Passa ai contenuti principali

I MIEI LIBRI IN VENDITA

IL PROGRAMMA DI GENOCIDIO MONDIALE




Purtroppo quando parli a chi queste cose non le ha mai lette sembri un matto e non vieni creduto. Ancora per la maggior parte delle persone chi governa, anche se compie errori grossolani, è comunque animato dal desiderio di miglioramento. Così indisturbati i veri capi di governo riescono ad attuare leggi e modifiche che di buono non hanno in realtà nulla se prese e sistemate secondo il vero disegno. Infatti sono molti i leader che si auspicano il ridimensionamento popolare perché dicono che su questo pianeta siamo in troppi rispetto alle risorse e così nei loro piani esiste il progetto che man mano si sta iniziando a mettere in atto per eliminare la maggioranza delle persone. Anche se chi leggerà queste righe non crederà minimamente a nulla, prima o poi potrà correre il rischio di vedere come in realtà stanno andando gli eventi.
La maggioranza di noi persone, per il gruppo elitario che tira i fili,  non vale praticamente nulla è solo un gravoso peso che deve essere eliminato il prima possibile. Tutti quanti noi siamo esseri inutili che pesano sulle risorse terrestri, non abbiamo veri diritti e perciò non dobbiamo avere aspettative e non possiamo alzare troppo i toni, dobbiamo sottostare alle regole ed alle decisioni di persone che in realtà hanno in serbo per il prossimo futuro lo spopolamento,  così nei loro discorsi è presente questo progetto. Ecco alcuni spezzoni di affermazioni di vari leader, leggeteli e poi ditemi se ho travisato o se in realtà il progetto di genocidio globale non sia preso effettivamente in considerazione.



Se anche a voi sorge il dubbio allora forse sarebbe giunto il momento di iniziare a diffondere il più possibile questa presa di coscienza perché i tempi sembrano avvicinarsi inesorabilmente verso la realizzazione di questa assurda idea. Intanto in America i campi FEMA sono già ben allestiti e in Europa i campi di concentramento non sono mai stati dismessi anzi sono stati  restaurati ed usati nel frattempo come musei per i vari ricordi di azioni scellerate ma ancora ritenute ben valide.

Margaret Sanger, fondatrice di Planed Parenthood promuove con enfasi la filosofia di Thomas Malthus.
Questi visse a cavallo del 1700/1800 e dichiarava:

- La povertà non è causata dalle istituzioni, cioè dai fattori socio politici, ma dal fatto che la                    popolazione tende a crescere con maggior velocità rispetto all'offerta di cibo.

Il rimedio a questo poteva essere:

- Freno positivo grazie alle guerre alle carestie ed alle malattie
- Freno negativo o preventivo diminuzione delle nascite con il controllo del tasso di natalità


La Sanger dichiarava che coloro che sceglievano la sterilizzazione avrebbero dovuto ricevere un premio, che le coppie sposate non potevano decidere arbitrariamente la procreazione ma avrebbero dovuto richiedere dei permessi così da evitare la nascita di esseri malformati con deficienze o problemi di varia eziologia. Questa donna era per la pulizia etnica e lo sterminio della popolazione nera, sterilizzazione dei malati mentali e dei poveri. Così alle donne soleva dire, rifacendosi ad un passo biblico: ecco i giorni vengono, in cui si dirà Beate le sterili e i grembi che non nuda e le mammelle che mai hanno allattato (Luca 23:24)


Il  progetto PARENTHOOD OGGI dichiara:


"Non abbiamo intenzione di essere un'organizzazione che promuove il celibato o la castità." Faye Wattleton, Presidente, Planned Parenthood Federation of America, Los Angeles Times , 17 ottobre 1986 _______  "Se i tuoi genitori sono così stupidi da negare l'accesso al controllo delle nascite, e hai meno di 18, è possibile ottenere sul proprio Chiama Planned Parenthood "..  Planned Parenthood pubblicità, Dallas Observer , 30 Gennaio 1986  _______  "Ci sono solo 2 tipi fondamentali di sesso: il sesso con le vittime e sesso senza. Il sesso con le vittime è sempre sbagliato. Il sesso senza ha sempre ragione. "  Hai cambiato la combinazione, Rocky Mountain Planned Parenthood, Denver, Colorado. _______  "La questione di se o non vendere noi stessi per gli uomini è un falso :... La vera domanda è come vendere noi stessi nel modo in cui è meno distruttivo per noi stessi e le nostre sorelle prostitute non hanno bisogno la nostra condiscendenza Quello che serve è la nostra alleanza E abbiamo bisogno di loro ".  The New nostri corpi, noi stessi , Boston Women salute collettiva, p 113  _______  "Il sesso è troppo importante per GLOP con sentimento. Se ti senti sexy, per carità ammetterlo a se stessi. Se il sentimento e la tensione fastidio, si può masturbarsi. La masturbazione non può farti del male e vi farà sentire più rilassato. "  I pericoli di pubertà, Rocky Mountain Planned Parenthood, Denver, Colorado.  ______  "In Planned Parenthood è anche possibile ottenere il controllo delle nascite senza il consenso o la conoscenza dei vostri genitori. Quindi, se siete 14, 15 o 16 e si arriva a Planned Parenthood, noi non diciamo i tuoi genitori ci sei stato.Noi giuriamo noi non dire ai tuoi genitori. "  Planned Parenthood dipendente lezioni agli studenti di Ramona High School, Riverside, California., 21-22 aprile 1986




FATTI sulla pianificazione familiare 
Planned Parenthood su Adozione:
6.000 record visita clinica esaminati da una clinica Texas PP, solo 3 di cui per l'adozione. (Interruzione Planned Parenthood , da Robert H. Ruff, New Vision Press, 1988)  Planned Parenthood di sull'omosessualità e civile Diritti: PP ha incoraggiato l'omosessualità e sostenuto la sterilizzazione obbligatoria di tutti coloro che hanno due figli. ( Family Planning Perspectives (una pubblicazione PP), giugno, ottobre 1970)  ______________


Goal di Planned Parenthood:
Dr. Lena Levine nel 1953, per quanto riguarda lo scopo della Planned Parenthood e pianificato linea d'azione: "... di essere pronto come educatori e genitori per aiutare i giovani ad ottenere soddisfazione sesso prima del matrimonio sanzionando sesso prima del matrimonio ci sarà evitare la paura e il senso di colpa Dobbiamo.. anche alleviare coloro che hanno questi ... sentimenti, e dobbiamo essere pronti a fornire ai giovani ragazzi e ragazze con le migliori misure contraccettive disponibili in modo che si hanno i mezzi necessari per raggiungere la soddisfazione sessuale senza dover rischiare una possibile gravidanza ". ( Planned Parenthood Notizie , estate 1953). "(" sviluppo psico-sessuale ", citato in Planned Parenthood Notizie , Estate 1953, pag. 10)  
     ________
 Parenthood Planned on Gravidanza:PP ha un concetto malsano di gravidanza, in quanto vede lo stato di gravidanza come una condizione anomala o di malattia. Parlando per l'organizzazione, il dottor Warren Hern si riferisce alla gravidanza umana come "episodica, moderatamente esteso condizione cronica ... può essere definita come una malattia ... trattata con l'evacuazione del contenuto uterino ..." ("Is Really Gravidanza Normal? " Family Planning Perspective , Planned Parenthood, vol. 3, No. 1, gennaio 1971, pag. 9) 


A ben vedere possiamo dire che questo progetto è in atto quante guerre aperte ci sono oggi sul nostro pianeta?
Per le malattie oramai è risaputo che Aids ed Ebola, non sono calamità venute da sole ma sembra che dietro ci sia la mano di qualche persona. Non parliamo poi dell'aumento di patologie come il cancro e l'Alzheimer. Inoltre anche se i governanti non hanno ancora dichiarato vero l'esistenza dell'irrorazione dei cieli ci stanno avvelenando la terra e l'acqua.

Zbigniew Brzezinski, ex consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, ha avvertito che sussiste un vero pericolo nel fatto che le persone si stano risvegliando e dichiara che l'attivismo populista dei popoli politicamente risvegliata e storicamente avversa al controllo esterno dimostra di essere difficile da reprimere ed è una minaccia per l'instaurazione della società tecnocratica mondiale.
In questa società si ha più controllo una sorveglianza continua su tutti i cittadini e le autorità potranno avere informazioni dettagliate su chiunque così da mantenere ordine e persone sotto stretto controllo e poco inclini al ragionamento. Brzezinski è il fondatore della Commissione Trilaterale e del Council on Foreign Relations nonché luminare delle riunioni del gruppo Bilderberg per Obama uno dei migliori pensatori del nostro tempo.
Perciò se l' élite vuole mantenere il suo controllo è necessario che agisca rapidamente.

Rochkefeller ha allegato ad un disegno di legge NDAA 2014 l'emendamento sulla cyber-sicurezza

Dichiarazioni di alcuni esponenti:


"La cosa più misericordiosa che una famiglia possa fare per uno dei suoi membri infantili è ucciderlo."
Malthus

La società non ha alcuna struttura per consentire ai degenerati di riprodurre la loro specie“.
Theodore Roosevelt
“Malthus è stato confermato, la realtà sta finalmente mettendosi al passo con le idee di Malthus. Il Terzo Mondo è sovrappopolato, è un disastro economico, e non c’è modo di poter uscirne. La nostra filosofia è: tornare al villaggio”.
Dr. Arne Schiòtz, direttore World Wildlife Fund of Conservation, ha dichiarato tale, ironia della sorte, nel 1984.

“Una popolazione mondiale totale di 250-300 milioni di persone, con un calo del 95% rispetto ai livelli attuali, sarebbe l’ideale”.
Ted Turner, in un’intervista con la rivista Audubon

“E’ presente un unico tema dietro a tutto il nostro lavoro: dobbiamo ridurre la popolazione mondiale. Tutti i governi fanno a modo nostro, con le buone, o riceveranno il tipo di disordine che abbiamo prodotto in El Salvador o in Iran o a Beirut. La popolazione è un problema politico. Una volta che la crescita demografica è fuori controllo, è richiesto un governo autoritario, anche fascista per ridurla …. “” Il nostro programma in El Salvador non ha funzionato. L’infrastruttura non era abbastanza solida per sostenerlo. C’erano semplicemente troppi, maledette, persone …. Per ridurre davvero la popolazione, in fretta, bisogna chiamare tutti i maschi in combattimento e si deve uccidere un numero significativo di donne in età fertile ….” “Il modo più rapido per ridurre la popolazione è attraverso le carestie, come in Africa, o attraverso le malattie, come la Black Death …. “
Thomas Ferguson, Dipartimento di Stato Ufficio Affari Popolazione

“Nella ricerca di un nuovo nemico, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la fame, sia il migliore …. Ma non cadiamo nella trappola 

di confondere i sintomi con la causa. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano ed è solo attraverso atteggiamenti e comportamenti che possono essere superati e cambiati…” “Il vero nemico, allora, è l’umanità stessa”.

Alexander King, Bertrand Schneider – Fondatore e Segretario rispettivamente, il Club di Roma, The First Global Revolution, pp 104-105, 1991
“Il cancro è una moltiplicazione incontrollata di cellule; l’esplosione demografica è una moltiplicazione incontrollata di persone …. Dobbiamo spostare i nostri sforzi dal trattamento dei sintomi all’asporto del cancro. L’operazione richiederà molte decisioni, apparentemente brutali e senza cuore”.
professore di Stanford, Paul Ehrlich in The Population Bomb
“Al fine di stabilizzare la popolazione mondiale, dobbiamo eliminare 350.000 persone al giorno. E ‘una cosa orribile da dire, ma è altrettanto male non dirlo”.
J. Cousteau, esploratore 1991 e l’UNESCO corriere
“Credo che la sovrappopolazione umana è il problema fondamentale sulla Terra, oggi” “…noi esseri umani siamo diventati una malattia, la Humanpox”.
Dave Foreman, Sierra Club e co-fondatore di Earth First!
“Dobbiamo parlare con maggiore chiarezza riguardo la sessualità, la contraccezione, l’aborto, sui valori che controllano la popolazione, perché la crisi ecologica, in breve, è la crisi della popolazione. C’è il bisogno di ridurre la popolazione del 90% così non ci saranno abbastanza persone per produrre una grande quantità di danni ecologici”.
Mikhail Gorbachev
“Oggi la popolazione americana sarebbe oltraggiata, se le truppe dell’ONU entrassero a Los Angeles per ristabilire l’ordine. Domani ne sarà grata! Ciò è particolarmente vero se sarà dichiarata la presenza di una minaccia esterna, reale o promulgata, che minaccia la nostra stessa esistenza. È allora che tutti i popoli del mondo dovranno invocare aiuto per essere liberati da questo male. L’unica cosa che ogni uomo teme è l’ignoto. Quando viene presentato con questo scenario, i diritti individuali, verrano devoluti volentieri per la garanzia del benessere comune, concesso loro dal Governo Mondiale”.
Dr. Henry Kissinger, Bilderberg Conference, Evians, Francia, 1991
“L’illegale lo facciamo subito. L‘incostituzionale prende un po’ di tempo in più”.
Dr. Henry Kissinger New York Times, 28 Ottobre, 1973
“Lo spopolamento dovrebbe essere la massima priorità della politica estera verso il terzo mondo, perché l’economia statunitense richiederà grandi e crescenti quantità di minerali dall’estero, soprattutto dai paesi meno sviluppati”.
Dr. Henry Kissinger
“Il potere è l’afrodisiaco supremo” “Gli anziani sono consumatori inutili”.
Dr. Henry Kissinger
“La popolazione mondiale deve essere ridotta del 50%”.
Dr. Henry Kissinger

“Siamo sull’orlo di una trasformazione globale. Tutti ne abbiamo bisogno e con la giusta grande crisi, le nazioni accetteranno il Nuovo Ordine Mondiale”.
David Rockefeller



“La guerra e la carestia non lo farebbero. Invece, la malattia offre il modo più efficiente e veloce per uccidere i miliardi di persone che devono morire se si vuole risolvere la crisi della crescita demografica. L’AIDS non è un assassino efficiente perché è troppo lento. Il mio candidato preferito per eliminare il 90% della popolazione mondiale è l’Ebola (Ebola Reston), perché è altamente letale e uccide in giorni, invece che anni. Abbiamo malattie disperse nell’aria con mortalità del 90% negli esseri umani. Uccidere esseri umani. Pensateci“.
Dr. Eric Pianka University of Texas ecologista evolutiva ed esperto di lucertola, ha mostrato le soluzioni per ridurre la popolazione mondiale a un pubblico il controllo della popolazione



Nessuno entrerà nel Nuovo Ordine Mondiale, a meno che lui o lei prenderà l’impegno di adorare Lucifero. Nessuno entrerà nella Nuova Età, a meno che non prenderà un’iniziazione luciferina”.
David Spangler, direttore dell’Iniziativa Planetario, Nazioni Unite



“L’attuale sovrappopolazione è ben oltre la capacità di carico del mondo. Non può essere risolta da future riduzioni del tasso di natalità per mezzo della contraccezione, la sterilizzazione o l’aborto, ma deve essere soddisfatta nel presente dalla riduzione dei numeri attualmente esistenti. Questo deve essere fatto con qualsiasi mezzo necessario”.
Iniziativa per le Nazioni Unite ECO-92 CARTA DELLA TERRA



“In Sud America, il governo del Perù va di porta in porta a fare pressioni sulle donne che vengono ‘invitate’ a sterilizzarsi. Tutto questo è finanziato dai dollari dei contribuenti americani”.
Mark Earley – Il tipo sbagliato di partito Christian Post 10/27 2008



“Le donne nei Paesi Bassi, che sono considerate dallo Stato madri inadatte, dovrebbero essere condannate a prendere la contraccezione per un periodo minimo di due anni”.
Marjo Van Dijken (autore del disegno di legge nei Paesi Bassi) nel Guardian


“Mantenere l’umanità sotto 500.000.000, in perpetuo equilibrio con la natura”.
anonimamente commissionate Georgia Guidestones



“Se fossi reincarnato, vorrei essere restituito sulla terra, come un virus killer per abbassare i livelli della popolazione umana”.
principe Filippo, marito della regina Elisabetta, Duca di Edimburgo, leader del World Wildlife Fund

“Il Childbearing, dovrebbe essere un reato contro la società punibile, a meno che i genitori siano i titolari di una licenza governativa. Tutti i potenziali genitori dovrebbero essere tenuti ad utilizzare sostanze chimiche contraccettive, il governo rilascerà gli antidoti ai cittadini scelti per la gravidanza “.
David Brower, primo direttore esecutivo del Sierra Club


“Il principio che sostiene la vaccinazione obbligatoria è sufficientemente ampio per coprire il taglio delle tube di Falloppio”.
Justice Oliver Wendell Holmes



“Al regime planetario potrebbe essere affidata la responsabilità di determinare la popolazione ottimale per il mondo e per ogni regione e per arbitrare le azioni dei vari paesi entro i loro limiti regionali. Il controllo della dimensione della popolazione potrebbe rimanere di competenza di ciascun governo, ma il regime avrebbe il potere per far rispettare i limiti convenuti”.                                     lo zar della scienza di Obama, John P. Holdren, co-autore di “Ecoscience”


