Passa ai contenuti principali

LETTERA DI UN NAUFRAGO DI UNA CARRETTA DEL MARE

Se avete l'iscrizione in FaceBook, oppure anche qui su Google o su Twitter ovunque, fate giare questa lettera perché forse così si capirà come è l'animo di una persona che per fame, per miseria, per le guerre non volute ma subite, per non morire ma per sperare in un futuro, molti abbandonano il loro paese e, rischiando la morte, arrivano in Italia o in altri paesi andando incontro al razzismo, al rifiuto, all'ostracismo degli abitanti del paese ospitante. Forse non sarebbe arrivato il momento di cambiare il proprio cuore? Forse non sarebbe arrivato il momento di amare gli altri? Tanti di noi vanno ogni domenica a Messa, tanti si dichiarano cattolici, cristiani, protestanti, ebrei, musulmani ma tutti professanti e credenti. Chiedo: credenti di che se poi accadono queste cose, se poi non seguiamo minimamente ciò che ogni religione dichiara? Ma non perché è una religione,  perché sarebbe moralmente umanamente e animatamente vero il rispetto e l'amore per la propria e l'altrui vita!



Mio adorato amore,
per favore non morire, io ce l'ho quasi fatta.
Dopo mesi e giorni di viaggio sono arrivato in Libia. Domani mi imbarco per l'Italia. Che Allah mi protegga. Quello che ho fatto, l'ho fatto per sopravvivere. Se mi salverò, ti prometto che farò tutto quello che mi è possibile per trovare un lavoro e farti venire in Europa da me. Se leggerai questa lettera, io sarò salvo e noi avremo un futuro. Ti amo, tuo per sempre.
Samir".
Samir, Egiziano 20 anni, arrivato cadavere a Pozzallo. Aveva questa lettera in una busta di plastica sigillata, che è stata tradotta dalle autorità italiane.
Purtroppo, lui non ce l'ha fatta e non ha potuto spedire questa lettera Spediamola noi per lui, facciamogli fare il giro del pianeta fino a farla arrivare nelle mani del suo "adorato amore". E aggiungete il vostro nome al mio.
Addio SAMIR.
Giovanni Rossi Filangieri
Anna Giaffreda
Tiziana Bisogno
Santina Salviato,
Lanzano Antonio,Tuccillo Grazia,
Laura Bucchioni,
Miria Pergettii...
Rossi RC
Antonella Boero
Cristina Vittoria
Antonio Battolla
Thalita Tonon
Alessandra Navarrini
Vanni Clodomiro
Giuliana Laudicina
Lucia Germanà
daniela schimicci
Ciro Noja
Antonia Madella Noja
Valeria Gandus
Tiziano Marelli
Edda Capasso
Dario Liotta
Mario Giusti
Massimo Forlivesi
Luciana Bristot
Elena Hileg Iannuzzi
Marcello Comoglio
Marco Garofalo
Barbara Schiavulli
Riccardo Chartroux
Lucia Goracci
Angela Caponnetto
Francesco Ceccarelli
Edoardo Poeta
Paola Rossi
Paola Marchetti
Stefano Troncarelli
Luca Neri
Marta Patrizia Saponaro

P.S.
Se volete prima di condividere aggiungere il vostro nome come tanti, me compresa , hanno fatto copiate il testo, aggiungete il nome e poi inseritelo dove volete condividere. Grazie
OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

COSTITUZIONE ITALIANA MODIFICHE APPORTATE: PER FIRMA TRATTATO DI CASSIBILE: ART. 50 COMMA 2- CANCELLATO; ART. 27 COMMA 4 ATTUALMENTE

Anticamente le persone umane vivevano liberamente sulla Terra e non sapevano che era vasta. In questo periodo gli uomini vivevano in natura. Per soddisfare i bisogni naturali del corpo si unirono in clan, che nel tempo divennero sempre più grandi fino a formare i paesi, le città, i Comuni e gli Stati, sottoscrivendo i contratti sociali.
Il Contratto Sociale nasce nel 1762 e si presenta come immaginazione ideale di modello politico, in cui si contrappone l’essenza dell’uomo e la sua intrinseca natura al sistema artificiale e artificioso della vita sociale.
Perciò avvenne che il popolo decise di costruire una finzione nella quale venivano scritte delle norme affinché nella vita quotidiana il quieto vivere ed il rispetto degli individui venissero salvaguardati. Le leggi erano l'espressione della sovranità dove l'azione di un singolo non avrebbe mai dovuto limitare quella di un altro. Platone affermava che lo Stato non è nulla e non crea buoni cittadini. Infatti lo Stato è la pro…