Passa ai contenuti principali

BUON GIORNO: LA FELICITA' PUO' DIVENTARE VIRALE?



chi di noi  interagisce con i social conosce benissimo il concetto di virale, ossia un video, una foto o un pensiero che messo in rete riesce a raggiungere più persone possibili con un numero di mi piace e condivisioni pazzesco.

A volte mi è capitato di vedere post con un numero altissimo in fianco al classico disegno del



Ciascuno di noi, nella vita, ha il mi piace: c'è chi adora fare soldi e spenderli; chi, invece, è un po' più un Paperon' de Paperoni, preferendo tenersi stretto stretto il suo tesoretto grande o piccolo che sia; ci sono, quindi,  gli avventurieri che adorano l'imprevisto e l'avventura e aborriscono la vita sedentaria e le comodità; non dimentichiamoci chi non aspetta altro che giunga il fine settimana per poter finalmente spaparanzarsi sulla comoda e consunta poltrona trascorrendo la giornata in déshabillè, oppure organizzando gite fuori porta o pranzetti e cenette con famigliari o amici. Quando si riesce a trascorrere le giornate realizzando ciò che ci piace di più ci sentiamo felici.
Siamo in tanti sulla terra ed ognuno ha il suo metro di giudizio e di valutazione.
Però la felicità può diventare un virus, ossia può essere contagiosa?

Da una ricerca alla Harvard Medical School si è giunti alla conclusione che la felicità non viaggia nella solitudine e hanno delineato una vera MAPPA DEL CONTAGIO su un campione di 5 mila persone.
A tutti i partecipanti è stato chiesto un resoconto dei loro ultimi venti anni e quanto fossero stati felici dando poi un punteggio a ciascuno proporzionato allo stato d'animo. Confrontando il punteggio dei singoli partecipanti con i parenti con cui hanno condiviso la gran parte della vita, il risultato ottenuto è stato sorprendente infatti ha rivelato una specie di pandemia della felicità.
Ogni stato di gioia che parte da un punto si dirama in tre braccia di connessione sociale provocando un contagio vero e proprio. 
L'uomo, si sa, è un animale sociale che agisce anche attraverso i neuroni specchio perciò lo stato emotivo di colui che sta in fianco per la maggioranza del tempo riesce ad influenzare quello del vicino.
Ciò che può portare minor risonanza dell'emozione è la lontananza fisica, basta che due persone siano distanti un chilometro e mezzo e la trasmissibilità dello stato emozionale scema sempre più.
Sembra però che nell'ambito lavorativo questa regola non funzioni. Il luogo di lavoro appare come una membrana impermeabile così come la rete non riesce a condividere lo stato emozionale.
Per essere felici non serve nessuna tecnologia bisogna stare a contatto con le persone, interagire perché non è tanto la comunicazione verbale che influenza quanto è la postura e la mimica che sono alla base dell'empatia.
Come ogni cosa ha il suo rovescio anche la felicità ha come controparte la tristezza quindi questo discorso vale per l'infelicità e per tutte le altre emozioni.
Però sembra che sia più facile trasmettere il senso di felicità. Infatti le ricerche hanno dimostrato che le possibilità di trasmissione della gioia siano intorno al 15% più forti rispetto al malumore.

Quindi concludo dicendo che i nostri politici mondiali si stanno facendo un mazzo quadrato per cercare di diffondere così tanta infelicità e noi comuni mortali potremmo batterli alla grande se solo volessimo e cercassimo la felicità.
Dimenticavo questi studi hanno anche dimostrato che la felicità che contagia non è quella basata sulla ricchezza materiale ma su quella spirituale.
Perciò che il sorriso , la luce negli sguardi e la gioia accompagni ogni momento della nostra giornata così più siamo e più saremo e....IL MONDO CAMBIERA'.


Se ti è piaciuto questo post e vuoi condividerlo mi faresti felice grazie

Condividi OkNotizie

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…