L’intento dei Rockefeller e dei loro alleati è quello di creare un governo unico mondiale che unisce super-capitalismo e comunismo sotto la stessa tenda, il tutto sotto il loro controllo …. Devo dire cospirazione? Sì, lo faccio. Sono convinto che ci sia un complotto di portata internazionale, vecchie generazioni nella progettazione e incredibilmente male intenti”.
deputato Larry P. McDonald, 1976, rimasto ucciso in un 747 delle linee coreane, abbattuto dall’Unione Sovietica



Sembra che 

l'Ebola ad esempio sia operato desiderato, costruita a tavolino per sostenere gli interessi della Big Pharma ma anche per seguire questo progetto

l'Aids fu un altro programma di governo
Fatalità un medico che sapeva molto su queste due epidemie è morto in un incidente aereo:
Esperimenti top secret. Un medico che sa troppo. Un aereo abbattuto per far tacere chi potrebbe avvertire i giornali. Un virus mutante sfuggito al controllo. C’è un «giallo» ricco di colpi di scena dietro l’epidemia di Ebola che ha infettato Sierra Leone, Liberia, Guinea e Nigeria e ora minaccia il mondo. Una lunga serie di strane coincidenze che partono da Kenema, il centro di ricerche dove lavorava Shiekh Humar Khan, il medico-eroe morto il 29 luglio scorso dopo essere stato contagiato dal virus. Khan dirigeva il laboratorio dove si effettuavano test sulla popolazione locale per scovare i nuovi casi. Laboratorio che ha una partnership con l’università Tulane di New Orleans, famosa per dipartimento di Malattie tropicali che effettua ricerche sull’Ebola. L’ospedale di Kenema collabora anche con l’Us Army Medical Research Institute of Infectious Disease, il settore delle forze armate americane che si occupa delle malattie infettive. Test e sperimentazioni, stando ai comunicati ufficiali, per trovare vaccini su febbre gialla e febbre di Lassa per immunizzare i soldati. Sperimentazione di bio-armi, nuovi virus da utilizzare in guerra, secondo la popolazione locale che ha assaltato il centro di Kenema perché tutti coloro che vi si recavano per lo screening di Ebola ne uscivano ammalati. Tanto che il Ministero della Sanità della Sierra Leone il 23 luglio scorso ha chiuso laboratorio e ospedale, ha trasferito i pazienti nel centro di trattamento di Kailahun e ha ordinato all’università Tulane di «fermare i test su Ebola». Quali test? Non viene spiegato. Il dicastero ha ordinato inoltre al Cdc, Center for Disease Control statunitense, di «inviare ufficialmente le conclusioni e raccomandazioni della valutazione del laboratorio di Kenema». Riguardo cosa non è chiarito. Che cosa si stava sperimentado?
Su una ricerca pubblicata a luglio dal Cdc e firmata da Humar Khan, Randall Schoepp, Cynthia Rossi, Augustine Goba e Joseph Fair è riportato che «l’Ebola virus che ha infettato la Sierra Leone potrebbe essere il risultato di un Bundibugyo virus o una variante genetica di Ebola». Il 31 luglio il presidente del piccolo paese africano Ernest Bai Koroma ha dichiarato lo stato di emergenza parlando della ricerca del dottor Khan e chiedendosi se la virulenza di Ebola sia stata ottenuta con una mutazione genetica. Perché il virus che porta la febbre emorragica nell’Africa esiste (e uccide) da secoli mantenendosi entro certi confini. Il primo agosto anche il direttore generale dell’Oms Margaret Chan ha cominciato a chiedersi se ci sia una mutazione di Ebola oppure un adattamento naturale del virus. Parlando di «variante fatta dall’uomo».
Quattordici giorni prima di questa dichiarazione è morto Glenn Thomas, esperto di Ebola e Aids dell’Oms. Era a bordo del volo MH 17 di Malaysia Airlines abbattuto da un missile. Il 17 luglio s’era imbarcato ad Amsterdam per andare ad un convegno a Melbourne, in Australia, dove pare dovesse annunciato notizie importanti. E, visto che era pure il portavoce dell’organizzazione incaricato a parlare con giornali e televisioni, c’è chi vede nell’abbattimento del Boeing 777 la soluzione trovata per fermare eventuali sue rivelazioni riguardo le sperimentazioni ad insaputa degli africani per realizzare vaccini e guadagni milionari con il diffondersi dell’epidemia. Sacrificando comunque altre 297 vite. «Tesi accattivante ma lontana dalla scienza», secondo Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto per la malattie infettive «Lazzaro Spallanzani» di Roma. «Le epidemie si verificano sistematicamente. Possono comparire quando meno ce lo aspettiamo». E per non essere colto di sorpresa il presidente degli Stati Uniti Barack Obama il 31 luglio ha cambiato con un ordine esecutivo l’elenco delle malattie per cui è necessaria la quarantena inserendo tutte quelle che si presentano con febbre e problemi respiratori e sono contagiose tanto da far rischiare la pandemia. Viene esclusa comunque l’influenza. Il virus mutante di Ebola sembra possa passare da uomo a uomo anche attraverso starnuti e non solo entrando in contatto con sangue, urine e fluidi corporei dei malati. Intanto la società californiana Mapp Biopharmaceuticals sta lavorando, insieme alla canadese Defyrur, allo ZMapp, cocktail di antibiotici per curare l’Ebola. Il 14 gennaio scorso Tekmira, che ha un contratto da 140 milioni di dollari con il Dipartimento Usa della Difesa, aveva annunciato la sperimentazione di vaccini sull’uomo.

In Perù sotto la guida dI Fujimori negli anni novanta le etnie quecha e aymara subirono sterilizzazioni forzate, 346.219 donne subirono questo abuso e 18 di esse morirono a causa delle cattive condizioni.

In Svezia dal 1936 al 1976 le vittime di sterilizzazione obbligatoria furono 60.000 

Nel mondo i paesi dove è in vigore l'obbligo di sterilizzazione sono:
India (4,5 milioni di donne e 115 mila uomini), 30,7%
Stai Uniti d'America : nello Stato della California 148 donne detenute sono state sottoposte a tale procedura e nello Stato della Virginia un giudice ha incluso questa possibilità in caso di padri che non assolvono il compito di provvedere al mantenimento dei figli.  In totale è stimato che il 38,7% di donne si sterilizza come metodo più idoneo contracettivo
Cina: per molto tempo era in vigore la legge che prevedeva un figlio per famiglia. Oggi il 35% si sterilizza
Russia: fino al 2009 erano in vigore leggi per sterilizzare le persone affette da disabilità varie
Uzbekistan dal 1990 le donne che hanno avuto 2/3 figli devono sottoporsi a sterilizzazione
Sud Africa: sono sottoposte tutte le donne che risultano sieropositive al virus HIV
America Latina:
in Porto Rico il 48,7%, nella Repubblica Domenicana il 37%, in Brasile il 32%
Scioccante è la campagna messa in atto da UNICEF e OMS in Kenia dove alcuni medici dopo aver fatto analizzare i vaccini che vengono inoculati si è scoperto che le campagne di vaccinazione in realtà sono scudi per sterilizzare uomini e donne consiglio la lettura di questo articolo:

Contenimento e selezione della razza umana:


Nello stato indiano del Rajasthan le autorità mediche cercano di convincere la popolazione (maschi e femmine indifferentemente) a controllare le nascite, offrendo come merce di scambio oggetti simbolo dell’occidente opulento: noi vi diamo la possibilità di vincere un elettrodomestico, una tv, una moto o una macchina partecipando a un’estrazione, ma voi la smettete di fare figli e vi fate sterilizzare.


INTRODUZIONE

COSÌ L’AMERICA DELL’EUGENETICA
STERILIZZAVA PER IL BENE SOCIALE
Dopo quasi un secolo, si è aperto il dibattito su uno dei capitoli più bui e nascosti della democrazia americana: il programma “eugenetico” di sterilizzazione applicato negli Stati Uniti a 60 mila persone. Il North Carolina continuò fino agli anni Settanta a praticare le sterilizzazioni forzate su almeno 7.600 uomini e donne giudicati “intellettualmente o socialmente inadatti”. Il disegno eugenetico ebbe forza negli Stati Uniti per gran parte del XX secolo.
La prima legge sulla sterilizzazione forzata entrò in vigore nel 1907 nell’Indiana. Successivamente, questa prassi fu adottata da altri ventinove stati, tra cui la Virginia nel 1924, e continuò fino al 1979. Le leggi imponevano la sterilizzazione alle persone “socialmente inadeguate”: malati di mente, “promiscui”, albini, alcolizzati, talassemici, epilettici, immigrati come irlandesi e italiani, afroamericani e messicani. A tale scopo inventarono persino l’Iq, l’esame del quoziente di intelligenza. La sola California sterilizzò oltre 20 mila persone, un vero record. Il settanta per cento delle operazioni è avvenuto dopo il 1945.
Come ha spiegato sabato il New York Times, il North Carolina aveva dato agli assistenti sociali persino il potere assoluto di scegliere i soggetti a cui togliere la fertilità. Soltanto adesso si discute di un risarcimento, visto che tremila vittime sono ancora vive. Il governatore della Carolina, Bev Perdue, ha promesso di inserire i risarcimenti nel bilancio del 2012. Al disvelamento della verità sull’eugenetica statunitense ha contribuito non poco Sergeant Shriver, l’ultimo dei Kennedy da poco scomparso e che aveva vissuto in famiglia il dramma della lobotomia cui era stata sottoposta la cognata Rosemary.
Il motto dell’Eugenics American Society recitava: “Alcune persone sono nate per essere un peso per altri”. L’eugenetica in America fu approvata ai più alti livelli. Il ventiseiesimo presidente, Theodor Roosevelt, diceva di sperare “ardentemente che agli uomini disonesti venga impedito del tutto di procreare. E’ importante che solo la brava gente si perpetui”. Altri quattro presidenti americani, William Taft, Woodrow Wilson, Calvin Coolidge e Herbert Hoover, sposarono l’eugenetica. E non c’erano solo il New York Times e il presidente di Harvard, David Starr Jordan, a divulgarne con solerzia successi e speranze. A partire dal 1928, l’eugenetica divenne un corso universitario anche a Yale, Stanford e Harvard.
Nel 1921, assai prima che Adolf Hitler salisse al potere, la Società americana d’eugenetica propose addirittura la sterilizzazione selettiva del dieci per cento della popolazione. Tutto il gotha del capitalismo statunitense ha partecipato al finanziamento di questo peccato originale americano: Andrew Carnegie, che ha fatto una fortuna nelle ferrovie; il mago del mercato azionario, Edward Harriman, che donò mezzo miliardo di dollari all’Eugenics Record Office e che fu coinvolto in tutte le campagne di sterilizzazione; il petroliere della Standard Oil, John Rockfeller, che finanziò il Kaiser Wilhelm Institute in Germania, epicentro dell’eugenetica nazista; il re delle auto, Henry Ford, coinvolto nelle campagne per il controllo demografico; il monopolista dei cereali, John Kellogg, patron della Race Betterment Foundation; e per finire Clarence Gamble, della famosa Procter&Gamble, che si spese per il controllo demografico eugenetico.
“The war against weak”, il libro di Edwin Black, ha dimostrato che l’eugenetica si era insinuata nella maggior parte delle istituzioni americane, dalla Sanità al Welfare, e che aveva contagiato anche filantropia e volontariato protestante. Questa ideologica si nutriva del mito della salubrità e di ingegneria sociale, di profilassi sessuale tecnocratica e di darwinismo sociale. Era l’epoca delle cosiddette “cliniche viaggianti”, che sostavano davanti alle scuole americani per sottoporre i bambini ai test per misurare il Quoziente intellettivo e scegliere coloro che non erano “degni di riprodursi”. Così migliaia di americani che risultavano “deficienti di alto grado” diventarono soggetti di esperimenti di varia natura, come la dieta di fiocchi di avena allo scopo di testarne la portata nutritiva, la lobotomia o l’elettroshock.
Nel 1935 il Los Angeles Time giunse perfino a pubblicare un elogio delle sterilizzazioni naziste degli handicappati. Gli scienziati tedeschi negli anni Venti e soprattutto nei Trenta avevano dichiarato apertamente il loro debito verso il movimento scientifico sviluppatosi negli Stati Uniti e che aveva dato frutti quali la legge per la sterilizzazione. Nel 1927 il giudice della Corte suprema Oliver Wendell Holmes, introducendo l’eugenetica nella legislazione americana, disse che “tre generazioni di imbecilli sono abbastanza”. Al processo di Norimberga alcuni gerarchi nazisti citarono a propria difesa questa sentenza.





Perù Sterilizzazione a 'regime' giornaliero



STERILIZZAZIONE FORZATA IN INDIA
GRAN BRETAGNA SOTTO ACCUSA
IL CONTROVERSO PROGRAMMA AVVIATO NEL 2005 AVREBBE PORTATO SOLO NEL 2008 ALLA STERILIZZAZIONE DI CIRCA MEZZO MILIONE DI PERSONE
Le previsioni demografiche non lasciano adito a dubbi: India stato più popoloso del pianeta entro il 2026. Più della Cina, che in questi ultimi anni ha introdotto politiche di controllo demografico e il trend dei prossimi non preoccupa gli analisti. Ma, se Pechino ha consentito nuovi nuclei famigliari composti da un numero massimo di tre individui, in India la pratica della sterilizzazione forzata sui “paria” assomiglia alle pratiche eugenetiche, di selezione della razza, di stampo nazista. L’indiscrezione arriva dall’Observer e mette in imbarazzo il Regno Unito, reo di aver destinato 166 milioni di sterline (circa 200 milioni di euro) a un programma di controllo demografico praticato senza il consenso di migliaia di donne e uomini indiani, gran parte dei quali sono anche morti in seguito a operazioni approssimative e altri sono in stato vegetativo permanente. Numerose donne, in stato di gravidanza, sono state fatte abortire con la forza.  La sterilizzazione in India è stata una pratica controversa per anni. Le persone, con un livello d’istruzione e reddito bassi, venivano regolarmente catturate e sterilizzate senza aver la possibilità di opporsi. Gli attivisti denunciano che sulla falsa promessa di recarsi nelle strutture sanitarie, per migliorare le proprie condizioni di salute, le persone venivano sottoposte, contro la loro volontà, a trattamenti medici non richiesti. Un documento pubblicato dal “Dipartimento per lo Sviluppo internazionale” (parte del governo del Regno Unito che gestisce gli aiuti britannici ai paesi poveri) nel 2010 citava la necessità di combattere il cambiamento climatico, anche attraverso la riduzione della popolazione, solo che c’erano dei “diritti umani e delle questioni etiche da rispettare”.
NUMEROSI SONO STATI I CASI
Di violazione dei diritti umani e delle più comuni pratiche mediche nei casi di parto. Pochi giorni fa, una donna di 35 anni è morta dopo aver subito la sterilizzazione forzata. La moglie di un operaio, incinta di due gemelli, ha avuto un’emorragia letale in sala operatoria. Un chirurgo, che opera in un edificio scolastico fatiscente, lo scorso gennaio ha effettuato 53 operazioni in due ore, assistito da personale non qualificato e con attrezzature inadeguate. “In tutti i casi – ha denunciato l’attivista Devika Biswas – le donne povere e di provenienza rurale sono le vittime di queste pratiche illegali e non sicure”. Il Tribunale indiano, che ha recepito le denunce di migliaia di persone, ha dato ai governi nazionali e statali due mesi di tempo per rispondere alle accuse. Gli attivisti sostengono che i poveri, soprattutto appartenenti alle comunità tribali, sono quelli più frequentemente presi di mira e vulnerabili alle minacce. Non di rado vengono ingannati con delle offerte in denaro (da unminimo di 9 euro), in vestiario (un ‘sari’, l’abito tradizionale) o dalle promesse di vittoria alle lotterie (auto o frigoriferi) se accettano di essere sterilizzati. Un rapporto del governo indiano mostra come la sterilizzazione sia il metodo più comune di pianificazione familiare, una pratica avviata nel 2005 grazie al finanziamento del Regno Unito. Le sovvenzioni variano da stato a stato: le cliniche private del Bihar ricevono 1500 rupie (22 euro) per ogni sterilizzazione, con un bonus di 500 rupie (7,50 euro) a paziente se la clinica riesce a fare più di 30 operazioni al giorno. Gli operatori delle Ong sostengono che le persone vengono convinte a farsi sterilizzare con150 rupie ‘una tantum’ (2,20 euro), mentre ai medici sono corrisposte 75 rupie (1,10 euro) a paziente.
Solo nel 2008, secondo il rapporto governativo, sarebbero state praticate circa mezzo milione di sterilizzazioni forzate. Nel 2006, il ministero indiano per la salute e la famiglia ha pubblicato un rapporto in cui si condannava la pratica della sterilizzazione forzata, denunciando le precarie condizioni in cui si trovavano le cliniche. Ma dopo gli annunci e le condanne ufficiali, non sono seguite politiche di discontinuità rispetto al passato e la Gran Bretagna quest’anno verserà i rimanenti 41 milioni di euro previsti nel programma di sterilizzazione.



