Passa ai contenuti principali

I MIEI LIBRI IN VENDITA

BUON GIORNO: LE FIABE NELLA REALTA'



Chi di noi non conosce la storia della bella Esmeralda e del gobbo di Notre Dame?
La Walt Disney ha realizzato un cartone animato che i miei figli da piccoli videro più e più volte ed io con loro.
Anche Cocciante ha realizzato un musical che propongo qui di seguito.
Ma la storia del più famoso gobbo della storia è vera o no? E' veramente esistito Quasimodo?

La storia venne scritta da Victor Hugo e il personaggio Quasimodo è pura fantasia del grande scrittore?
Innanzitutto c'è da dire che Hugo amava essere non solo un narratore del periodo storico in cui viveva,  amava essere un protagonista, vivere in prima persona ciò che narrava, come diceva anche Pierre Gringoire poeta e drammaturgo francese del XVI secolo e personaggio del romanzo di Hugo.
Nel musical di Cocciante è Mattia che interpreta questo personaggio.
Hugo definiva Pierre come un filosofo scettico e poeta ironico. Gringoire amava compararsi alla tomba di Maometto attratto in senso contrario da due calamite e che esita sempre.
Ma veniamo a Quasimodo e alla storia

All'inizio del 1800 iniziarono i lavoroi di restauro della Cattedrale e venne ingaggiata un compagnia di muratori. Ad un certo punto uno scalpellino, un certo Henry Sibson, litiga con i capomastri del cantiere e perde il lavoro. Così inizia a cercare un altro impiego. Incontra Trajan, un incisore estremamente gentile che lavora alle dipendenze di un uomo gobbo e molto schivo che non amava mischiarsi con le altre persone. Era soprannominato, proprio per la gobbe, Le Bossu. Il gobbo svolgeca la sua opera in un atelier vicino all'Ecole des Beaux Arts nel sesto arrondissement di Parigi. In quel quartiere nello stesso periodo viveva anche Hugo che tra l'altro era molto interessato eseguuiva i lavori di restauro della Cattedrale. Così ogni giorno si recava per vedere l'andamento dei lavori. Siccome anche Le Bossu collaborava al restauro è molto probabile che i due uomini si siano conosciuti di persona. 
Si è scoperto questo grazie al ritrovamento di un manoscritto dello scalpellino Sibson studiato approfonditamente da alcuni esperti della galleria Tate.

Dal Forum Free Notre Dame de Paris:

1825 Victor Hugo scopre Esmeralda e Quasimodo

"Il 26 maggio 1825, un grande trasporto a noleggio, affiancata sul lato di un grande tronco, si avvicinò a Reims. Si è occupato da quattro persone, gli amici: Charles Nodier scrittore, pittore Alaux, ha dichiarato: "romana", in quanto ha preso il Prix de Rome, il signor de Cailleux, Administration des Beaux-Arts, e un giovane uomo di 23 anni: Victor Hugo. Questo non è il vecchio barbuto, la cui immagine sarà riprodotta in migliaia di copie, ma un bel ragazzo con i capelli lunghi respinta indietro, il volto rasato di aumentare la sua sottile, labbra, naso grande e sottile. Vi è ancora poco conosciuto al pubblico, ma il suo primo lavoro, Odi e Poesie varie, è stato letto da King Louis XVIII. Che cosa è ora l'onore di essere invitato alla incoronazione di Charles X, che secondo la tradizione, si svolge a Reims.

Arrivati a Reims, Victor Hugo è stato veloce a scrivere per Adele, la giovane donna che ha sposato tre anni fa, si è follemente innamorato, ed egli ha dovuto lasciare per la prima volta, il giorno della Leopoldine perçait figlia del primo dente. "Che cosa sono felice con la mia Didina, il mio Adele, egli scrive," Ha un dente e dente per nascita, senza dolore! Digli anche abbracciando un migliaio di volte più piccolo di suo padre è soddisfatto, in questa occasione, e si mettono a sua madre buona biscotti da Reims a fare il dolce di latte ".

Resto per i quattro amici per sapere dove alloggiare. Essi non fanno parte dei funzionari per i quali il governo ha fatto il mantenimento di alloggi in case private. Per quanto riguarda alberghi, sono tutti completi. Hanno finalmente trovato l'ospitalità nel salotto di una attrice di teatro Reims, Miss Florville. Un divano e tre materassi sul pavimento del dormitorio inatteso.

