Passa ai contenuti principali

BUON GIORNO: BACIATI DALLA FORTUNA



In un paese vicino a Londra, Bromley, un ragazzo, Robert Quinn studente di ingegneria, la scorsa settimana ha iniziato a ricevere pacchi di ogni tipo. Non aveva acquistato nulla via internet, ma ogni giorno giungevano nuovi scatoloni tutti targati Amazon, preoccupato ha telefonato spiegando l'accaduto. Anche se la ditta era informata, Robert per un'intera settimana ha continuato a ricevere merce. Alla fine Amazon ha contattato il giovane dicendogli che si scusava ma era un disguido e che tutta la merce, del valore di circa 4500€,  rimaneva di sua proprietà senza dover alcun soldo. Una volta aperti tutti gli scatoloni ha potuto vedere che dentro c'era merce di ogni tipo, una carrozzina , un televisore da cinquanta pollici Samsung, un tablet e altro materiale. Essendo oramai vicino il Natale, il fortunato inglese ha deciso di tenere del materiale ed il resto venderlo per finanziare un suo progetto.
E poi si dice che non esiste la fortuna! Per lui Babbo Natale è arrivato in anticipo!

Anche in Italia la dea della fortuna lascia le sue tracce. In Toscana c'è un paese, Bagnone, dove sembra che la Dea bendata sia di casa in quanto più di una volta i suoi abitanti hanno centrato le mega vincite alle lotterie ma anche le varie iniziative che prendono vita in questo bellissimo borgo riscuotono sempre tanto successo. Gli abitanti sono tutti concorde nell'affermare che la fortuna di questo paese, molto bello da visitare, è racchiusa nella figura di un giglio fiorentino del '400, impresso su un blocco di arenaria. La tradizione vuole che per ricevere fortuna bisogna strofinare per tre volte con il palmo della mano questa figura. Un abitante del borgo deve averlo fatto perché un sei del superenalotto assai cospicuo è stato proprio vinto a Bagnone. Ma oltre ad aggiudicarsi fortune monetarie anche una bambina di dieci anni  è riuscita a superare magnificamente un difficile trapianto di cuore.

Ogni giorno oramai sentiamo parlare di selfie è una vera e propria moda scoppiata da quando ci sono gli smartphone, quest'abitudine  ha salvato la vita a una donna canadese. Una signora canadese è riuscita a filmarsi durante un attacco di mini ictus. Mediante il selfie i medici sono riusciti a capire cosa è accaduto. Qualche tempo prima la signora si era presentata all'ospedale spiegando che per qualche secondo non era riuscita a parlare e il volto era rigido, i medici però non avevano dato peso mandandola via con la diagnosi di stress. Questa volta, i medici hanno potuto accertare le reali condizioni grazie al selfie realizzato dalla signora in preda ad un nuovo attacco. La fortunata ed intraprendente signora si è salvata da una probabile morte, pensate che l'ictus è la terza causa di decesso nel mondo.
Si vede che non era il suo momento.

Una cuoca libanese, Amal Salha, di cinquant'anni, mentre era intenta a cucinare ha aperto un'ostrica che conteneva un bel grappolo di perle. Il mollusco è stato acquistato per dieci dollari mentre il tesoro che racchiudeva vale migliaia di euro, invece, in Italia mai una signora italiana, invitata ad una cenetta romantica a base di ostriche e champagne, trova una perla in ogni mollusco, una più grande dell'altra.

Infine due innamorati mentre passeggiavano romanticamente sul lungo mare californiano in compagnia del loro cane ad un certo punto vedono sbucare dalla sabbia una lattina di metallo. Quando la raccolgono si accorgono che nell'interno c'è qualcosa che brilla: sono delle monete d'oro. Decidono allora di provare a scavare per vedere se per caso non ce ne siano altre e, come dice il proverbio "la fortuna aiuta gli audaci", ne trovano altre otto tutte contenti monete d'oro risalenti al 1800. Questa deliziosa passeggiata romantica credo proprio che non la scorderanno mai più infatti i due fortunati giovani hanno dissotterrato un vero tesoro del valore di 10 milioni di dollari.

Condividi OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…