OGM, sterilizzazione e Bioingegneria sull'uomo - 1


UZBEKISTAN, STERILIZZAZIONE FORZATA A DONNE:
INCHIESTA BBC SVELA PIANO DEL GOVERNO
La giornalista britannica denuncia la campagna di sterilizzazione forzata in Uzbekistan e spiega che nel paese e’ in atto una un piano silenzioso e forzato di sterilizzazione delle donne. Racconta la giornalista: Adolat proviene da Uzbekistan, dove  l’unico scopo  reale di  vita gira intorno ai bambini ed e’ quello di avere una grande famiglia come parametro di   successo personale (Nda queste persone non hanno davvero nulla gli rimane di bello solo i figli e la famiglia). Adolat pensa a se stessa come un fallimento. “Che cosa saro’ io dopo quello che mi è successo?” mentre con la mano accarezza i capelli della figlia – la ragazza la cui nascita cambiato la vita di Adolat.
 “Ho sempre sognato di avere quattro – due figlie e due figli – ma dopo la mia seconda figlia non riuscivo a rimanere incinta, .Il governo Uzbeko  ha deciso che  molte donne sono destinate ad essere sterilizzate e che e’ stata decisa una “quota ” questo è quello che mi ha riferito il ginecologo”.
Racconta la donna uzbeka che era andata a farsi visitare da un medico ginecologo e ha scoperto che era stata sterilizzata appena dopo aver dato alla luce la figlia con un parto cesareo. Ero sotto shock ho pianto e ho chiesto: “Ma perché… Come avete potuto farmi questo? Il medico ha risposto che Questa è ora la legge in Uzbekistan. “
La legge sulla sterilizzazione Uzbekistan ovviamente non e’ ufficiale ma solo ufficiosa. (NdA leggi nascosta al pubblico) ma le prove raccolte dalla BBC suggeriscono che le autorità mediche hanno l’ordine di eseguire un programma in questi ultimi due anni per sterilizzare le donne in tutto il paese e quasi sempre a loro insaputa.
I giornalisti stranieri non sono i benvenuti in Uzbekistan, e alla fine di febbraio di quest’anno le autorità li hanno fatti sloggiare dal paese. La giornalista racconta che ha incontrato Adolat e molte altre donne uzbeche nel vicino Kazakhstan e che anche raccolto testimonianze per telefono ed e-mail, e nelle registrazioni che ha fatto uscire dal paese tramite corriere.
Nessuna delle donne ha voluto dare il loro vero nome, ma provengono da diverse parti dell’Uzbekistan e le loro storie sono coerenti con le testimonianze date da  medici e professionisti sanitari all’interno del paese.
dice nelle testimonianze raccolte un ginecologo dalla capitale uzbeco di Tashkent:
“Ogni anno ci viene presentato un piano di sterilizzazione per ogni medico e viene detto quante donne ci si aspetta che debbano essere sterilizzate”

Come tutti i medici che ha intervistato la cronista della bbc hanno parlato a condizione di mantenere  l’anonimato. Parlare con un giornalista straniero potrebbe tradursi in una pena detentiva, in un paese dove la tortura durante la detenzione è la norma: “C’è una quota. La mia quota è di quattro donne al mese,” dice un altro ginecologo.
Due altre fonti mediche suggeriscono che esiste una pressione particolarmente forte per i medici nelle zone rurali Uzbekistan, dove sono attesi alcuni ginecologi per sterilizzare fino a otto donne alla settimana.
“Una o due volte al mese, a volte più spesso, un’infermiera della clinica locale viene a casa mia cercando di portarmi in ospedale per farmii operare”, dice una madre di tre figli nella regione Jizzakh dell’Uzbekistan. L’infermiera insistendo “sull’importanza” dell’operazione:
“Ora è gratis, ma in seguito si dovrà pagare per questo, ti conviene farlo ora”
Un’altra madre dice che  dopo qualche mese dopo aver partorito soffriva di uno strano dolore e sanguinava, poi ha avuto un controllo ecografico e ha scoperto che il suo utero era stato rimosso. Mi dissero : Che cosa te ne fai di altri bambini? Ne hai già due
La BBC ha raccolto la testimonianza simile dalla valle di Fergana, Bukhara la regione e due villaggi vicino alla capitale Tashkent.
Secondo una fonte del Ministero della Salute, il programma di sterilizzazione è destinato a controllare la crescente popolazione dell’Uzbekistan, che è ufficialmente ritenuta di 28 milioni di persone. I ricercatori demografici sono scettici a tale stima e indicano che gran numero di persone sono emigrate e l’ultimo censimento nel 1989, quando la popolazione era pari a circa 20 milioni
Sulla carta le sterilizzazioni dovrebbero essere volontarie ma le donne in realtà non hanno una scelta
“Stiamo parlando di decine di migliaia di donne che sono sterilizzate in tutto il paese”, dice Sukhrob Ismailov, che dirige il gruppo di lavoro di esperti, una delle poche organizzazioni non governative che operano in Uzbekistan.
Nel 2010, il Gruppo di lavoro di esperti ha condotto uno di sette mesi lunga indagine dei professionisti medici e raccolto prove di circa 80.000 sterilizzazioni nel corso del periodo, ma non c’è modo di verificare il numero delle “procedure” con il consenso del paziente.
I primi casi di sterilizzazione forzati sono stati segnalati nel 2005 a Gulbakhor Turaeva – un patologo nella città di Andijan che ha notato che gli uteri di giovani, donne sane venivano portati in una camera mortuaria dove stava lavorandoo.
Dopo aver raccolto le prove di circa 200 sterilizzazioni forzate, rinracciando le donne da cui sono era stato rimosso l’utero, ando’ a chiedere spiegazioni alla dirigenza del personale medico per una spiegazione e il risltato e’ stato che lo hanno licenziato.
Nel 2007 Turaeva andato in prigione, accusato di contrabbando di letteratura opposizione nel paese. Come molti altri, ha rifiutato di essere intervistato per questo rapporto a causa dei timori per la sua e la sicurezza dei suoi figli ma racconta che gli Sterilizzato la madre.
Nel 2007, il Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura ha anche riferito sterilizzazioni forzate e isterectomie in Uzbekistan, e il numero di casi sembrano diminure drasticamente (NdA toh e che altro doveva dire il noto braccio del nuovo ordine mondiale per non allarmare?)
In realta’ secondo fonti mediche, nel 2009 e nel 2010 il governo ha emesso delle direttive  alle cliniche per essere in grado di effettuare la contraccezione chirurgica. Nel 2009, i medici della capitale sono stati spediti anche alle zone rurali per aumentare la disponibilità di servizi di sterilizzazione. Ci sono prove che il numero di sterilizzazioni in realta’ stiano aumentando. Una testimonianza di un medico afferma:
“Sulla carta le sterilizzazioni dovrebbero essere volontarie, ma le donne in realtà non avere una scelta E ‘molto facile da manipolare una donna, specialmente se è povera. Si può dire che la sua salute ne risentirà se ha più figli. Puoi dirle che la sterilizzazione è la cosa migliore per lei. Oppure si può solo fare l’operazione.”
La giornalista ha parlato con diversi medici e tutti confermano che negli ultimi due anni c’è stato un drammatico aumento di parti cesarei, che forniscono i chirurghi una facile opportunità per sterilizzare la madre. Questi medici contestano le dichiarazioni ufficiali che solo il 6,8% delle donne partoriscono con taglio cesareo.
“Le Norme in materia di parto cesareo erano molto stretto, ma ora credo l’80% delle donne partorisce con taglio cesareo. Questo rende molto facile da eseguire una sterilizzazione e legare le tube di Falloppio” ha spiegato un capo chirurgo in un ospedale nei pressi della capitale Tashkent.
“L’Uzbekistan sembra essere ossessionato con i numeri e le classifiche internazionali”, afferma Steve Swerdlow, direttore per l’Asia Centrale di Human Rights Watch. “Karimov è riuscito a raggiungere un accordo nel rapporto con l’Occidente perche’ ormai non ci sono piu’conseguenze per le sue azioni e violazioni dei diritti umani”, spiega Swerdlow.
La solita nota a margine: Inanzitutto segnalo le frasi terrificanti dette  dei cosidetti “pro-sterlizzatori” che non solo sono da incubo ma sono senza un briciolo di umanita’, che sono un classico di chi fa parte o esegue gli ordini degli Illuminati. Faccio  inoltre notare a voi lettori due cose molto interessanti in questo articolo, che innanzitutto le Nazioni Unite minimizzano gli eventi che stanno accadendo in Uzbekistan e che apparentemente il presidente Uzbeko e la sua dittatura ha trovato ultimamente un equilibrio con l’occidente… Da quando? Per caso non e’ in relazione proprio alla volonta’ da parte di tale dittatore di portare avanti la legge sulla sterilizzazione forzata dei propri cittadini?  Guardiamo i fatti: Sterilizzazione, Onu che minimizza, L’occidente che comincia ad allentare la morsa… tutte casualita’ oppure non e’ proprio in relazione con le decisioni di sterlizzazione mondiale in lista sull’agenda del Nuovo Ordine Mondiale/Illuminati?



OGM, sterilizzazione e Bioingegneria sull'uomo - 2


DALLA DANIMARCA AL TIBET: BOLLETTINI
DI UNA GUERRA EUGENETICA
L'obiettivo per la Danimarca sembra sia proprio quello di raggiungere il primato di unico Paese al mondo "Down Syndrome Free". Esiste anche una data entro cui questo "sogno" dovrebbe realizzarsi : il 2030. di Stefano Degli Abbati
A rivelarlo è stato un articolo di Nikolaj Rytgaard sul quotidiano Berlingske, contenente l'inquietante annuncio che "presto nascerà l'ultimo bambino danese affetto da sindrome di Down". "Un'impresa davvero straordinaria" quella del progetto di Niels Uldbjerg, professore di Ginecologia e Ostetricia all'Università di Aarhus. Una battaglia finale eugenetica che il governo danese ha iniziato a preparare da tempo, se già nel 2004 ai cittadini avevo offerto, per legge, la possibilità di ricorrere gratuitamente alle diagnosi prenatale per l'identificazione e la conseguente eliminazione, attraverso l’aborto, dei nascituri affetti. "E' l'eterna tentazione dell'uomo di raggiungere la perfezione senza Dio. Un sogno che è destinato - come la storia dimostra sempre - a trasformarsi in un incubo.", commenta Gianfranco Amato su Avvenire del 5 gennaio scorso. "Siamo davvero sicuri che possa considerarsi migliore una società composta da esseri umani geneticamente perfetti, in cui non ci sia più bisogno di sperimentare alcun sentimento di amore,di carità, di solidarietà nei confronti di soggetti deboli e indifesi, nella quale non sia più necessario comprendere e accogliere chi appare fisicamente diverso?"
Una domanda seguita da altri inquietanti interrogativi. "In assenza di un valore etico, su cosa si fonda il criterio per stabilire chi debba far parte della razza geneticamente superiore autorizzata a eliminare quella geneticamente inferiore? Chi determina i requisiti per ammettere una persona nella «società perfetta»? E chi garantisce i limiti di quei requisiti? Chi può escludere,ad esempio,che il prossimo passo in Danimarca non sia l'eliminazione dei nascituri affetti da diabete, da malattie cardiache, da cecità...? Siamo proprio sicuri che per raggiungere la perfezione occorra far prevalere la logica spartana del Monte Taigeto rispetto all'esortazione evangelica di amare il prossimo come se stessi?" Amato ha anche ricordato una testimonianza di Clara Gaymard, la figlia di Jerome Lejeune , lo scienziato che ha scoperto la trisomia 21 o Sindrome di Down: "Un giorno un ragazzo di 10 anni affetto da trisomia si presentò allo studio di suo padre, piangendo convulsamente. La mamma spiegò che suo figlio aveva visto un dibattito in televisione, in cui si discuteva sulla possibilità di eliminare i nascituri affetti da quella sindrome. Il ragazzo gettò le braccia al collo di Lejeune supplicandolo: «Dottore, vogliono ucciderci tutti!». Fu da allora che Lejeune decise di dedicare la sua vita alla difesa di quelle fragili esistenze. Oggi Lejeune, purtroppo,non c'è più. Ma gli sterminatori di quelli che lui definiva «i miei piccoli» sono ancora in circolazione." Davvero una brutta favola quella che viene narrata nel paese di Hans Christian Andersen.
Spostandoci in tutt'altra parte del mondo, il 10 gennaio il quotidiano spagnolo Publico ha raccontato di "casi di eugenetica in Tibet", mentre il Mundo ha titolato così "Trent'anni di sterilizzazioni forzate e di aborti. Medico americano denuncia le politiche demografiche della Cina In Tibet". Si tratta del dottor Blake Kerr che, insieme ad alcune ONG americane antiabortiste e ad altre istituzioni in difesa del Tibet , ha testimoniato delle atroci conseguenze della politica del figlio unico in quella regione. In questa denuncia,come riferisce Il Foglio dell'11 gennaio in prima pagina, le politiche cinesi di trasferimento della popolazione e controllo delle nascite sono state descritte come veri e propri "tentativi di genocidio" volti a "sterminare" il popolo tibetano con motivazioni demografiche. L’organizzazione Physicians for human Rights racconta di unità mobili di medici cinesi che setacciano il Tibet in cerca di donne incinte , che vengono poi sottoposte a violenza e deportate. Secondo le cifre prodotte dalla Tibetan Women's Association, "il 20% delle donne tibetane non è più in grado di dare la vita a causa delle sterilizzazzioni."
Il dottor Kerr ha parlato apertamente di "atrocità mediche", specificando che negli ospedali cinesi gli interventi forzati vengono effettuati fino al nono mese di gravidanza per mezzo di iniezioni di Levonor, (un farmaco che agisce sul feto). Egli ha anche denunciato casi di infanticidio praticati in nome di "una politica di genocidio". L'articolo 49 della Costituzione cinese obbliga, come è risaputo, le coppie alla pianificazione familiare: quindi figli unici,figli maschi, ma anche preferibilmente figli di etnia "han". Un bambino o una bambina tibetana nati "fuori quota" sono trattati come una "non-persona", essi non vengono neppure registrati all'anagrafe. Se una donna tibetana rimane incinta dopo aver raggiunto la "quota assegnata" è costretta ad abortire e se si rifiuta di farlo viene sottoposta a sterilizzazione subito dopo il parto sotto la minaccia dell'arresto del marito. Il Tibet, oltre che dalla repressione militare, sembra essere sventrato anche dal dispotismo demografico di Pechino.




STERILIZZAZIONE FORZATA: UNA VERGOGNA A STELLE E STRISCE.
NORD CAROLINA UNICO STATO A RISARCIRE LE VITTIME.
Per la prima volta uno stato americano risarcirà le vittime della sterilizzazione forzata decisa nell'ambito di un programma di eugenetica.
Un comitato governativo del North Carolina ha stabilito che le oltre 7.500 vittime del programma avranno diritto ad un risarcimento di 50.000 dollari. Ora toccherà al parlamento statale dare il via libera alla decisione.
La notizia di quanto sopra riporta alla luce uno dei capitoli più bui, tristi e vergognosi della democrazia americana: il programma "eugenetico" di sterilizzazione applicato negli Stati Uniti a 60 mila persone.

La prima legge sulla sterilizzazione forzata entrò in vigore nel 1907 nell'Indiana. Successivamente, questa prassi fu adottata da altri 32 stati e continuò fino al 1979. Nell'agosto del 1932 (attenti alla data: un anno prima che Hitler andasse al potere a Berlino) si tenne a New York il terzo Congresso internazionale di Eugenetica. Sede dell'evento il Museo di storia naturale della metropoli, trasformato per l'occasione in una sfarzosa esposizione dei "progressi dell'eugenetica". Numerose vetrine illuminate esibivano per lo più teschi di "razze inferiori" estinte o viventi, paragonate con l'ampia nobile scatola cranica dell'Uomo Bianco. Le relazioni scientifiche che vi furono presentate sono del più grande interesse anche oggi.

Il motto dell'Eugenics American Society recitava: "Alcune persone sono nate per essere un peso per altri".

Le leggi imponevano la sterilizzazione forzata di persone considerate mentalmente disabili, o "indesiderabili" : malati di mente, "promiscui", albini, alcolizzati, talassemici, epilettici, immigrati come irlandesi e italiani, afroamericani e messicani. A tale scopo inventarono persino l'IQ, l'esame del quoziente di intelligenza.

Il disegno eugenetico ebbe forza negli Stati Uniti per gran parte del XX secolo e fu approvato ai più alti livelli.
Il ventiseiesimo presidente, Theodor Roosevelt, diceva di sperare "ardentemente che agli uomini disonesti venga impedito del tutto di procreare. E' importante che solo la brava gente si perpetui".
Altri quattro presidenti americani, William Taft, Woodrow Wilson, Calvin Coolidge e Herbert Hoover, sposarono l'eugenetica. E non c'erano solo il New York Times e il presidente di Harvard, David Starr Jordan, a divulgarne con solerzia successi e speranze. A partire dal 1928, l'eugenetica divenne un corso universitario non solo nella prestigiosa Harvard ma anche a Yale e Stanford.

