Passa ai contenuti principali

L'ERBA VOGLIO



L'erba voglio


L'erba voglio esiste nel giardino del re!
Perché?
Ascolterai con il cuore
e sentirai calore.
Assaggerai con il cuore
e gusterai la dolcezza in ogni sapore.
Annuserai con il cuore
e percepirai l'armonia di ogni odore.
Accarezzerai con il cuore
e avvertirai il soffice candore
e quando vedrai con il cuore
ovunque sarà abbagliante colore.
Padrone sarà il tuo cuore,
felicità sarà il tuo motore.
Siamo espressione del creato
dove ogni atomo è amato.
l'erba voglio è realtà
comprendilo, nessuno ti fermerà.


Quanti di noi da piccolini usavano il "voglio"?
Per me che ero una bimba il bambolotto più bello era Poldina; quanto era bella! Sembrava una vera neonata, ricordo che il corpo era morbido, aveva un sorriso dolce e se perdeva il ciuccio piangeva. La volevo più di ogni altra bambola e così continuavo a dire voglio quella bambola, voglio Poldina e il più delle volte mi vedevo che la tenevo tra le braccia, la cullavo, la baciavo. In quel tempo scrivevo la lettera a Babbo Natale e senza troppi mezzi termini scrivevo:
Caro Babbo Natale, sono Marta e per questo Natale ti chiedo come regali ciò che voglio più in assoluto...qua partiva un elenco incredibile di richieste ma poi fra tutte scrivevo in colore rosso, in grande e sottolineato i giochi che desideravo più di tutti e Poldina capeggiava su tutto. Ovviamente Poldina arrivò il giorno di Natale. Ne fui entusiasta felice ero al settimo cielo.

Così associando che voglio equivale ad ho, ho continuato a lungo ad usare questo termine.
Faccio fatica a ricordare il periodo in cui ho cambiato il modo di formulare la richiesta dei miei desideri, ricordo però che a scuola, a catechismo, gli adulti, insomma la maggioranza dei grandi, tolto la mia mamma che accettava il mio voglio, mi faceva notare e mi rimproverava l'uso del voglio e mi diceva la classica storiella "L'erba voglio non esiste nemmeno nel giardino del re".
Con il tempo il mio modo di volere e di cercare di ottenere si è modificato al punto che ho iniziato a preoccuparmi di dire desidererei, poi ad aggiungere al desiderio di potere avere il "se fosse possibile" quindi ho agganciato a questo il fatto di pesare il desiderio, ossia di fare attenzione che questo fosse piccolo possibile che rientrasse nella sfera delle cose minime perché mi dicevano non chiedere più di quello che si può. Altro detto limitante era che se ti abitui a volere troppo alla fine fai il passo più lungo della gamba e con il tempo le mie mire si sono abbassate.
Ma abbassa oggi e abbassa domani alla fine con tutti gli accorgimenti le mie richieste sono diventate queste:
Se è possibile da stare dentro alle capacità materiali e mentali desidererei poter vedere realizzato..."
Bene cosa si ottiene in tutto questo giro di parole?

Se stiamo però ben attenti se vogliamo fare una ricerca anche nella nostra religione si dice che:
Dio può tutto, chiedi e ti sarà dato"
Lo hanno sempre detto lo abbiamo sempre avuto davanti ai nostri occhi ma...il mondo è governato da due forze e l'una cerca di limitare l'altra il libero arbitrio nostro è la volontà di scegliere quali delle due abbracciare.

Per ora mi fermo qua ma vorrei che guardaste questo video di scienza quantistica per farvi capire un concetto semplice, magari difficoltoso da  attuare all'inizio, ma  poi ripagherà sempre e su TUTTO

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…