Passa ai contenuti principali

BUON GIORNO: FRA DETTI POPOLARI E ANTICHI PROVERBI


Non è tutto oro quello che luccica

Quando ero piccola ricordo che avevo un album di figurine dove raccoglievo la collezione dei "detti". 
Quello che preferivo era "quando la gatta dorme i topi ballano" Lo adoravo perché mi rispecchiavo. In effetti le più grandi marachelle della mia infanzia le ho messe in atto quando la mamma o, letteralmente dormiva, oppure era fuori casa.

Lei amava i profumi e nella sua stanza c'erano sempre un sacco di bottigliette di varie dimensioni colorate, dalle forme più bizzarre con il classico spruzzatore incorporato e alcune bottigliette invece avevano lo spruzzatore posato in fianco.

Un giorno decisi di mettermi in affari e presi i suoi costosi profumi e dopo averli mischiati per inventarmi nuove essenze gli aggiunsi una polverina colorata delle matite per dare anche una tonalità differente. Volevo diventare un'inventrice di nuovi e più brillanti fragranze. Quando la mamma rincasò la feci sedere e le chiesi di annusare e dirmi quale preferiva. Per un po' stette al gioco ma poi volle sapere dove avevo recuperato tutto l'occorrente e facendo la faccina del bimba sottomessa e dolce le dissi che erano i suoi profumi.
Risultato? Una bella strigliata con una tirata di orecchie e a letto senza cena. Le avevo praticamente consumato tutto il suo arsenale di imbellettamento buttando via fior di soldi. Lì finì la mia avventura di piccola chimica.

Un altro detto che apprezzavo era "chi dorme non piglia pesci". Non tanto per il poveretto che stava ore sotto il sole ma per il pesciolino che magari riusciva a fregare il vermicello e con la pancia piena se la dava a pinne in barba al pescatore.
Tante fantasie ma mi divertivo e ad ogni figurina mi realizzavo un film tutto personale.
Non so più dove sia finito quell'album è un peccato averlo perso, sia perché aveva tanti ricordi, sia in quanto oggi giorno mi sto accorgendo che le persone usano sempre meno i proverbi e come tante altre cose finiranno nell'oblio fino a scomparire. Un pezzo della nostra cultura che scema ma anche un pezzo di noi infatti mi sto rendendo sempre più conto che i modi veloci di dire ed i proverbi racchiudevano verità che oggi stanno, con intenzionalità, facendoci dimenticare.
La saggezza che riuscivano a comunicare con semplicità e in modo diretto era importantissima. Secondo me dovremmo trovarli e salvarli per i posteri.
Lancio quindi un appello se avete voglia e credete anche voi in questo, quando ve ne viene in mente uno e volete passarlo sono qua. Tutti i proverbi e modi di dire che mi manderete li serberò da parte e poi costruirò uno spazio tutto per loro da condividere insieme. Grazie



Conoscete anche voi alcune di queste canzoni popolari?










CONDIVIDI PURE SE TI E' PIACIUTO 
Condividi OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

TUTTO ACCADE PER UNA RAGIONE

Perché nella nostra vita accadono avvenimenti che procurano sofferenza anche se ci sembra di avere comportamenti che non cercano questo?
Perché anche se ci affanniamo, impieghiamo tutte le nostre forze per ottenere risposte positive a volte abbiamo l'opposto?

La vita si diverte solo a tirarci brutti scherzi? E' un giullare che si diletta a prendersi gioco di noi, oppure c'è qualche altro motivo?






buona sera è da qualche giorno che effettivamente non propongo articoli, chiedo scusa ma non sempre riesco ad avere abbastanza tempo e, non sempre, mi trovo nella disposizione migliore per scrivere qualcosa di interessante o almeno che reputo tale. Fino ad oggi ciò che ho inserito nel blog sono argomenti che mi interessano molto da vicino e che spero che anche a voi che mi seguite e che ringrazio veramente di cuore , possano interessare. Inoltre voglio anche documentarmi prima di scrivere e questo spesso mi porta via tempo.  Per tutta questa serie di motivi non sono quotidianament…