Tutto il gotha del capitalismo statunitense ha partecipato al finanziamento di questo peccato originale americano: Andrew Carnegie, che ha fatto una fortuna nelle ferrovie; il mago del mercato azionario, Edward Harriman, che donò mezzo miliardo di dollari all'Eugenics Record Office e che fu coinvolto in tutte le campagne di sterilizzazione; il petroliere della Standard Oil, John Rockfeller, che finanziò il Kaiser Wilhelm Institute in Germania, epicentro dell'eugenetica nazista; il re delle auto, Henry Ford, coinvolto nelle campagne per il controllo demografico; il monopolista dei cereali, John Kellogg, patron della Race Betterment Foundation; e per finire Clarence Gamble, della famosa Procter&Gamble, che si spese per il controllo demografico eugenetico.

Il settanta per cento delle operazioni è avvenuto dopo il 1945.
La sola California sterilizzò oltre 20 mila persone, un vero record.
Dei 33 solo 7 stati hanno ammesso o pubblicamente condannato queste politiche e il North Carolina è il primo ad aver proposto di risarcire le vittime.
Nello stato, dove gli assistenti sociali statali della Eugenics Board of North Carolina avevano il potere assoluto di scegliere i soggetti a cui togliere la fertilità, il programma è stato portato avanti dal 1933 al 1977. In 44 anni ci sono stati 7.528 casi documentati di sterilizzazione forzata, di cui circa 3.000 effettuate negli anni Cinquanta e più di 1.600 tra il 1960 e il 1968.

Alcune delle vittime, sono ancora in vita. Tra di loro c'è il signor Charles Holt, 62 anni, che ha reso pubblici i documenti riguardanti il suo caso. Da adolescente si masturbava - racconta - ed è stato protagonista di alcuni episodi di violenza a scuola. Così e' finito in una struttura statale per individui con problemi mentali ed emotivi, e quando è uscito è stato obbligato a sottoporsi alla vasectomia.
Il triste destino che ha segnato per sempre la sua vita lo accomuna a ragazze violentate, giovani provenienti da famiglie povere molto numerose, persone affette da epilessia e coloro che venivano considerati troppo deboli di mente per crescere figli.

Per la prima volta, nel 2002, il Winston-Salem Journal pubblicò una serie di articoli sull'eugenetica e nello stesso anno arrivarono le scuse ufficiali dello stato della Carolina del Nord. Tuttavia nulla è stato fatto per dare una ricompensa materiale al dolore patito da migliaia di persone, sino a quando il governatore democratico dello stato, Bev Perdue, ha promesso di inserire la voce nel bilancio del 2012.

Ma la questione non era semplice. Sul tavolo c'erano parecchi quesiti a cui non era stata data ancora una risposta. Per esempio se il risarcimento doveva essere concesso solo ai vivi o anche agli eredi delle vittime decedute, o se una legatura delle tube avesse più valore di una vasectomia e in che modo quantificare la somma da assegnare a ciascuna persona.

Per il governatore una cosa era certa: "Lo Stato doveva qualcosa alle vittime". Nel mese di marzo dello scorso anno Perdue ha istituito una "task force di compensazione eugenetica" con il compito di fornire raccomandazioni per i risarcimenti delle vittime.

Allo svelamento della verità sull'eugenetica statunitense ha contribuito non poco Sergeant Shriver, l'ultimo dei Kennedy da poco scomparso, che aveva vissuto in famiglia il dramma della lobotomia a cui era stata sottoposta la cognata Rosemary.

Nel 1927 il giudice della Corte suprema Oliver Wendell Holmes, introducendo l'eugenetica nella legislazione americana, disse che "tre generazioni di imbecilli sono abbastanza".
Al processo di Norimberga alcuni gerarchi nazisti citarono a propria difesa questa sentenza a sottolineare come nelle teorie eugenetiche il nazismo abbia trovato una giustificazione "scientifica" alla propria terribile ideologia.

(fonteparrocchie.it)

Oggi l'aspetto più delicato del problema è che tende a riguardare soprattutto le donne affette da disabilità intellettive, e supportato da argomentazioni di ordine terapeutico o cautelativo. In Austria, per esempio, risulta che il 70% di queste viene normalmente sterilizzato. Per quanto riguarda l'Italia si stima che, dal 1985 al 1999, hanno subito questo trattamento non meno di 6.000 portatrici di handicap. Un contesto nel quale, però, è il caso francese, con i suoi numeri allarmanti, che merita di essere più e meglio degli altri indagato, spiegato e, possibilmente capito. Che faremo nella prossima puntata ricorrendo all'aiuto della superesperta Janina Arsenjeva, dello European Disability Forum.

Per quanto riguarda il numero di conflitti presenti nel mondo ecco la seguente tabella del sito guerre nel mondo:

AFRICA:

(27 Stati e 177 tra milizie-guerrigliere, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Egitto (rivolta popolare contro il Governo), Libia (guerra contro i militanti islamici), Mali (guerra contro i tuareg e militanti islamici), Nigeria (guerra contro i militanti islamici), Repubblica Centrafricana (guerra civile), Repubblica Democratica del Congo (guerra contro i gruppi ribelli), Somalia (guerra contro i militanti islamici), Sudan (guerra contro i gruppi ribelli), Sud Sudan (guerra civile)

Algeria 4
Esercito
  • Gruppo islamico al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI) dal 2005 (conosciuto in passato come Gruppo Salafita per la Predicazione e il Combattimento (GSPC) nel 2003)
  • Fronte islamico di salvezza (Fis)
  • Jamat Tawhid Wal Jihad Fi Garbi Afriqqiya (Movimento Unito per la Jihad in Africa Occidentale) gruppo staccatosi da al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) nel Dicembre 2011
  • Jund al-Khilifa o Jund al-khilafah o Jund-al-Khilafa o Jund al-Khalifa o Soldati del Califfato in Algeria o Soldati del Califfato dell’Algeria (nuovo gruppo armato staccatosi da al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) e che si è unito allo Stato Islamico (SI) dal 14 Settembre 2014)
Angola 2
Esercito
  • Fronte di Liberazione di Cabinda - Posizione Militare (Flec-PM) movimento secessionista dal 1975
  • Fronte per la Liberazione dell’Enclave di Cabinda - Forze armate di Cabinda (Flec-Fac)
Ciad 1
Esercito
  • Union of Resistance Forces (URF)
Camerun 1
Esercito
  • Boko Haram (setta islamica) attacchi dalla Nigeria dal 2014
Costa d’Avorio 1
Forze Repubblicane del presidente neo-eletto Alassane Ouattara
  • milizia “Invisible Commandos”
Gibuti 1
Esercito
  • Front for the Restoration of Unity and Democracy (FRUD)
Egitto 9
Esercito
  • Takfir wal-Hijra o At-Takfir Wal-Hijra (gruppo islamico jihadista salafita)
  • Jund al Sharia o the Soldiers of Islamic Law (dal 2012)
  • Consiglio della Shura dei Mujahideen nei Dintorni di Gerusalemme (MSC) o Consiglio della Shura dei Mujahideen (MSC) o Consiglio della Shura dei Mujahedeen (MSC) o Mujahideen Shura Council in the Environs of Jerusalem o Magles Shoura al-Mujahedeen o Magles Shoura al-Mujahadin o Mujahideen Shura Council of Jerusalem (attivo nel Sinai-Egitto e nella Striscia di Gaza) dal 2011
  • al-Qaeda in the Sinai Peninsula e la sua ala militare Ansar al Jihad (dal Dicembre 2011)
  • Ansar al-Shariah (da Luglio 2013)
  • Provincia del Sinai o Ansar Bayt al-Maqdis (Sostenitori di Gerusalemme) o Ansar Beit Al-Maqdis (Sostenitori di Gerusalemme) o Ansar Beit Al-Maqdis (Campioni di Gerusalemme) o Ansar Beit al Maqds (Sostenitori di Gerusalemme) o Ansar Beit al-Maqdess (Sostenitori di Gerusalemme) o Ansar beyt el Makdes o Ansar Gerusalemme o Ansar Beit Al-Maqdis (Supporters of Jerusalem) o Ansar Beit Al-Maqdis (Champions of Jerusalem) o Ansar Beit al Maqdis (Champions of Jerusalem) (era collegato ad al-Qaeda, ora collegato al gruppo terroristico Stato Islamico)
  • Brigate dei Lupi Solitari (gruppo jihadista) dal Gennaio 2014
  • Ajnad Misr o Soldati d’Egitto o Soldati dell’Egitto (da Febbraio 2014)
  • Jund al Khilafah Kinana o I soldati del Califfo in Egitto (collegati al gruppo Stato Islamico in Iraq) da Settembre 2014)
Eritrea 4
Esercito
  • Democratic Movement for the Liberation of the Eritrean Kunama (DMLEK)
  • Eritrean Salvation Front (ESF)
  • Red Sea Afar Democratic Organisation (RSADO)
  • Continue tensioni per questioni di confine con l’Etiopia e Gibuti
Etiopia 8
Esercito
  • Fronte Nazionale di Liberazione dell’Ogaden (ONLF) lotta per l’Indipendenza dell’ Ogaden dal Governo Etiope dal 1984 (ha accettato di deporre le armi a Settembre 2010. Il 12 Ottobre 2010 ha firmato un accordo di pace con il Governo. Dal Gennaio 2012 i combattimenti stanno proseguendo. Settembre 2012 sono iniziati i colloqui di pace con il Governo.)
  • Esercito di Liberazione Nazionale dell’Ogaden (ONLA) ala armata dell’ONLF
  • Oromo Liberation Front (OLF) lotta per l’Indipendenza di Oromo dal Governo Etiope dal 1973 (Annuncio abbandono lotta armata il 31 Dicembre 2011)
  • Jijirama Oromo Liberation Front (Jijirama-OLF) da Gennaio 2012 (gruppo separatosi dall’ Oromo Liberation Front (OLF)
  • United Western Somali Liberation Front (UWSLF) dal 1970
  • Afar Revolutionary Democratic Unity Front o Afar Revolutionary Democratic Union Front (ARDUF)
  • Ginbot 7 Movement for Justice Freedom and Democracy
  • Movimento Unito Gambella Niloti/Esercito (GNUM/A)
Kenya 2
Esercito
  • Muslim Youth Center (milizia somala collegata ad al-Qaeda in Kenya)
  • Consiglio Repubblicano di Mombasa (MRC) gruppo separatista
Libia 21
Consiglio di Transizione Nazionale, insieme all’aiuto della Nato, a fine ottobre 2011 ha vinto la guerra civile contro esercito Gheddafi.
  • Esercito
  • Milizia nazionalista della città di Zintan (alleata con la tribù Warshafana)
  • Forze di Khalifa Haftar (forze guidate dall’ex generale Khalifa Haftar)
  • Forza al-Shorooq
  • Battaglione 166 o 166° Battaglione
  • Ansar al-Sharia o Ansar Al Sharia o Ansar al-Shariah (gruppo jihadista salafita nato nel 2011, ad Ottobre 2014 ha dichiarato un Emirato Islamico nella città di Derna e nel Marzo 2015 ha annunciato alleanza al gruppo terroristico Stato Islamico (IS))
  • Libyan Liberation Front (LLF) in Sahel
  • Gruppo Prigioniero Omar Abdelrahman
  • Gruppo dei Combattenti Islamici Libici (LIFG) o Al-Jama’a al-Islamiyyah al-Muqatilah bi-Libya, dal 2011 ha cambiato nome in Movimento Islamico Libico (LIM) o al-Harakat al-Islamiya al-Libiya, collegato ad al-Qaeda
  • Brigate del prigioniero Omar Abdul Rahman, collegato ad al-Qaeda
  • Milizia Islamista Rafallah Sahati
  • Cellula Operativa dei Rivoluzionari della Libia o Sala per le Operazioni Operative Libiche (coalizione di gruppi armati islamici)
  • Forze per la Stabilità e la Salvezza in Libia o Libya Safety and Stability Force
  • Brigata Al-Qaqaa
  • Alba della Libia o Operazione Alba (Faraj) (milizia coalizione islamica della città di Misurata, alleata con la milizia della città di Gharyan)
    • Majlis al-Shura (gruppo islamico alleato alla coalizione Alba della Libia)
    • Terza Forza dello Scudo Centrale (milizia situata a Misurata)



  • Brigata Rivoluzionaria di Tripoli
  • Consiglio della Gioventù Islamica o Islamic Youth Shura Council (alleato con il gruppo terroristico Stato Islamico da Novembre 2014)
  • Consiglio della Shura dei Mujaheddin di Derna o Consiglio della Shura dei Mujahedeen di Derna (da Dicembre 2014)

    • Consiglio della Shura dei Rivoluzionari di Bengasi o Benghazi Revolutionary Shura Council o Shura Council of Benghazi Revolutionaries (milizia islamica formata da diversi gruppi) alleato con Ansar al-Sharia
      • Brigata Martiri 17 Febbraio o Brigata 17 Febbraio
    Mali 14
    Dal 12 Gennaio 2012 l’esercito francese e l’esercito maliano (con l’aiuto degli eserciti di altri paesi africani) stanno combattendo i gruppi radicali islamici che hanno occupato il nord del Mali.
    Esercito
    • Movimento Nazionale per la Liberazione di Azawad (MNLA) o National Movement for the Liberation of Azawad (MNLA) o Azawad National Liberation Movement (MNLA) è un Movimento Tuareg da Ottobre 2011. Dichiarato lo stato indipendente Azawad il 6 Aprile 2012. (Firmato accordo cessate il fuoco nel Giugno 2013)
    • Movimento Arabo di Azawad (MAA)
    • Alto Consiglio per l’Unità di Azawad (HCUA)
    • Northern Mali Tuareg Movement (MTNM)
    • Comitato Nazionale per il Recupero della Democrazia e il Risanamento dello Stato (CNRDR) (esercito con un colpo di stato ha rovesciato il governo il 21 Marzo 2012)
    • Movimento islamico Ansar Dine (Difensori della Religione o Difensori della Fede) collegato ad al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM)
    • Movimento Islamico per Azawad (MIA) (scissione da Ansar Dine nel Gennaio 2013)
    • Al-Qaeda in West Africa (AQWA)
    • Al-Mourabitoun (gruppo jihadista guidato da Mokhtar Belmokhtar) creato dalla fusione di [Movimento per l’Unicità e la Jihad in Africa Occidentale (MUJAO) o Movimento per Unità e Jihad in Africa Occidentale (MOJWA) or Movement for Unity and Jihad in West Africa (MOJWA) o Mouvement Unicité et Jihad en Afrique de l’Ouest (MUJAO) o Movimento per l’Unità e la Jihad in Africa Occidentale (MUJAO) o Monoteismo e Jihad in Africa Occidentale (MUJAO) o Movement for Oneness and Jihad in West Africa (MOJWA or MUJAO) o Movimento per l’Unicità e la Jihad nel Maghreb Islamico (MUJWA) sorto da una scissione di Gruppo islamico al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) a metà 2011] e [Katibat Moulathamine o Brigata Mascherata o Brigata al-Mua’qi’oon Biddam (Quelli che Firmano col Sangue) o Firmatari nel Sangue o Brigata Khaled Abul Abbas guidata da Mokhtar Belmokhtar che ha lasciato al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) nel Dicembre 2012]
    • Patriots’ Resistance Movement for the Liberation of Timbuktu dal Giugno 2012 (si oppone alla secessione del nord Mali da parte dell’ MNLA e Ansar Dine)
    • MMA-Dissidente (fazione secessionista del Movimento Arabo di Azawad)
    • Coordinamento per il Popolo di Azawad (CPA) o Coordination for the People of Azawad (CPA)
    • Coordinamento dei Movimenti e Fronti di Resistenza Patriottica (CM-FRP) o Coordiantion of Movements and Patriotic Resistenace Fronts (CM-FPR)
    • Al-Murabitun (gruppo islamico sunnita collegato con al-Qaeda)
    Mauritania 2
    Esercito
    • Gruppo islamico al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) dal 2005 (conosciuto in passato come Gruppo Salafita per la Predicazione e il Combattimento (GSPC) nel 2003)
    • Gruppo Ansar Allah collegato ad al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM)
    Mozambico 1
    Esercito
    • Resistenza Nazionale Mozambicana (Renamo) (firmato cessate il fuoco con il governo il 24 Agosto 2014, firmato accordo di pace il 5 Settembre 2014)
    Nigeria 6
    Esercito



