Passa ai contenuti principali

COME IN CIELO COSI' IN TERRA



Karl Popper diceva

"Ogni qual volta muore un uomo è un universo intero a venir distrutto. 
Ce ne rendiamo conto non appena ci identifichiamo con quel uomo."

In questi giorni in casa stiamo parlando della consapevolezza con i figli e stiamo dicendo loro che ogni nostro pensiero crea un determinato tipo di risposta perché il pensiero è energia e in fisica c'è una legge che dice ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. (terza legge della dinamica)Esiste anche la legge del Karma, ad ogni azione corrisponde una reazione contraria il cui grado di intensità dipende dal fattore tempo. Ogni azione che compiamo, sia semplice o articolata, sia positiva o negativa, esercita una pressione nella mente che viene registrata per essere rivissuta in seguito.
Questa reazione, Sam'Skara in sanscrito, è memorizzata nei meandri più reconditi e si svelerà a suo tempo, perciò, se agiremo nel male questo male dovrà prima o poi essere rivissuto da noi  e se faremo del bene questo si ripresenterà a noi. La legge del Karma segue il principio che
nulla è casuale tutto è causale. Tutto ha una causa. Ogni nostra azione crea un legame con l'universo crea condizionamenti nella nostra vita dove nel progredire si incontrano gli effetti di ogni nostro pensiero che è stato espresso con l'azione. Questi condizionamenti, però, possono essere eliminati attraverso un lungo processo di de-condizionamento e purificazione.
Pregando, recitando un mantra ci aiutiamo in questa purificazione, con gli atti aiutando le altre persone senza aspettarsi nulla in cambio

Il pensiero crea la realtà e la realtà è il prodotto dei nostri pensieri se vogliamo purificarci dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare e di operare. 
In primo luogo dobbiamo comprendere che l'universo il creatore, è amore puro non ha in sé pensieri sentimenti negativi e poiché noi siamo suoi figli, creati a sua immagine e somiglianza, in noi c'è amore puro. Perché allora ci sono così tante sofferenze? 
Fino ad oggi l'uomo si è evoluto con il contributo di menti che non hanno dentro lo stesso amore e quindi ci hanno fatto deviare dal nostro percorso. Ma da sempre sul nostro pianeta sono giunte persone che hanno ricordato quali erano le nostre vere origini ci hanno ricordate che com'è in cielo così è in Terra.
Non possiamo però compiere azioni benefiche se per prima cosa non amiamo noi stessi.
Diceva San Francesco nella sua preghiera:

Come in cielo così in terra
Sia fatta la tua volontà
come in cielo, così in terra;
affinché ti amiamo con tutto il cuore,
pensando sempre a te;
con tutta l'anima, desiderandoti sempre;
con tutta la mente,
dirigendo a te tutte le nostre intenzioni,
e cercando in tutte le cose I'onor tuo;
e con tutte le nostre forze,
impiegando tutte le potenze dell'anima
e i sentimenti del corpo
in ossequio del tuo amore,
e non in altro.
Sia fatta la tua volontà
come in cielo, così in terra;
affinché amiamo altresì i nostri prossimi,
come noi stessi, traendo tutti,
giusta le nostre forze, al tuo amore,
godendo dei beni e avendo compassione
dei mali altrui, come dei nostri,
e non recando a chicchessia
offesa alcuna.
Carl Gustav Jung diceva:

"La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo, accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi recessi dell'anima."

La cara amica +Rosita Gaia ha scritto l'Amore è  firma della vita l'amore è firma dell'universo e come in cielo così in terra l'amore è firma dell'uomo e nell'uomo



Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

L'INGANNO NELLA CARTA D'IDENTITÀ

IL NOME E LA FRODE




Analizzando la parola Nome, capiamo subito cosa rappresenta: "NO", "ME". La negazione di noi stessi.(Il Non Io). Il NOME e' l'unico arpiglio che il sistema ha per ridurre a mera merce gli esseri viventi e guadagnarne la giurisdizione in modo del tutto arbitrario senza consenso e violando il libero arbitrio altrui. Anche gli "Alias, conosciuto come" , Titoli ed altro, sono meri tentativi di "appiccicare" un NOME LEGALE ad un essere vivente, sotto falsa assunzione e presunzione di giurisdizione e potere. A livello giuridico, il NOME LEGALE e' un Trust: un negozio giuridico. una serie di "normative" atte a regolamentare un determinato comportamento: un vero contratto. TRUST: Un Insieme di persone Unite da Interesse Comune:

Il Trust e' composto da 3 figure:

01)Disponente, Colui che dispone il bene, e lo mette a disposizione.
02) Amministratore: Colui che amministra il bene
03)Beneficiaro: Colui che beneficia…

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività.
E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo.
Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone. 
Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La psyche è una g…