra uomini e donne, a prestare servizio volontario nella Monuments Fine Arts Aechives, la sezione "Archivi e Belle Arti dell'esercito angloamericano". Misero a disposizione le loro competenze per salvare un patrimonio mondiale: tra loro c'erano esperti d'arte, critici e  direttori di musei.

Or bene sappiamo benissimo che Siria, Iraq e Palestina, hanno un vasto patrimonio culturale. I terreni che si trovano in quello spicchio di terra sono quelli che ospitarono migliaia di anni fa le civiltà mesopotamiche: gli assiri, i sumeri, gli accadi, gli amorrei, i babilonesi gli ittiti, gli aramei, i medi, i semiti. Tutti noi andando a scuola abbiamo studiato queste civiltà, chi non si ricorda di Hamurrabi ed il suo famoso codice o della famosa Torre di Babele, che è menzionata anche nelle Sacre Scritture (Genesi 11,1-9).

11 febbraio 2014. In questo giorno Rutelli ha presentato la campagna per la salvezza del patrimonio culturale siriano nella conferenza stampa "la vittima dimenticata in Siria: la cultura".
Forse ad alcuni di noi è sfuggito in mezzo alla tanta informazione e ai tanti impegni che è stata avviata una campagna per salvaguardare, appunto questo patrimonio. Così oggi, come tanto tempo fa, giovani monuments Men sono impegnati in questo arduo compito.
La campagna riguarda il salvataggio degli antichi siti di Aleppo, Damasco, Bosra, Palmira, Hisn al Akrad e Qal'at Salah, oltre ad antichi villaggi della Siria Settentrionale.



OkNotizie

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…