  • Task Force Civile Congiunta o JTF Civile (milizia civile locale)
    • Mend (Movimento per l’emancipazione del delta del Niger)
    • Forza volontaria popolare del Delta del Niger (NDPVF)
    • Boko Haram (setta islamica) dal 2002 (firmato un cessate il fuoco con il governo a Luglio 2013)
    • Ansaru o Vanguardia per la Protezione dei Musulmani nell’Africa Nera (gruppo islamico dal Gennaio 2012)
    • Setta Ombatse
    • Si segnalano anche continui scontri etnici e religiosi tra musulmani e cristiani nello stato di Plateau
    Puntland 1
    Esercito
    • Milizia Galgala (combattenti ribelli leali allo sceicco Mohamed Said Atom)
    • Spesso si verificano scontri con l’esercito del Somaliland
    Repubblica Centrafricana 9
    Esercito
    • Seleka (coalizione di 5 gruppi ribelli musulmani) (ha rovesciato il governo e preso il potere a Marzo 2013, firmato cessate il fuoco Aprile 2015):
      • Convenzione dei Patrioti per la Giustizia e la pace (CPJP)
      • Convenzione dei patrioti della Salvezza del Paese (CPSK) o Convenzione dei patrioti della Salvezza e del Kodro (CPSK)
      • Unione delle Forze Democratiche per il Raggruppamento (UFDR) o Unione delle Forze Democratiche per l’Unità (UFDR)
      • Fronte Democratico del Popolo dell’Africa Centrale (FDPC) o Fronte Democratico del Popolo della Repubblica dell’Africa Centrale (FDPC) o Forze Democratiche per il Popolo dell’Africa Centrale (FDPC)
      • Alleanza per la Rinascita e la Ricostruzione (A2R)
    • Movimenti dei Liberatori per l’Africa Centrale per la Giustizia (MLCJ)
    • Milizie Anti-balaka (cristiani contro Seleka) (firmato cessate il fuoco Aprile 2015)
    • Milizie Peul
    Repubblica Democratica del Congo 36
    • Esercito
    • Missione di Stabilizzazione Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo (MONUC o MONUSCO) composto da 59 paesi
    • Movimento 23 Marzo (M23) Truppe leali al leader militare Bosco ‘Terminator’ Ntaganda (che ha disertato dall’esercito congolese) hanno formato il gruppo armato il Movimento Marzo 23 (M23) o Movimento 23 Marzo (M23) che comprendono gli ex membri ribelli del National Congress for the Defence of the People (CNDP) (annunciato il cessate il fuoco il 3 Novembre 2013, annunciata la fine della ribellione e disarmo il 5 Novembre 2013. Accordo di pace il 12 Dicembre 2013)
    • Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (FDLR) o Forces démocratiques pour la libération du Rwanda (FDLR) or ex-FAR / Interahamwe
      • Forces Démocratiques pour la Libération du Rwanda/Rassemblement Uni pour la Démocratie (FDLR/RUD) opera nel Territorio Sud Lubero
      • Forces Démocratiques pour la Libération du Rwanda/FDLR/SOKI o Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda/FDLR/SOKI
      • Forces Démocratiques pour la Libération du Rwanda/FDLR/FOCA o Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda/FDLR/FOCA
      • Forces Démocratiques pour la Libération du Rwanda/FDLR Mandevu o Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda/FDLR Mandevu (staccato da FDLR/FOCA dal 2010)
    • Mai Mai Hilaire (Union pour la Réhabilitation de la Démocratie du Congo - URDC) o (Unione per la riabilitazione della democrazia del Congo- URDC)
    • Mai Mai Raia Mutomboki o Rai Mutomboki ha combattuto sia l’FDLR (esercito congolese) che i ribelli del FARDC
    • Mai Mai Sheka o Mayi Mayi Sheka o Sheka (Nduma Difesa del Congo - NDC)
    • Mai Mai Kifuafua (Nord Kivu)
    • Mai Mai Morgan (attivo a Mambasa e Bafwasende)
    • Mai Mai Simba o Armée Populaire de Libération Nationale Congolaise-Lumumba o Armata Popolare di Liberazione Nazionale Congolese-Lumumba - APLNC/Lumumb
    • Mai Mai Yakutumba (Milizia pro-governativa) (attiva nel Sud Kivu) dal 2007
    • Mai Mai Gedeon alleato ai separatisti nella provincia meridionale del Katanga
    • Mai Mai Hume
    • Mai Mai Kata Katanga o Mai Mai Bakata Katanga o Katanga
    • Forze di Difesa Locale Busumba (LDF) o Local Defence Forces Busumba (LDF)
    • Fronte di Difesa del Congo o Congo Defence Front (FDC) ha combattuto i ribelli delle Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (FDLR) e FARDC all’inizio del 2012
    • Unione dei Patrioti Congolesi per la Pace (UPCP/FPC) o Union des Patriotes Congolais pour la Paix (UPCP/FPC)
    • Movimento d’Azione per il Cambiamento (MAC) o Mouvement d’Action pour le Changement (MAC)
    • Movimento Popolare d’Autodifesa (MPA) o Mouvement Populaire d’Autodéfense (MPA) (ethnic Hutu)
    • Forze Democratiche Alleate e l’Esercito Nazionale per la Liberazione dell’Uganda (ADF-NALU) (islamici guidati dagli ugandesi)
    • Forze di Liberazione Nazionale (FNL) o Forces nationales de libération (FNL) ribelli burundesi, principalmente nel Sud Kivu dal 2013
    • Nyatura (dal 2010)
    • Forze di Difesa degli Interessi del Popolo Congolese (FDIPC) o Forces des Défense des Intérêts du Peuple Congolais (FDIPC) dal 2013
    • Alleanza dei Patrioti per un Congo Libero e Sovrano (APCLS) o Alliance des patriotes pour un Congo libre et démocratique o Patriotic Alliance for Free and Sovereign Congo (APCLS) opera nell’area Masisi ad ovest di Goma (gruppo Mai Mai dal 2008)
    • Coalizione dei Gruppi Armati dell’Ituri o Coalition des Groupes Armés de l’Ituri (COGAI)/MRPC dal Maggio 2012
    • Forze di Resistenza Patriotica dell’Ituri (FRPI) o Forces de resistance patriotiques en Ituri (FRPI) (opera nella Provincia di Ituri vicino al confine con l’Uganda)
    • Forze di Difesa Nazionale (FDN) o Forces de Défense Nationale (FDN)
    • M18 (nuova fazione ribelle nel Nord Kivu, non collegato con il Movimento 23 Marzo)
    • M26 (dal 26 Ottobre 2012 nel Nord Kivu)
    • Esercito di Resistenza del Signore (LRA) o Lord’s Resistance Army (LRA) nato nel 1987 contro le forze armate congolesi e ugandesi
    • Fronte Popolare per la Giustizia nel Congo o Popular Front for Justice in Congo
    • Movimento di Liberazione Indipendente degli Alleati o Independent Liberation Movement of the Allies conosciuto anche come (Nzobo ya Lombo)
    • Resistenza Patriottica Congolese (PARECO) o Patriotes résistants congolais (PARECO)
    Ruanda 1
    Esercito
    • milizia Hutu ruandese
    Sahara Occidentale 1
    Esercito
    • Lotta del Fronte Polisario contro l’occupazione del Marocco
    Senegal 1
    Esercito
    • Movimento delle Forze Democratiche di Casamance (MFDC) o Movement of the Democratic Forces of Casamance (MFDC) o Casamance Movement of Democratic Forces (MFDC) o Movement for the Democratic Forces of Casamance (MFDC) (in lotta dal 1982 ed ora diviso in 3 fazioni interne) (dichiarato cessate il fuoco unilaterale ad Aprile 2014)
    Somalia 12
    • Esercito
    • Missione dell’Unione africana in Somalia (AMISOM)
      • Uganda
      • Kenya
      • Burundi
      • Sierra Leone
      • Gibouti
      • Nigeria
      • Ghana
      • Camerun
      • Mali
      • Senegal
      • Zambia
    • Milizia Sufi Ahlu Sunna Wal Jamaca (ASWJ) o Ahlusunna Waljamaaca o Ahlu Sunnah Wal Jamaah o Ahlu Sunna Waljamaa o Ahlu-Sunna Wal Jamaca (gruppo islamico pro-governativo contro al-Shabaab e Hizbal Islam dal 17 Marzo 2010)
    • Harakat al-Shabaab al-Mujahideen/Movimento Giovanile Mujahideen (MYM) o Harakat al-Shabaab al-Mujahideen/Mujahideen Youth Movement (MYM)
    • Movimento Ras kamboni, pro governo somalo, attivo nel Jubaland o Azania
    • Shabelle Valley Administration (SVA) (milizia della Valle Shabelle, pro governo somalo anche se non riconosciuta dal Governo Centrale)
    • Al-Shabaab gruppo somalo islamico collegato ad al-Qaeda (nel Dicembre 2011 ha cambiato il suo nome in Imaarah Islamiya il cui nuovo leader è Ahmed Umar Abu Ubaida da Settembre 2014)
    • Hizbul Islam o Partito Islamico gruppo islamico (nato il 4 Febbraio 2009 dall’unione di 4 gruppi)
    • Hisb al-Islam
    • Rahanweyn Resistance Army o Reewin Resistance Army (RRA) attivo nello Stato somalo del Southwestern dal 1995
    • Al-Itihaad al-Islamiya (AIAI) o Al-Etihad Al-Islamiya
    • Signore della Guerra Ali Khalif Galaydh e la sua leale milizia tribale
    • Milizia di Ahmed Madobe (leader dell’Amministrazione ad Interim di Giuba) contro il Governo
    Somaliland 4
    Esercito
    • Sool, Sanag, Cayn (SSC)
    • Northern Somalia Unionist Movement (NSUM) e la sua ala armata Sool Sanaag Ayn Army (SSCA) (gruppo secessionista di SSC)
    • Milizia tribale leale all’ex Primo Ministro della Somalia Ali Khalif Galayr (sta cercando di creare lo Stato Khaatumo o Stato Khatumo o Stato Khatuumo)
    • Sultano Wabar guida un gruppo di anarchici
    • Spesso si verificano scontri con l’esercito del Puntland
    Sudan 14
    Governo è in lotta con le popolazioni del Darfur dal 2003. Si segnalano anche continui scontri con i ribelli:
    • Esercito
    • Forze di Difesa Popolare (FDP) o Popular Defense Forces (PDF)
    • Esercito Liberazione del Sudan o Sudan Liberation Army (SLA) dal 2002
    • Forze di Difesa Popolare (PDF) (gruppo paramilitare pro governativo)
    • Fronte Rivoluzionario Sudanese (FRS o SRF) alleanza formata da 5 gruppi ribelli:
      • Sudan People’s Liberation Army/Movement (SPLA/M) o Sudan People’s Liberation Army-North (SPLA-N) o Esercito di Liberazione Popolare del Sudan-Nord (SPLA-N) o Movimento di Liberazione Popolare del Sudan/Esercito Nord (SPLM/A-N) e la sua ala militare Movimento di Liberazione Popolare del Sudan-Nord (SPLM-N) o Movimento di Liberazione del Popolo Sudanese/Nord (SPLM-N)
      • Movimento Giustizia e Uguaglianza (JEM) dal 2006 (Aveva firmato un cessate il fuoco con il Governo nel Febbraio 2010. Nuovi colloqui di pace a Doha ad Ottobre 2012. Firmato accordo cessate il fuoco a Febbraio 2013.)
      • Movimento Giustizia e Uguaglianza-Consiglio Militare (JEM-MC) o fazione JEM-Consiglio Militare (JEM-MC) (Colloqui di pace a Doha nel Dicembre 2012).
      • Movimento Liberazione del Sudan Abdel Wahid (SLM-Nur) fazione Abdul Wahid al Nur e la sua ala armata Esercito Liberazione del Sudan-Abdel Wahid (SLA-AW) o Sudan Liberation Movement Abdel Wahid (SLM-Nur) Abdul Wahid al Nur faction e la sua ala armata Sudan Liberation Army-Abdel Wahid (SLA-AW) o Movimento di Liberazione del Sudan di Abdel Wahid Nur (SLM-AW) o Movimento di Liberazione del Sudan – Abdel Wahid al-Nur (SLM-AW) o Sudan’s Liberation Movement of Abdel Wahid Nur (SLM-AW) o Sudan Liberation Movement – Abdel Wahid al-Nur (SLM-AW) o Darfur Front for Injustice Rebuttal (firmato accordo di pace il 18 Marzo 2013)
      • Movimento Liberazione del Sudan Minni Minnawi (SLM-Minnawi) o Movimento Liberazione del Sudan di Mani Arkoi Minnawi (SLM-MM) o Movimento di Liberazione del Sudan – Minni-Minnawi, (SLM-MM) e la sua ala armata Esercito Liberazione del Sudan-Minni Minnawi (SLA-MM) o Esercito Liberazione del Sudan di Minni Minnawi (SLA-MM) o Esercito Liberazione del Sudan-Minni Minnawi (SLM-MM) attivo in Darfur
    • Darfur
      • Movimento Liberazione del Sudan–Forze Rivoluzionarie o Sudan Liberation Movement Revolutionary Forces (SLM-RF) dal 2006
      • National Redemption Front (NRF) dal 2006
      • Movimento di Giustizia e Liberazione (MGL) o Liberation and Justice Movement (LJM), include 10 piccoli gruppi ribelli dal Febbraio 2010 (Ha firmato il cessate il fuoco con il Governo Sudanese del Nord il 14 Luglio 2011)
      • Movimento di Giustizia e Liberazione (MGL) fazione guidata da Ali Karbino o Liberation and Justice Movement (LJM) faction led by Ali Karbino
    Sud Sudan 17
    Esercito
    • National Transitional Council (NTC) (formato da 4 gruppi ribelli SSLA, SSDM, NDF e SSDF)
    • Esercito Liberazione Sud Sudan (SSLA) milizia Peter Gadet o South Sudan Liberation Army (SSLA) milizia di Peter Gadet (accordo di pace con il governo Aprile 2013)
    • Movimento Democratico del Sud Sudan (SSDM) o South Sudan Democratic Movement (SSDM) o South Sudan Democratic Movement/Army (SSDM/A) e la sua ala armata Esercito Democratico del Sud Sudan (SSDA) di George Athor Deng o South Sudan Democratic Army (SSDA) di George Athor Deng (accordo di pace con il governo Aprile/Maggio 2013)
    • National Democratic Front (NDF)
    • Forze di Difesa del Sud Sudan (SSDF) o South Sudan Defence Forces (SSDF) (accordo di pace con il governo nel Aprile-Maggio 2013)
    • Movimento di Liberazione Popolare del Sudan-Nord (SPLM-N) o Movimento di Liberazione del Popolo Sudanese/Nord (SPLM-N) (affiliato all’Esercito di Liberazione Popolare del Sudan/Movimento (SPLA/M) o Sudan People’s Liberation Army/Movement (SPLA/M))
    • Milizia Philip Bepan (attivo nel Sud Sudan)
    • The National Democratic Front dal 25 Settembre 2011
    • Milizia Gatluak Gai (attivo nel Sud Sudan)
    • Milizia Gabriel Tang chiamato anche Tang Ginye (attivo nel Sud Sudan)
    • Forze di David Yau Yau (il gruppo ribelle ha accettato il cessate il fuoco il 7 Gennaio 2014)
    • Milizia etnica Johnson Oliny
    • Milizia Ultan Abdel Bagi Ayii Akol
    • Milizia Peter Lorot
    • South Sudan People Liberation Movement e la sua ala armata (South Sudan People Liberation Army) (SSPLM/SSPLA) guidato dal Maggiore Generale Tong Lual Ayat (dal Dicembre 2011)
    • Movimento di Liberazione Popolare del Sudan in Opposizione (SPLM in Opposizione) o Movimento di Liberazione Popolare del Sudan/Esercito in Opposizione (SPLM/E in Opposizione) guidato da Machar (accordo di pace con il governo Gennaio 2014 e Maggio 2014)
    • Esercito della Resistenza del Sud Sudan (SSRA) guidato da Lul Ruai Koang presente nel Lou Nuer da Marzo 2015
    Tunisia 1
    Esercito
    • Battaglione Uqba Ibn Nafi o Akba Ibn Nafaa o Uqba Ibn Nafi Battalion o Phalange Okba Ibn Nafaa o Katibat Okba Ibn Nafaa o Okba Bin Nafaa (branca di al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI) e alleato del gruppo Stato Islamico da Settembre 2014)
    Uganda 3
    Esercito
    • Lord’s Resistance Army (LRA) nato nel 1987 contro le forze armate ugandesi e congolesi
    • Al-Shabaab gruppo somalo islamico
    • Forze Democratiche Alleate (ADF) o Allied Democratic Forces - National Liberation Army of Uganda (ADF / NALU) attivi nella Repubblica Democratica del Congo nelle province del Nord Kivu, Sud Kivu, Maniema e Katanga

    ASIA:

    (16 Stati e 145 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

    Punti Caldi: Afghanistan (guerra contro i militanti islamici), Birmania-Myanmar (guerra contro i gruppi ribelli), Filippine (guerra contro i militanti islamici), Pakistan (guerra contro i militanti islamici), Thailandia (colpo di Stato dell’esercito Maggio 2014)

