Passa ai contenuti principali

L'ERBA VOGLIO



L'erba voglio


L'erba voglio esiste nel giardino del re!
Perché?
Ascolterai con il cuore
e sentirai calore.
Assaggerai con il cuore
e gusterai la dolcezza in ogni sapore.
Annuserai con il cuore
e percepirai l'armonia di ogni odore.
Accarezzerai con il cuore
e avvertirai il soffice candore
e quando vedrai con il cuore
ovunque sarà abbagliante colore.
Padrone sarà il tuo cuore,
felicità sarà il tuo motore.
Siamo espressione del creato
dove ogni atomo è amato.
l'erba voglio è realtà
comprendilo, nessuno ti fermerà.


Quanti di noi da piccolini usavano il "voglio"?
Per me che ero una bimba il bambolotto più bello era Poldina; quanto era bella! Sembrava una vera neonata, ricordo che il corpo era morbido, aveva un sorriso dolce e se perdeva il ciuccio piangeva. La volevo più di ogni altra bambola e così continuavo a dire voglio quella bambola, voglio Poldina e il più delle volte mi vedevo che la tenevo tra le braccia, la cullavo, la baciavo. In quel tempo scrivevo la lettera a Babbo Natale e senza troppi mezzi termini scrivevo:
Caro Babbo Natale, sono Marta e per questo Natale ti chiedo come regali ciò che voglio più in assoluto...qua partiva un elenco incredibile di richieste ma poi fra tutte scrivevo in colore rosso, in grande e sottolineato i giochi che desideravo più di tutti e Poldina capeggiava su tutto. Ovviamente Poldina arrivò il giorno di Natale. Ne fui entusiasta felice ero al settimo cielo.

Così associando che voglio equivale ad ho, ho continuato a lungo ad usare questo termine.
Faccio fatica a ricordare il periodo in cui ho cambiato il modo di formulare la richiesta dei miei desideri, ricordo però che a scuola, a catechismo, gli adulti, insomma la maggioranza dei grandi, tolto la mia mamma che accettava il mio voglio, mi faceva notare e mi rimproverava l'uso del voglio e mi diceva la classica storiella "L'erba voglio non esiste nemmeno nel giardino del re".
Con il tempo il mio modo di volere e di cercare di ottenere si è modificato al punto che ho iniziato a preoccuparmi di dire desidererei, poi ad aggiungere al desiderio di potere avere il "se fosse possibile" quindi ho agganciato a questo il fatto di pesare il desiderio, ossia di fare attenzione che questo fosse piccolo possibile che rientrasse nella sfera delle cose minime perché mi dicevano non chiedere più di quello che si può. Altro detto limitante era che se ti abitui a volere troppo alla fine fai il passo più lungo della gamba e con il tempo le mie mire si sono abbassate.
Ma abbassa oggi e abbassa domani alla fine con tutti gli accorgimenti le mie richieste sono diventate queste:
Se è possibile da stare dentro alle capacità materiali e mentali desidererei poter vedere realizzato..."
Bene cosa si ottiene in tutto questo giro di parole?

Se stiamo però ben attenti se vogliamo fare una ricerca anche nella nostra religione si dice che:
Dio può tutto, chiedi e ti sarà dato"
Lo hanno sempre detto lo abbiamo sempre avuto davanti ai nostri occhi ma...il mondo è governato da due forze e l'una cerca di limitare l'altra il libero arbitrio nostro è la volontà di scegliere quali delle due abbracciare.

Per ora mi fermo qua ma vorrei che guardaste questo video di scienza quantistica per farvi capire un concetto semplice, magari difficoltoso da  attuare all'inizio, ma  poi ripagherà sempre e su TUTTO

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…