Victor Hugo vantaggio di due giorni prima della visita a Reims incoronazione. Prima sosta di fronte alla cattedrale. "E 'ammirevole, egli dice, come un monumento di architettura gotica. Ci dovrebbe essere un anno di vedere tutto e visita. "Ha ripetuto la sua ammirazione nelle note di cose viste:" La cattedrale di Reims è bello tra tutti ... La facciata è una delle più belle sinfonie mai cantato questa musica, l'architettura. Su questo sogno a lungo prima di oratorio. Il luogo, la sua testa di sollevamento, vediamo una vertiginosa altezza alla base dei due campanili, una linea di giganti, che sono i re di Francia. Questa è magnifica e feroce ... "

L'incoronazione è avvenuta il 29 maggio Quel giorno, gli ospiti devono essere fino a tre ore la mattina per la cerimonia di iniziare a sette. Victor Hugo e Charles Nodier sono collocati nella galleria a sinistra della navata. "Abbiamo visto l'incoronazione, il mio Adele, ha scritto lo stesso giorno la moglie. Si tratta di un evento entusiasmante. "

Il giovane scrittore, dopo la cerimonia è il tempo per passeggiare in città. I suoi piedi hanno portato via Folle-Peine, nel quartiere di Saint-Remi, dove è a disposizione di nomi e le note che ha usato quando, cinque anni più tardi, egli riappare nel Medioevo di Notre-Dame de Paris. E 'in questa strada Folle-Peine che Victor Hugo, la danza in un cortile, un giovane zingaro che lo ispirano il personaggio di Esmeralda. Lo stesso giorno, la visita della basilica, ha attraversato la suoneria di Saint-Remi, Albert-Henri Nicart, un uomo nella sua Trenta, gobbo, ragazzino. Si ispira lui, il personaggio di Quasimodo.

Poi Victor Hugo sinistra di Reims, dove la vita è al di là dei prezzi, ha detto. Ieri, in quattro di noi mangiato 81 franchi a pranzo e cena. Una frittata costa 15 franchi, un piatto di piselli 13 franchi, e così via. Cinque piccole pagnotte sotto 42. "Prima della sua partenza, ha incontrato Chateaubriand, che è anche da Francia ed è stato invitato alla incoronazione come Comandante dell'Ordine del Santo Spirito.

Lo scrittore ritorna più volte a Reims. Nel 1838, ha inviato un disegno della cattedrale Leopoldine figlia - che è morto in un incidente nel 1843. E 'rapidamente a Reims nel 1840, e tornerà nel 1871. "Oggi, ha scritto, mi torna nella città vecchia dove ero giovane, e invece di trasporto del re di Francia, non vedo il bungalow in bianco e nero di un soldato prussiano .. ."









Ti è piaciuto l'articolo? Grazie se lo condividi 
  Condividi OkNotizie

Article To PDF

I MIEI LIBRI IN VENDITA

POST RECENTI

Post popolari in questo blog

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

NEL TERREMOTO DI AMATRICE È RACCHIUSO UN MESSAGGIO DI CONSAPEVOLEZZA

Salve amici della rete, tutti quanti siamo a conoscenza del terremoto avvenuto il 24 agosto ad Amatrice. Questo era un borgo medioevale patria della famosa ricetta del sugo all'Amatriciana per condire vermicelli, spaghetti e bucatini.



Se guardiamo e leggiamo l'evento in chiave esoterica scopriamo un fatto molto, molto importante che ora, grazie anche allo scritto presente nel blog "risveglio di una dea" ,  Marte fuori controllo , il guardiano della soglia inizia ad attivare i poteri, vado ad illustrare.
Innanzitutto chi sta seguendo il cammino spirituale di risveglio della consapevolezza umana ha oramai ben compreso che la vita nello specchio della materia è simbolica e quindi anche tutti gli avvenimenti sono metafore di quello che avviene nell'essenza. Ciò che accade nella materia è progettato e voluto nell'oltre, si manifesta dapprima in questo "luogo" e quindi poi nella realtà in cui viviamo.
Oramai sono anni che sto leggendo post e libri dove s…

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

ZONA POETICA

HAIKU PER LA TERRA

HAIKU PER LA TERRA
MARCIA GLOBALE PER LA TERRA
Grande, possente, bellezza travolgente
delicata come la donna, rude come l'uomo, tenera come il bambino
quanto durerà? Quando il suo declino?
(Marta Saponaro)
Tu terra, sei la mia forza, il mio sentiero, il mio mare, il mio profumo, a te la mia estasi ed il mio corpo (Giuliana Lubello)
Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Nei giorni da sempre noi non ti amiamo, nei giorni da sempre noi ti sfruttiamo, nei giorni da sempre noi ti feriamo... Amiamo noi forse la Madre che ancora, nel grembo suo, ci tiene e sostiene? L'amore è gioia, l'amore è piacere, l'amore è accettare si ma anche dare...! Noi prendiamo prendiamo e prendiamo si...ma in cambio cosa diamo? In cambio di gioia noi diamo dolore, in cambio di pace noi diamo guerra, in cambio di acqua noi diamo sangue, in cambio di pane noi diamo fame... la vita ci hai dato la morte abbiamo imparato...!!! Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Un giorno per dirti perdono perdono perdono... (da Il diario di Giunone di Rosanna Cira)

TI ASPETTO IN QUESTA COMMUNITY

UNISCITI A NOI

SE VUOI CONTRIBUIRE AL CAMBIAMENTO VIENI CON NOI




NO ALLA VIOLENZA

ZONA D'INFORMAZIONE

ZONA PERSONALE

Image and video hosting by TinyPic