    Afghanistan 9
    • Esercito
    • International Security Assistance Force (ISAF) (49 stati)
      • Albania
      • Armenia
      • Australia
      • Austria
      • Azerbaijan
      • Bahrain
      • Belgio
      • Bosnia e Erzegovina
      • Bulgaria
      • Canada
      • Corea del Sud
      • Croazia
      • Danimarca
      • El Salvador
      • Emirati Arabi Uniti
      • Estonia
      • Finlandia
      • Francia
      • Georgia
      • Germania
      • Grecia
      • Irlanda
      • Islanda
      • Italia
      • Lettonia
      • Lituania
      • Lussemburgo
      • Macedonia
      • Malesia
      • Mongolia
      • Montenegro
      • Olanda
      • Norvegia
      • Nuova Zelanda
      • Polonia
      • Portogallo
      • Regno Unito
      • Repubblica Ceca
      • Romania
      • Singapore
      • Slovacchia
      • Slovenia
      • Spagna
      • Svezia
      • Tonga
      • Turchia
      • Ucraina
      • Ungheria
      • Stati Uniti
      (Talebani hanno firmato accordo cessate il fuoco nel Giugno 2013)
    • Rete Haqqani
    • Shura di Peshawar (est Afghanistan)
    • Shura di Quetta
    • Hezb-e-Islami Gulbuddin (HIG) dal 1977
    • Hezb-e Islami Khalis (HIK) dal 1979
    • Emirato Islamico dell’Afghanistan
    • Fronte Mullah Dadullah da Maggio 2012
    • Afghan Taliban
    Bangladesh 2
    Army
    • al-Qaeda nel Subcontinente Indiano o Qaedat al-Jihad nel Subcontinente Indiano (da Settembre 2014, il suo leader è Asim Umar, gruppo sarà attivo in Bangladesh e anche in India (Assam, Gujarat, Ahmedabad e Kashmir) e Birmania-Myanmar)
    • Ansar al Islam Bangladesh-2 (da verificare)
    Birmania-Myanmar 36
    • Army
    • Forza Guardia di Confine Karen (BGF) o Karen Border Guard Force (BGF)
    • Forza di Resistenza alla Ribellione (RRF) o Rebellion Resistance Force (RRF)
    • Forza della Milizia del Popolo (PMF) o Forza della Milizia Popolare (PMF) o People’s Militia Force (PMF)
    • Mung Paw Militia (Mung Paw Pyi Tu Tsits) (gruppi miliziani locali appoggiati dall’esercito birmano)
    • Milizia Ah Dang
    • 10 Membri dell’Alleanza United Nationalities Federal Council (UNFC), la cui ala armata è l’Esercito Unione Federale (FUA) è divisa in due regioni militari, regione settentrionale e regione meridionale:
      • Karenni Army (KA) ala armata del Partito Progressista Nazionale Karen (KNPP) regione meridionale
      • New Mon State Party (NMSP) (firmato pirmo accordo sul cessate il fuoco il 1 Febbraio 2012) regione meridionale
      • Organizzazione Liberazione Nazionale Pa-O (PNLO) (firmato cessate il fuoco il 25 Agosto 2012)
      • Fronte Nazionale Chin (CNF) (firmato accordo di cessate il fuoco il 9 Dicembre 2012)
      • Esercito per l’Indipendenza Kachin (KIA) ala armata dell’Organizzazione per l’Indipendenza Kachin (KIO) (firmato cessate il fuoco a Maggio 2013) regione settentrionale
      • Shan State Progress Party / Esercito Stato Shan (SSPP/SSA) o SSA-N o Esercito Stato Shan-Nord (SSA-Nord) o Esercito dello Stato Shan-Nord (SSA-Nord o SSA-N) (firmato il cessate il fuoco a Gennaio 2012) regione settentrionale
      • Arakan Liberation Army (ALA) o Arakan Army (AA) o Esercito di Liberazione di Arakan (ELA) o Esercito Arakan (AA) ala armata dell’Arakan Liberation Party (ALP)
      • Fronte di Liberazione dello Stato Palaung (PSLF) o Fronte di Liberazione dello Stato Palong (PSLF) o Palaung State Liberation Front (PSLF) o Palong State Liberation Front (PSLF) (la cui ala armata è l’Esercito di Liberazione Nazionale Ta’ang (TNLA) o Esercito di Liberazione Nazionale Tan’ang (TNLA)) regione settentrionale
      • Lahu Democratic Union (LDU)
      • Wa National Organization (WNO) regione settentrionale
    • Forze Armate Kawthoolei (KAF) o Kawthoolei Armed Forces (KAF) (Organizzazione formata da 4 gruppi ribelli Karen)
      • Milizia etnica dell’Unione Nazionale Karen (KNU) la cui ala armata è l’Esercito di Liberazione Nazionale Karen (KNLA) dal 1949. (firmato il cessate il fuoco a Gennaio 2012) uscito dall’Alleanza United Nationalities Federal Council (UNFC) nel Settembre 2014 regione meridionale
      • Esercito Benevolente Democratico Karen (DKBA) o Democratic Karen Benevolent Army (DKBA) precedentemente conosciuto come Esercito Buddista Democratico Karen (DKBA) o Democratic Karen Buddhist Army (DKBA) (raggiunto il cessate il fuoco con il governo a Novembre 2011)
      • Organizzazione di Difesa Nazionale Karen (KNDO)
      • Unione Nazionale Karen/Esercito di Liberazione Nazionale Karen Consiglio per la Pace (KNU/KNLA-PC) o KNU/KNLA Consiglio per la Pace o Karen National Union/Karen National Liberation Army Peace Council (KNU/KNLA-PC)
    • Restoration Council of Shan State/ Esercito Stato Shan (RCSS/SSA) Esercito Stato Shan-Sud (SSA-S) o Consiglio per il Ripristino dello Stato Shan (CRSS) (informalmente accettato il cessate il fuoco a Novembre 2011)
    • Milizia etnica dei Kokang (Esercito dell’Alleanza Democratica Nazionale del Myanmar (MNDAA) o Esercito Alleanza Democratica Nazionale del Myanmar (MNDAA) o Myanmar National Democratic Alliance Army (MNDAA o NDAA) o Kokang Democracy Party o Eastern Shan State Army (ESSA) o Mong La o Gruppo Mongla dal 1989 regione settentrionale
    • Brigade 5 fazione interna del (DKBA) (raggiunto il cessate il fuoco con il governo a Novembre 2011)
    • Esercito di Dio o God’s Army (era un ramo del Karen National Union)
    • Klohtoobaw Karen Organization (KKO)
    • Ribelli Shan del Myanmar Peace and Democracy Front (MPDF)
    • Esercito Unito Stato Wa (UWSA) ala armata dello United Wa State Party (UWSP) dal 1989 (UWSA ha firmato un accordo di cessate il fuoco con il governo il 6 Settembre 2011)
    • Lahu National Democratic Front [LNDF]
    • Mong Tai Army (MTA) (regione settentrionale)
    • Kuki National Army (KNA)
    • Esercito Rivoluzionario Zomi (ZRA) dal 1993 ala armata dell’Organizzazione Rivoluzionaria Zomi (ORZ) o Organizzazione di Riunificazione di Zomi (ORZ)
    • Fronte Democratico di Tutti gli Studenti della Birmania (ABSDF) o All Burma Students’ Democratic Front (ABSDF) o All Burma Students Democratic Front (ABSDF) (firmato un accordo di cessate il fuoco con il governo ad Agosto 2013)
    • al-Qaeda nel Subcontinente Indiano o Qaedat al-Jihad nel Subcontinente Indiano (da Settembre 2014, il suo leader è Asim Umar, gruppo sarà attivo in Birmania-Myanmar e anche in India (Assam, Gujarat, Ahmedabad e Kashmir) e Bangladesh)
    • Esercito di Liberazione Nazionale Chin (CNLA)
    • Organizzazione Nazionale Paoh (PNO) e la sua ala armata Esercito Nazionale Paoh (PNA)
    Cina 1
    Esercito
    • East Turkestan Islamic Movement (ETIM) o Turkistan Islamic Movement (TIM)
    Coree
    • Schermaglie al confine tra Corea del Nord e Corea del Sud
    Filippine 9
    Esercito
    • Gruppo Abu Sayyaf (ASG) dal 1990 (gruppo separatista islamico)
    • Fronte Islamico di Liberazione Moro (MILF) o Fronte Liberazione Islamico Moro (MILF) o Moro Islamic Liberation Front (MILF) dal 1978 (gruppo separatista islamico) Raggiunto accordo di pace con il governo ad Ottobre 2012. Firmato accordo di pace il 25 Gennaio 2014 e Marzo 2014
    • Movimento di Liberazione Islamico Bangsamoro (BILM) dal 2011 (fazione separatista del Fronte Islamico di Liberazione Moro (MILF)
    • Combattenti per la Libertà Islamica di Bangsamoro (CLIB) o Bangsamoro Islamic Freedom Fighters (BIFF) (gruppo scisso dal Fronte Islamico di Liberazione Moro (MILF) che combatte per un Bangsamoro indipendente)
    • Fronte Nazionale di Liberazione Moro (MNLF) dal 1969
    • Revolutionary Proletarian Army-Alex Boncayao Brigade (RPA-ABB) dal 1994
    • Esercito Reale del Sultanato di Sulu
    • Partito Comunista delle Filippine (PCF o CPP) o Communist Party of the Philippines (CPP) (tregua con il governo dal 20 Dicembre 2012 al 15 Gennaio 2013. Tregua terminata)
      • Nuovo Esercito Popolare (NEP o NPA) o New People’s Army (NPA) (ala armata dal 1969)
    India 39
    Esercito
    • Separatisti islamici del Kashmir il Fronte per la Liberazione del Jammu (JKLF) dal 1977
    • Hizbul Mujahideen (HuM) o Hezb-ul Mujahedeen (HuM) dal 1989
    • Maoisti di Orissa dal 2004
    • Maoisti naxaliti del Partito Comunista dell’India (CPI) del Jharkhand dal 1967
    • Partito Comunista d’India (Maoista) dal 2004 dopo la fusione del Partito Comunista dell’India (Marsista–Leninista) Guerra Popolare, chiamato comunemente Gruppo Guerra Popolare e il Centro Comunista Maoista dell’India (CCM)
    • Consiglio Socialista Nazionalista di Nagaland (NSCN) o Nationalist Socialist Council of Nagaland (NSCN) dal 1980
    • Consiglio Socialista Nazionalista di Nagaland-Khaplang (NSCN-K) o Nationalist Socialist Council of Nagaland-Khaplang (NSCN-K)
    • Ribelli di Assam dello United Liberation Front of Asom (ULFA) dal 1979 (aveva firmato il cessate il fuoco con il Governo il 4 Settembre 2011)
    • Comitato per il popolo contro la politica di atrocità
    • Fronte Democratico Nazionale del Bodoland (NDFB) o Fronte Nazionale Democratico del Bodoland (NDFB) o National Democratic Front of Bodoland (NDFB)
    • Fronte Democratico Nazionale del Bodoland (NDFB-RB) (guidato da Ranjan Daimary)
    • Fronte Democratico Nazionale del Bodoland (NDFB-S) (guidato da IK-Songbijit) o Fronte Democratico Nazionale del Bodoland (NDFB) (fazione Songbijit) o Fronte Democratico Nazionale del Boroland (fazione Songbijit) o Fronte Democratico Nazionale del Bodoland (NDFB) (Songbijit) o fazione Songbijit Brahma del Fronte Democratico Nazionale del Bodoland (NDFB-S)
    • Esercito Guerrigliero di Liberazione Popolare (PLGA) o People’s Liberation Guerrilla Army (PLGA)
    • Indian Mujahideen dal 2008
    • Garo National Liberation Army (GNLA)
    • People’s Liberation Front of India (ANI)
    • Al-Badr
    • al-Qaeda nel Subcontinente Indiano o Qaedat al-Jihad nel Subcontinente Indiano (da Settembre 2014, il suo leader è Asim Umar, gruppo sarà attivo in India (Assam, Gujarat, Ahmedabad e Kashmir) e anche in Birmania-Myanmar e Bangladesh)
    • Manipur Peoples Liberation Front (Organizzazione formata da 3 gruppi separatisti)
      • People’s Liberation Army of Manipur (PLA) (gruppo ribelle nello stato di Manipur)
      • United National Liberation Front (UNLF) dal 1964 (gruppo ribelle nello stato di Manipur)
      • People’s Revolutionary Party of Kangleipak (PREPAK) dal 1977 (gruppo ribelle nello stato di Manipur)
    • Adivashi Peoples Army (APA) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • All Adivashi National Liberation Army (AANLA) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • Santhal Tiger Force (STF) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • Birsa Commando Force (BCF) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • Adivashi Cobra Military of Assam (ACMA) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • Kuki Liberation Organisation (KLO) e la sua ala armata Kuki Liberation Army (KLA) (deposto le armi Gennaio 2011) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • Kuki Revolutionary Army (KRA) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • Hmar People’s Convention (HPC) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • United Kukigam Defence Army (UKDA) (deposto le armi Gennaio 2011)
    • People’s Liberation Front of India (PLFI)
    • Fronte Liberazione Nazionale di Tripura (NLFT) dal 1989
    • All Tripura Tiger Force (ATTF) dal 1990
    • Partito Popolare Unito di Kangleipak (UPPK)
    • Fronte Rivoluzionario Naga (NRF)
    • Organizzazione Liberazione Kamatapur (KLO) o Organizzazione Liberazione Katampur (KLO) (opera nel Bengala Occidentale e Assam e sta combattendo per uno Stato sovrano)
    • Comitato Tritya Prastuti (TPC) o Comitato Tritiya Prastuti (TPC) ribelli maoisti, fazione separatista del Partito Comunista dell’India (CPI)
    • Consiglio Volontari Nazionale Achik (ANVC)
    • Ogni tanto si segnalano scontri al confine tra esercito indiano e pakistano
    Indonesia 4
    Esercito
    • Movimento Papua Libera o Free Papua Movement (FPM) o Free Papua Merdeka (OPM) o Organasi Papua Merdeka (OPM)
    • Gruppo islamico Jemaah Islamiyah o Jemaah Islamiah (JI),collegate ad al-Qaeda, dal 1993
    • piccoli gruppi ribelli separatisti ad Aceh
    • FAI Informal Anarchist Federation, Indonesia Section
    Kazakistan 1
    Esercito
    • Kazakh Mujahideen (gruppo islamico)
    Kyrgyzstan 1
    Esercito
    • Hizb ut-Tahrir (gruppo islamico)
    Nepal 1
    Esercito
    • People’s Liberation Army (PLA), ala armata del Unified Communist Party of Nepal (Maoist) dal 1994 (firmato ceesate il fuoco Gennaio 2012)
    Pakistan 25



