Passa ai contenuti principali

OPS MI SONO SBAGLIATO...PECCATO CHE ORMAI E' MORTO!

Quasi quasi mi sto sentendo divisa in due una pazza, avete presente quei personaggi dei film che hanno la doppia personalità?
Al mattino posto argomenti di amore, pace serenità felicità e poi durante il giorno via ad un'altra musica è pazzesco perché in realtà è questa la nostra vita piccole oasi di serenità dove il nostro animo assetato, stanco ed affranto cerca di ritemprarsi e grandi distese di deserto dove si devono superare condizioni estreme che mettono a dura prova il nostro spirito.

IL SENSO DI GIUSTIZIA DELL'UOMO



Ops mi sono sbagliato questa è pazzesca è la dimostrazione di un sistema allucinante dove oltre a condannare a morte un ragazzino di 14 anni dopo 70 anni dal fatto viene rivalutato il caso e si scopre che era innocente. Il bello è che pochi lo sanno.

Nel 1944 un ragazzino di colore fu arrestato perché considerato l'assassino di due ragazzine bianche. I pochi testimoni affermarono che il giorno in cui avvenne il duplice omicidio videro George Stinney, questa era il suo nome, che in compagnia delle due vittime, di 7 e 11 anni, raccoglieva dei fiori. Queste testimonianze divennero il punto forte dell'accusa che vinse e fece finire il giovane quattordicenne nel braccio della morte. In tutta la stria americana lui è il condannato alla pena di morte più giovane.  Dopo il suo arresto al ragazzino gli era stato impedito di vedere i suoi genitori e poco dopo in carcere improvvisamente George ammise la sua colpevolezza. Oggi  il Giudice Mullen Carmen ha decretato la sua innocenza e dichiara la grande ingiustizia che subì. Nel mese di gennaio la Mullen volle ascoltare la storia dai fratelli e dalle sorelle di George e interrogò anche uno dei testimoni e alcune persone che parteciparono alle indagini inoltre ha riesumato il cadavere sottoponendolo ad una nuova autopsia. Da tutto questo ha rivelato la grande ingiustizia subita e ha riabilitato il suo nome.
Per la cronaca George esalò il suo ultimo respiro sulla sedia elettrica.

Questa è il primo grande esempio di giustizia nel nostro mondo e di indifferenza dall'altra parte, infatti ancora oggi ci sono persone che muoiono sulla sedia elettrica o con una puntura letale.

Andiamo ora da un'altra parte del pianeta in Mauritania  (da WALK FREE)

Nella casa di Biram Dah Abeid, il tredicesimo figlio della famiglia, era destinato alla schiavitù in quanto membro dell'Haratin, classe di persone note per essere i discendenti degli schiavi e dei quali molti rimangono intrappolati in questa situazione ancora oggi. Biram però è riuscito ad uscire e ha votato la sua vita a lottare per debellare questo stato di cose. Mentre stava pacificamente protestando insieme ai suoi compagni è stato arrestato e portato nelle patrie galere dove costantemente subiscono violenza psicologica e fisica: devono stare nudi e vengono continuamente pestati dai polizziotti. Uno dei compagni ha bisogno urgentemente di cure. Il governo anziché aprire un'indagine sta cercando in tutti i modi di sopprimere queste denunce e far tacere i cuori. La Mauritania è uno stato che sfrutta ed usa ancora ai nostri giorni la schiavitù e ha accusato i ragazzi di incitamento all'odio sfruttando la legge antiterrorismo.
Mentre sto scrivendo e voi leggendo, Biram con i suoi compagni sono rinchiusi in una cella. Agli occhi del mondo la Mauritania avrebbe messo al bando la schiavitù nel 2007.


Condividi OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

IL CLOUD E LA TECNOLOGIA 5G PORTA DI ACCESSO AL TRANSUMANESIMO

Essere informati sulla realtà dei fatti può aiutare a salvare la vita a milioni di esseri viventi. Mobilitiamoci, uniamoci contro questo attacco alla vita.







La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e oramai il 5G è realtà. Cos'è questa tecnologia? Innanzitutto deve essere chiaro 




IL 5G È UN'ARMA
è una tecnologia “pericolosa” perché consentirebbe ai governi di controllare i propri cittadini. Il governo del "finto cambiamento"sta promuovendo tale tecnologia usando la scusa che renderebbe le reti telematiche più veloci ed efficienti, in realtà è un'arma letale che incrementerà innumerevoli disturbi, dall'insonnia fino alla neoplasia cerebrale.
Non è che perché sono una complottista che scrivo questo post, non sono io a dire che il 5G è pericolosissimo! Infatti interferisce con le vibrazioni naturali (dalla risonanza Schumann alle onde encefaliche degli esseri viventi), destabilizzando tutto: DNA, bioritmi, ciclo vegetativo delle piante, fenomeni atmosferici, equ…

THE TRIP UN VIAGGIO NELLE ONG (COME AVAAZ, CHANGE.ORG, GREENPEACE, TRANSPARENCY INTERNATIONAL, WWF...) E IL POTERE OSCURO SOROS E SIONISMO

Tanto tempo fa mi iscrissi ad Avaaz, convinta che fosse veramente dalla parte dell'uomo comune. Nel mondo sono tantissime le persone che sono cadute in questo finto bene. Purtroppo poi, se si decide di fare una ricerca su chi c'è dietro a gestire, si scopre un mondo sommerso dove il bene proprio non esiste. I promotori, i dirigenti, sono collusi proprio con i poteri che stanno distruggendo, affamando e ammalando la Terra e le sue forme viventi. È un brutto colpo da sopportare ma se si vuole veramente uscire dal tunnel, tutto deve essere rivelato, denunciato e quindi superato.
Giunsi a decidere di approfondire su chi stava dietro le quinte di queste associazioni falsamente umanitarie perché ad un certo punto mi posi la domanda: "ma se nel mondo sono in tanti a collaborare e ad abbracciare questi movimenti, possibile che tutto va peggiorando?"

Non parlo quasi mai di me ma devo dire che ho sempre avuto fiducia e sin da molto giovane ho sempre cercato e desiderato porta…