  • Esercito
  • Towheaded ul Islam (TUL) movimento filo-governativo
    • Lashkar-e-Taiba (Let) since 1990
    • Brigata Shohad (forse collegata a Lashkar-e-Taiba (Let))
    • Movimento dei talebani del Pakistan (TTP) o Tehrik-e-Taliban Pakistan (TTP) o Tehrik-i-Taliban Pakistan (TTP) o Tehreek-i-Taliban Pakistan o Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP) o Tehrik-e-taleban Pakistan (TTP) o Pakistani Taliban (cessate il fuoco fino al 10 Aprile 2014)
      • Fazione Janud-e-Hafsa
    • Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP) Sud Waziristan (staccatosi da Tehrik-e-Taliban Pakistan (TTP) il 28 Maggio 2014)
    • Tehrik e Taleban Jamaat ul Ahrar (JuA) o Jamaat-ul-Ahrar TTP (Tehreek-e-Taliban Pakistan) o Jamaat-ul-Ahrar TTP (Movimento dei Talebani in Pakistan) o Jamaat al-Ahrar/Gruppo Libero (FG) (TTP) (fazione separatista di Tehrik-e-Taliban Pakistan (TTP) o Tehreek-e-Taliban Pakistan fazione Jamaat-ul-Ahrar da Settembre 2014)
    • Esercito Liberazione Belucistan (BLA) o Esercito di Liberazione del Belucistan (BLA) dal 2000
    • Movimento di Shahzain Bugti (separatisti del Belucistan)
    • Esercito Belucistan Unito (EBU) o Esercito Unito del Belucistan (EUB) o United Baloch Army (UBA)
    • Fronte di Liberazione del Belucistan (BLF) o Fronte di Liberazione del Balochistan (BLF)
    • Jaish-e-Mohammed (JeM)
    • Punjab Taliban o Tehrik-e-Taliban Punjab
    • Brigate Abdullah Azzam Shaheed (AASB) collegate ad al-Qaeda
    • Gruppo Haqqani guidato da Jalaluddin Haqqani nel Nord Waziristan collegato ad al-Qaeda dal 2006
    • Jihad Islami
    • 313 Brigade (una unità dell’organizzazione del gruppo militante del Bangladesh chiamata Harkat-ul-Jihad al Islami (HUJI))
    • Lashkar-e-Jhangvi (LiJ) o Lashkar-i-Jhangvi (LiJ) o Lashkar-e Jhangvi Al-Alami (LiJ) o Lashkar e Jhangvi (LeJ)
    • Jund al-Khilafah o Soldati del Califfato
    • Harkat-ul Mujahideen al-Alami
    • Lashkar-e-Islam (LEI) o Lashkar-e-Islami (LEI) o Lashkar-i-Islam (LEI)
    • Esercito Repubblicano del Belucistan (BRA)
    • Jundullah o Jandullah (gruppo secessionista di Tehreek-i-Taliban Pakistan (TTP) collegato ad al-Qaeda)
    • Scontri tra esercito regolare e ribelli talebani nel (Sud Waziristan dal 2008)
    • Ogni tanto si segnalano scontri al confine tra esercito pakistano ed indiano, la prima guerra risale al 1949
    Sri Lanka 3
    Esercito
    • Upsurging People’s Force dal 2006
    • People’s Liberation Front
    • Liberazione delle Tigri di Tamil Eelam (LTTE) o Tigri per la liberazione della patria Tamil (LTTE) o Tigri di Liberazione Tamil Eelam (LTTE)
    Tajikistan 3
    Esercito
    • Movimento Islamico dell’Uzbekistan (IMU) situato in Tajikistan e affiliato ad al-Qaeda
    • Gruppi armati comandati da Mirzokhouja Ahmadov e Mullo Sayriddin (arresi alle Forze Governative a Ottobre 2010)
    • Movimento Islamico Hizb ut-Tahrir
    Thailandia 10 (colpo di Stato dell’esercito il 22 Maggio 2014)
    Esercito
    • Fronte Nazionale Rivoluzionario Coordinato Patani Malay (BRN-C) o Barisan Revolusi Nasional Patani-Melayu-Koordinasi (BRN-Coordinate)
    • Barisan Revolusi Nasional Melayu Patani (BRN) o Fronte Rivoluzionario Nazionale (BRN) (Marzo 2013 iniziati colloqui di pace)
    • BRN-Congresso
    • BRN-Ulama
    • Pattani United Liberation Organisation (PULO)
    • Barisan Islam Pembebesan Pattani (BIPP)
    • Mujahideen Islamic Pattani Group (BBMP)
    • Pattani Independence Fighters cerca di creare uno Stato chiamato Pattani Darulsalam (Terra Islamica di Pattani)
    • Esercito Liberazione Patani (PLA)
    • Runda Kumpulan Kecil (RKK) dal 2004
    Uzbekistan 1
    Esercito
    • Uzbekistan’s Islamic Jihad Union (IJU) o Islamic Jihad Group (IJG)

    EUROPA:

    (9 Stati e 72 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

    Punti Caldi: Cecenia (guerra contro i militanti islamici), Daghestan (guerra contro i militanti islamici), Ucraina (Secessione dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk e dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk)

    Francia 2
    Dal 12 Gennaio 2012 l’esercito francese e l’esercito maliano (con l’aiuto degli eserciti di altri paesi africani) stanno combattendo i gruppi radicali islamici che hanno occupato il nord del Mali.
    Esercito
    • Fronte di Liberazione Nazionale Corso (FLNC) o Fronte di Liberazione Naziunale Corsu (FLNC) o Fronte di Liberazione Naziunale Corsu (FLNC) precedentemente divisi in Brigate Rivoluzionarie Corse (BRC)
    • Armata di Liberazione Nazionale Corsa (ALNC) contro la presenza francese nell’isola dal 1976
    Georgia
    • Dopo la guerra tra Georgia e Russia/Abkazia/Ossezia del Sud nel 2008, alcune volte sono state segnalate tensioni confine
    Grecia 15
    Esercito
    • Lotta Rivoluzionaria (Ea)
    • Cospirazione dei nuclei di fuoco
    • Setta dei Rivoluzionari (SR)
    • Tolleranza Zero (Gruppo anarchico)
    • Cospirazione delle cellule di fuoco/Federazione Anarchica Informale (FAI)/ Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
    • Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)/ Cospirazione delle cellule di fuoco/ Gruppi rivoluzionari per la diffusione del terrore nucleo dei vandali.
    • Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)/ Complicità terrorista guerrieri dell’abisso comando Severino di Giovanni
    • Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)/Condotte devianti per la diffusione del terrorismo rivoluzionario/ Cellula d’azione anarchica
    • Cellula di Solidarietà Rivoluzionaria-Federazione Anarchica Informale (FAI)
    • Fronte Rivoluzionario Anarchico/condotte devianti per la diffusione del terrorismo rivoluzionario/Cellula di attacco riflessivo
    • FAI/Cell of Aggressive Coscience
    • Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)/Cospirazione cellule di fuoco/ Gruppi rivoluzionari per la diffusione del terrore/ Cellula Anormal-Heretics
    • Cooperazione di Organizzazioni Anarchiche” Libertà Selvaggia
    • Fomentatori di Agitazioni Sociali
    • Forze Rivoluzionarie Popolari Combattenti o Squadre Rivoluzionarie Popolari Combattenti o Noi, Potenze Rivoluzionarie Combattenti Popolari (estrema sinistra)
    Irlanda del Nord 9
    Esercito
    • Ulster Defense Association (UDA) dal 1971 rivendica le sue azioni nell’ Irlanda del Nord sotto il nome di Ulster Freedom Fighters (Protestante)
    • Red Hand Defenders dal 1998 (Protestante)
    • Ulster Young Militants dal 1974 (Protestante)
    • Ulster Resistance dal 1989 (Protestante)
    • Ulster Volunteer Force (UVF) (Protestante)
    • Orange Volunteers dal 1998 (Protestante)
    • Continuity Irish Republican Army (CIRA) o The Continuity IRA dal 1986 (gruppo paramilitare repubblicano)
    • Real Irish Republican Army or Real Ira dal 1997 (Repubblicano)
    • Irish Republican Army (creato da precedenti membri del Provisional IRA) dall’ Aprile 2011
    Italia 26
    Esercito
    • Federazione Anarchico Informale (FAI)/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI) (FAI/FRI)
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellula Rivoluzionaria Lambros Fountas dal 2003
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cooperativa Artigiana fuoco e affini (occasionalmente spettacolare)/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Brigata 20 Luglio/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Sorelle in armi nucleo Mauricio Morales/ Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Solidarietà Internazionale
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Rivolta Animale
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Nucleo Rivoluzionario Horst Fantazzini
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellule contro il Capitale il Carcere i suoi Carcerieri e le sue Celle
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellule armate per la solidarietà internazionale
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Rivolta Anonima Terribile (RAT)
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellule metropolitane
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Narodnaja Vojla
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellula Olga (forse si riferisce a Olga Ekonomidou, membro del movimento di Cospirazione delle cellule di fuoco - Fronte Rivoluzionario Internazionale (FAI-(FRI))
    • Federazione Anarchica Informale (FAI)/gruppo 22 maggio (da Maggio 2012)
    • Il Silvestre (gruppo anarchico ecologista)
    • Gruppi armati patriottici (Gap) dal 2011
    • Nucleo Galesi per i Pac (Proletari Armati per il Comunismo)
    • Movimento Armati Proletari
    • Movimento Fronte Rivoluzionario dal 2011
    • Gruppi Armati Proletari (GAP) (da Maggio 2012, da confermare attendibilità)
    • Brigate Rosse, Brigata Gino Liverani ‘Diegò’ (da Maggio 2012, da confermare attendibilità)
    • Nar Nucleo Armato Rivoluzionario Giuseppe Valerio Il Giusta (Nar) (da Maggio 2012, da confermare attendibilità)
    • Animal Liberation Front
    • Nuove Brigate Rosse - C.A.C. (esistenza non confermata)
    • Nuclei Operativi Armati (NOA) dal 19 Febbraio 2014 (esistenza non confermata)
    Nagorno-Karabakh
    • Scontri al confine del Nagorno-Karabakh tra Armenia e Azerbaijan
    Russia 14
    Esercito
    • Caucasus Mujahideens chiamati anche Mujahideen of Idel Ural (Milizia indipendentista islamica cecena in Cecenia, Inguscezia e Daghestan dal 1991)
    • Movimento separatista islamico Emirato del Caucaso del Nord (Milizia indipendentista islamica cecena in Inguscezia e Daghestan dal 1991)
    • Emirato del Caucaso (Milizia indipendentista islamica cecena in Cecenia)
    • Emirato del Caucaso delle Province Unite di Cabardino, Balcaria e Carachi (CBC) o Commando delle Province Kabarda, Balkaria e Karachai
    • Riyad-us-Saliheen Martyrs’ Brigade (Commando Mujahideen Ingusceto)
    • Far Eastern guerrillas
    • Mujahideen Command of Province of Ingushetia o Mujahideen Command of the Province of Ghalghaycho of the Caucasus Emirate
    • Jamaat Nogai (Battaglione Nogai) gruppo islamico wahabita
    • Gruppo Terroristo Caspian (presente in Daghestan)
    • At-Takfir Wal-Hijra (forse collegato al gruppo egiziano At-Takfir Wal-Hijra)
    • ELF Russia Informal Anarchist Federation (FAI)/International Network of action e solidarity/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
    • Mujahedin del Tatarstan (da verificare l’esistenza)
    • Vilayat Dagestan
    • Anars Al Sunna
    Spagna 2
    Esercito
    • Euskadi Ta Askatasuna (Eta) gruppo separatista nei Paesi Baschi dal 1968 (il 20 Ottobre 2011 ha dichiarato una definitiva cessazione della sua attività armata)
    • Comando Insurrecional Mateo Morral (gruppo anarchico)
    Ucraina 4
    Esercito
    • Ribelli dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk
    • Ribelli dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk
    • Fronte Popolare Novorossia (esercito degli Stati Federali Europei di Novorossia o Nuova Russia, un nuovo Stato creato dopo un referendum non riconosciuto con l’unione della Repubblica Popolare di Donetsk e della Repubblica Popolare di Lugansk il 24 Maggio 2014)
    • Battaglione della Morte o Unità della morte (circa 300 combattenti ceceni)

    MEDIO ORIENTE:

    (8 Stati e 215 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

    Punti Caldi: Iraq (guerra contro i militanti islamici dello Stato Islamico), Israele (guerra contro i militanti islamici nella Striscia di Gaza), Siria (guerra civile), Yemen (guerra contro e tra i militanti islamici)

    Arabia Saudita 1
    Esercito
    • ribelli al-Houthi dal 2009
    Iran 5
    Esercito
    • gruppo sunnita Jundallah o Soldiers of God o People’s Resistance Movement of Iran (PRMI) dal 2003
    • Partiya Jiyana Azad a Kurdistanê (PJAK) o Party of Free Life of Kurdistan dal 2004
    • People’s Mujahedin of Iran (MEK) o Mujahedin-e Khalq (MEK) o Mujahideen-e Khalq (MEK) o Mojahedin-e Khalq Organization (MKO) gruppo islamico di sinistra o People’s Mujahedin Organization of Iran (PMOI) o People’s Mujahideen Organisation of Iran (PMOI) (con sede in Iraq, ma contro la Repubblica Islamica dell’Iran) dal 1965
    • Jaish al-Adl or Jaish ul-Adl (Esercito della Giustizia) gruppo di insorti sunnita
      • Brigata Martyr Sheikh Ziaie
    Iraq 47
    • Esercito
    • Sahwa a Qaim o milizia Sahwa o Figli dell’Iraq o Consiglio Nazionale per il Risveglio dell’Iraq o Consiglio del Risveglio (milizia pro-governativa)
    • Forza di Mobilitazione Popolare (milizia pro-governativa costituita dalla milizia sciita appoggiata dall’Iran)
    • Peshmerga o Peshmerge (combattenti curdi) esercito dello Stato Kurdistan all’interno dell’Iraq
    • Partito Democratico del Kurdistan (PDK) o Kurdistan Democracy Party (KDP)
    • Unità di Resistenza di Kirkuk (URK) o Kirkuk Resistance Units (KRU) (combattenti curdi)
    • Unità di Resistenza di Sinjar (YBŞ)
    • Forze di Resistenza Maxmur (Makhmour) o Maxmur (Makhmour) Resistance Forces
    • HPG-YJA STAR (Ala armata del PKK)
    • Iraqi Ketaeb Hezbollah (volontari sciiti)
    • Miliziani della tribù Ezza
    • Cavalieri di Al-Aman
    • Saraya al-Salam (Brigate della Pace) o Saraya al-Salam (Peace Brigades), gruppo formato da musulmani sciiti iracheni
    • Brigate Imam Ali (milizia leale al clerico sciita radicale Muqtada al-Sadr)
    • Asaib Ahl al-Haq (AAH) o Khazali Network (milizia sciita)
    • Milizia Popolare di Shargat (gruppo sunnita armato)
    • al-Hashd al-Sha’bi (Combattenti Volontari)
    • Coalizione guidata dagli USA contro il gruppo islamico Stato Islamico (S.I.) supportata (militarmente e non) dai seguenti paesi: Arabia Saudita, Australia, Bahrein, Belgio, Canada, Danimarca, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giordania, Gran Bretagna, Iraq, Italia, Kuwait, Libano, Olanda, Oman, Qatar, Turchia
    • Stato Islamico (SI) o Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL o SIIL) o Stato Islamico dell’Iraq e Sham (ISIS o SIIS) o Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS o SIIS) o Stato Islamico dell’Iraq (ISI o SII) o Stato Islamico in Iraq (ISI o SII) o Stato Islamico dell’Iraq e della Grande Siria (ISIS o SIIS) o Ad Dawla al-Islamiyya/Stato Islamico (IS) o Stato Islamico in Iraq e nel Levante (SIIL) o Stato Islamico in Iraq e al-Sham (ISIS) o Daesh
    • Ba’athisti
    • Wahhabiti
    • Salafisti islamici
    • Esercito Mahdi (milizia sciita) o Milizie Shia o milizia Mahdi o Jaish al-Mahdi (JAM) guidata da Moqtada al-Sadr dal 2003 (attività militari sospese nel 2008)
    • Consiglio dei mujaheddin della Sharia (11 gruppi sunniti)
    • Alliance Ilfh al-Motaiyabin (Alleanza dei profumati)
    • Ansar al-Islam o Jund Al-Islam (Soldati dell’ Islam) (gruppo islamico sunnita curdo) dal 2001
    • Mojahedin-e Khalq Organization gruppo islamico di sinistra o People’s Mujahedin Organization of Iran (PMOI) (con sede in Iraq, ma contro la Repubblica Islamica dell’ Iran) dal 1965
    • Ansar al-Jihad al-Alami (Sostenitori della Jihad Globale)
    • Jaish al-Tariqa al-Nakshabandi o Jaysh Rijal al-Tariq al-Naqshabandi o Esercito degli Uomini dell’Ordine di Naqshbandi o Esercito Naqshbandi (gruppo militante islamico sunnita)
    • Islamic Front for the Iraqi Resistance dal 2004
    • al-Qaeda in Iraq (AQI)
    • Jama’at al-Tawhid wal-Jihad (”Gruppo del Monoteismo e Jihad”) o Tanzim Qaidat al-Jihad fi Bilad al-Rafidayn (QJBR) dal 2004
    • al-Qaeda Kurdish Battalions (AQKB)
    • Stato Meridionale di al-Qaeda
    • Esercito islamico dell’Iraq
    • Brigata Badr (milizia sciita) (ala militare dell’Organizzazione Badr)
    • Brigata Badr o Organizzazione Badr, (milizia sciita) (ala armata del Consiglio Supremo Islamico dell’Iraq (un partito islamico sciita))
    • Jaish al-Muhajireen wal-Ansar
    • Esercito di Orgoglio e Dignità (nella Provincia di Anbar) da Aprile 2013
    • Kata’ib Hizbullah (milizia sciita)
    • Asa’ib Ahl al-Haq (milizia sciita)
    • Front for Jihad and Change (formato da 8 gruppi)
      • 1920 Revolution Brigades
      • Jaish al-Rashideen
      • Jaish al-Muslimeen
      • Islamic Movement of Iraq’s Mujahideen
      • Jund al-Rahman
      • Saraya al-Dawa wa’l Ribaat
      • Empowerment Brigades
      • Battalions of Muhammed al-Fatih
    Israele 43
    Esercito
    • Hamas (dal 1987) gruppo politico ed armato
      • Brigate Izz ad-Din al-Qassam (EQB) o Brigate Ezzedeen Al-Qassam (EQB) o Brigate Ezzedine al-Qassam (EQB) o Brigate al-Qassam (ala armata)
      • Esercito Popolare per la Liberazione di Al-Aqsa e della Palestina o Popular Army for the Liberation of Al-Aqsa and of Palestine
    • Jihad Islamico Palestinese (PIJ) o Jihad Islamica Palestinese (dal 1970) gruppo armato
      • Brigate Al-Quds (Jerusalem brigades) (ala armata)
    • Comitati di Resistenza Popolare (PRC) (dal 2000) gruppo armato
      • Brigate Al-Nasser Salah al-Deen Brigades (ala armata)
    • Movimento Al-Ahrar
      • Brigate Al-Ansar (ala armata)
    • Palestine Liberation Organization (PLO) (dal 1964) gruppo armato
      • Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP) (dal 1967) gruppo armato
      • Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina-Comando Generale (PFLP-GC)
      • Abu Ali Mustapha Brigades (ala armata)
      • Democratic Front for the Liberation of Palestine (DFLP) (dal 1969) partito politico
      • Abu Nidal organization (ANO) o Fatah - the Revolutionary Council (FRC) (da 1974) gruppo armato
      • Palestine Liberation Front (PLF) (da 1977) gruppo armato
      • Arab Liberation Front (ALF) (da 1969) partito politico
      • As-Sa’iqa or Vanguard for the Popular Liberation War (VPLW) (dal 1966) partito politico
      • Palestinian Popular Struggle Front (PPSF) (da 1967) partito politico
      • Palestinian Arab Front (PAF) (dal 1968) fazione minore
      • Fatah o Movimento per la Liberazione Nazionale della Palestina (dal 1960) partito politico
        • Tanzim (dal 2000) fazione armata militante
        • Force 17 (dal 1970) (ora come Guardia Presidenziale Palestinese) gruppo armato
        • Fatah Special Operations Group (Fatah-SOG) or Martyrs of Tel Al Za’atar, Hawari, e Amn Araissi (dal 1970) gruppo armato non più attivo
        • Ahmed Abu Reish Brigade gruppo armato
        • Brigate dei Martiri di al-Aqsa (dal 2000) gruppo armato
        • Al-’Asifah (dal 1964) ala armata
    • Altri gruppi armati:
      • Holy Jihad Brigades (dal 2006) gruppo armato
      • Jamaat Ansar al-Sunna (Gruppo salafita iracheno che ha una fazione armata a Gaza) gruppo armato
    • Gruppi armati collegati ad al-Qaeda
      • Esercito dell’Islam (Jaysh al-Islam) o Organizzazione di al-Qaeda in Palestina o Esercito Palestinese dell’Islam o Tawhid Al Jihad o Jihad Brigades operante nella Striscia di Gaza (si è diviso da Al-Nasser Salah al-Deen Brigades) gruppo armato
      • Jund Ansar Allah ( Guerrieri di Allah) (dal 2008) gruppo armato
      • Fatah al-Islam (dal 2006) gruppo armato
      • Jaljalat (dal 2009) operante nella Striscia di Gaza. gruppo armato
      • Leoni dei mujahidin in Palestina (dal 2010) gruppo armato
      • Brigata Mohammed Bin Moslama (gruppo salafita)
      • Abu al-Hareth
      • Jaysh al-Umma o Jaish al-Umma o Jaish al- Ummah or Army of the Nation o Army of the Faithful
      • Masada al Mujahideen
      • Jaish al Mu’minun o Jaish al-Muminun o Army of Believers
      • Jahafil Al-Tawhid Wal-Jihad fi Filastin or Tawhid and Jihad Group in Jerusalem or Tawhid and Jihad or One God and Holy War or The Armies of Monotheism and Jihad in Palestine
      • Consiglio della Shura dei Mujahideen nei Dintorni di Gerusalemme (MSC) o Consiglio della Shura dei Mujahideen (MSC) o Consiglio della Shura dei Mujahedeen (MSC) o Mujahideen Shura Council in the Environs of Jerusalem o Magles Shoura al-Mujahedeen o Magles Shoura al-Mujahadin o Mujahideen Shura Council of Jerusalem (attivo nel Sinai-Egitto e nella Striscia di Gaza) dal 2011
    Libano 12
    Esercito
    • Gruppo islamico Fatah al-Islam dal 2006
    • Jund al-Sham
    • Osbat al-Ansar o Usbat Al-Ansar (Banda di Sostenitori) dal 1990
    • Brigate di Aisha o Battaglioni di Aisha
    • Brigate Sunnite Libere di Baalbek o Brigate dei Sunniti Liberi di Baalbeck (da Dicembre 2013 da verificare)
    • Hezbollah ala armata dal (1982):
      • Unità Hassan Ali Haidar
      • Brigata Martiri Quneitra o Martiri di Quneytra della Resistenza
    • Brigate Abdullah Azzam o Brigate Abdallah Azzam dal 2009 (legato ad al-Qaeda):
      • cellule Hussein bin Ali
    • Fronte Nusra in Libano
    • Brigate Marwan Hadid
    Siria 87
    (Guerra civile in corso). (Sporadici scontri tra esercito turco e siriano da Ottobre 2012)
    • Esercito
      • Resistenza Siriana (alawiti, a favore di al-Assad):
        • al-Muqawamah al-Suriyah
        • al-Lijan al-Sha’biyah
        • Hezbollah (combattenti pro-Assad dal Libano)
        • Shabiha (combattenti pro-Assad)
        • Esercito di Difesa Nazionale (milizia)
        • Al-Qeada Al-Aama (milizia)
        • Fatih Al-Intifada
        • Iran fornisce aiuto logistico e operativo all’esercito siriano
        • Corea del Nord (ancora da confermare) fornisce aiuto logistico e operativo all’esercito siriano
    • Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL o SIIL) o Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) o Stato Islamico (SI) o Ad Dawla al-Islamiyya/Stato Islamico (IS) o Stato Islamico dell’Iraq e della Grande Siria (ISIS o ISIL) o Daesh
      • Brigata Al-Khanassaa o Battaglione della Khansa (gruppo composto solo da donne all’interno dello Stato Islamico) ha la funzione di polizia religiosa
    • Fronte Al-Nusra o Jubhat al Nusra o Jabhat al-Nusra o Fronte della Salvezza o Fronte per la Difesa del Popolo Siriano o Jabhat an-Nusra/Fronte della Vittoria (FV)
    • Hamza Abdualmuttalib (gruppo ribelle jihadista)
    • Khorasan (collegato ad al-Qaeda)
    • Unità di Protezione Popolare Curde (YPG) o Kurdish Popular Protection Units (YPG) o Forza di Protezione del Popolo (YPG) o Unità di Protezione del Popolo (YPG) o People’s Protection Unit (YPG) o Unità di Protezione del Popolo (YPG) o Unità di Difesa del Popolo (Ypg) (ala armata del Comitato Supremo Curdo)
    • Dwekh Nawsha o Votati al Sacrificio (circa 200 volontari cristiani)
    • Brigata dei Martiri di Yarmouk o Brigata al-Yarmouk Shohadaa
    • Movimento Rivoluzionario in Siria
    • Ansar al Khilafah o Brigata dei Compagni del Califfato Islamico
    • Brigata Tempesta del Nord
    • Liwa Al-Ansar (presente nelle province di Aleppo e Idlib)
    • Harakat Fajr Asham al-Islamiya (gruppo salafita, presente ad Aleppo)
    • Harakat Al-Nour al-Islamiya (presente ad Aleppo)
    • Furqan Brigade (presente a Damascus)
    • Furqan Brigade (Al Quneitra) (ramo di Furqan Brigade, presente nel Golan)
    • 19th Divisione (presente ad Aleppo, collegato ad Ansar Brigade e parte dell’Esercito Siriano Libero)
    • Tajamu Fastaqm Kama Amart (presente ad Aleppo)
    • Ghuraba al-Sham o Ghurabaa al-Sham
    • Al Hijra Ila Allah o al-Hijra ila Allah
    • Reggimento Bara Ben Malek (collegato ad al-Qaeda, da verificare)
    • Jund Al-Aziz
    • Ansar Al-Haq
    • Islamic Action Front (IAF)
    • Partito dell’Unione Democratica (PYD) (costola del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK))
    • Jabhat Al Akrad o Jabhat al-Akrad o Fronte Curdo o Brigata Fronte Curdo
    • USA,Turchia, Qatar, Arabia Saudita e paesi europei forniscono aiuto logistico e operativo ai ribelli siriani non collegati ad al-Qaeda o allo Stato Islamico
    • Liva Siwar Al Raqqa (combattenti dalla città di Raqqa, alleati ai combattenti curdi)
    • Esercito Al-Sunna
    • Battaglione Al-Sham
    • Coalizione guidata dagli USA contro il gruppo islamico Stato Islamico (S.I.) supportata (militarmente e non) dai seguenti paesi: Arabia Saudita, Australia, Bahrein, Canada, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giordania, Gran Bretagna, Iraq, Italia, Kuwait, Libano, Olanda, Oman, Qatar, Turchia
    • Unione di Coordinamento Rivoluzionario Siriano nel nord al confine con la Turchia dal 2011
    • Esercito Siriano Libero (FSA o Esl) o Free Syrian Army (FSA) si autodefinisce “al-Farouq brigade of the Free Syrian Army” (FSA) dal 2011:
      • Brigate Al Faruq o Brigata Al Farouq o Brigate Farouq (presente ad Homs, Idlib e Aleppo)
      • Brigata Fallujah-Houran
      • Esercito Islam
      • Esercito Ababil
      • Sham Rassoul
    • Fronte Rivoluzionari Siriano o Syrian Revolutionaries Front (alleanza dentro l’Esercito Siriano Libero formata da 14 gruppi armati)
      • Consiglio Militare di Idlib o Idlib Military Council
      • Brigata dei Martiri Siriani o Syrian Martyrs’ Brigade
      • Brigate Ahrar al-Zawia o Ahrar al-Zawia Brigades
      • Brigate Ansar o Ansar Brigades
      • Brigate che Arrivato alla Vittoria o Coming Victory Brigades
      • Settima Divisione o Seventh Division
      • Nona Divisione di Aleppo o Ninth Division of Aleppo
      • Battaglioni Farouq al-Shamal o Farouq al-Shamal Battalions
      • Brigata dei Lupi di Ghab o Wolves Brigade
      • Brigata dei Martiri di Idlib o Idlib Martyrs’ Brigade
      • Brigata Ahrar al-Shamal o Ahrar al-Shamal Brigade
      • Riyad al-Salehin Battaglioni di Damasco o Battalions of Damascus o Riyad al-Salehin Battalions of Damascus
      • Farouq Battaglioni di Hama o Farouq Battalions of Hama
      • Reggimento degli Incarichi Speciali di Damasco o Special Assignments Regiment of Damascus
    • Fronte di Liberazione Islamico Siriano(SILF o FLIS)
      • Brigata Amjad Al Islam o Brigata Islam (Brigata Grande Gloria dell’Islam)
    • Esercito dell’Islam (Jaish al-Islam) formata da circa 50 gruppi armati jihadisti
      • Brigata Liwa al-Islam o Brigata Liwaa al-Islam
    • Fronte Islamico o Islamic Front (nuovo gruppo ribelle con circa 45.000 combattenti, da Novembre 2013)
      • Ahrar al-Sham o Ahrar Asham o Ahrar Asham (non jihadista, gruppo salafita radicale)
      • Jaysh al-Islam (Esercito dell’Islam) o Jeish al Islam (Esercito dell’Islam)
      • Sukour Al-Sham o Suqour al-Sham o Soqor Al-Sham
      • Brigata Al-Tawhid o Brigata Al-Tawheed o Brigata Liwa al-Tawhid o Brigata Tawhid (non jihadista, presente nella provincia di Aleppo)
      • Liwa Al-Haq o Liwa al-Haqq
      • Ansar al-Sham
      • Fronte Islamico Curdo
      • Jund al-Aqsa
    • Fronte Islamico Siriano o Syrian Islamic Front
      • Harakat Ahrar al-Sham al-Islamiyya



  • Fronte Meridionale (Composto da 50 gruppi ribelli, include 30.000 combattenti, nato a Febbraio 2014)

    • Fronte Shamiyya o Fronte Shamiya o Fronte Shamiah (una coalizione di milizie conservative) da Dicembre 2014 (attivo ad Aleppo)
      • Battaglione Nour Al-Din Al-Zinki o Brigate Noureddin al-Zinki
      • Esercito Mujahedeen o Esercito Mujahideen
    • Aquile del Sud “Soqor Al-Janoob” da Aprile 2015 (attivo a Daraa)
      • Leoni Al-Sunna (Asood Al-Sunna)
      • Esercito Al-Yarmook
      • Gruppo Falojat Horan
      • Gruppo 18 Marzo



  • Movimento Hazm (alleato con il gruppo ribelle Esercito Siriano Libero)
  • Aknaf Beit al-Maqdis (Palestinian faction)
  • Battaglioni Islamici
  • Forze delle Guardie al-Khabour
  • Consiglio Militare Siriano
  • Turchia 4
    (Scontri tra esercito turco e siriano da Ottobre 2012)
    Esercito
    • Ribelli del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) dal 1978 (concluso cessate il fuoco a Febbraio 2011. Nuovo cessate il fuoco dal 21 Marzo 2013)
      • People’s Defense Forces (HPG) (ala armata del PKK)
    • Falchi per la libertà del Kurdistan (Tak) dal 2004
    • Partito-Fronte di Liberazione del Popolo Rivoluzionario (DHKP-C) gruppo di estrema sinistra dal 1978
    Yemen 18
    (Coalizione guidata da Arabia Saudita e con l’aiuto di Egitto, Marocco, Giordania, Sudan, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar e Bahrain da Marzo 2015 sta combattendo contro i ribelli Houthi alleati ed supportati dall’Iran)



  • Esercito
  • Al-Islah (fazione sunnita alleata con il governo)
  • Al-Hashid (fazione sunnita alleata con il governo)
  • Salafi o Salafiti o takfiri (estremisti del gruppo Islamico Sunnita)
  • Comitati di Resistenza Popolare (milizia pro-esercito)
    • al-Houthi o Houthis o Huthi o Huthis o Ansarullah o Hawthi Ansarullah o ribelli Zaidi (ribelli Shiiti Musulmani) dal 2004
    • Ribelli Shia nel governatorato di Saada nel nord
    • al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP)
    • Ansar al-Sharia o Partigiani della Legge Islamica o Partigiani della Sharia o Supporters of al-Sharia (collegato con al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP))
    • Al-Janoob al-Har - the Free South (Movimento separatista del sud)
    • Movimento Secessionista del Sud o Southern Secessionist Movement o South Yemen Movement o Southern Separatist Movement o Harak (dal 2007)
    • Esercito Aden-Abyan da Ottobre 2010
    • Joint Meeting Parties (JMPs)
    • Islamic Jihad Group
    • Scontri tra truppe leali al Presidente Ali Abdullah Saleh contro le truppe che supportano il Generale Ali Mohsen al-Ahmar che ha disertato per allearsi con l’opposizione e contro la confederazione tribale Hashid
    • Tribù alleate di Hadramout (da Gennaio 2014)
    • Sostenitori dello Stato Islamico nella Penisola Araba o Supporters of the Islamic State in the Arabian Peninsula (da Ottobre 2014) collegato allo Stato Islamico e forse collegato anche all’AQAP
    • Provincia di Sana (gruppo affiliato allo Stato Islamico)

    AMERICHE:

    (5 Stati e 25 tra cartelli della droga, milizie-guerrigliere, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

    Punti Caldi: Colombia (guerra contro i gruppi ribelli), Messico (guerra contro i gruppi del narcotraffico)

    Cile 2
    Esercito
    • Frente Internacional Rivoluzionario/Comando Insurrecional Aracely Romo
    • Comando 8 de dicembre Coordinamento Internacional FAI
    Colombia 3
    Esercito
    • Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) dal 1964 (I colloqui di pace con il governo si terranno ad Oslo a Ottobre 2012. Annunciato cessate il fuoco dal 20 Novembre 2012 al 20 Gennaio 2013 e dal 9 Giugno 2014 al 30 Giugno 2014)
    • Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) dal 1964
    • Los Urabeños gruppo paramilitare dal 2001
    Ecuador 1
    Esercito
    • Armed Revolutionary Insurgent Forces of Ecuador
    Messico 17
    Esercito
    • Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (Ezln), pacifico rivoluzionario, attivo nello Stato del Chiapas dal 1994
    • Cartello di Sinaloa (Cartello della droga messicano)
    • Cartello di Juarez con il suo braccio armato La Linea (Cartello della droga messicano)
    • Cartello di Los Zetas (Cartello della droga messicano)
    • Cartello del Golfo (Cartello della droga messicano)
    • Cartello di Tijuana (Cartello della droga messicano)
    • Cartello di La Familia (Cartello della droga messicano)
    • Cartello di Beltrán-Leyva (Cartello della droga messicano)
    • Celulas Autonomas de Revolucion Inmediata Praxedis G. Guerriero.
    • Federacion Anarquista Informal/Acrata
    • Frente de Liberacion de la Tierra (FLT)/ Red Internacional de accion y solidaridad Grupo Informal Anti-civilizacion
    • Frente de Liberacion de la Tierra (FLT)/ Federacion Anarquista Informal- Red Global
    • Nucleo Insurrecto Sole-Baleno de las Celulas Autonomas de revolucion inmediata Praxedis Guerriero/FAI
    • Comando de Individuos Libres, Peligrosos, Salvajes e Incendiarios por la Peste Negra /FAI/Red Global
    • Ludditas contra la domesticacion de la naturalezza Salvaje/FAI/Red Global
    • Celula Eco Anarquista por el ataque directo/FAI/Red Global
    • Brigada de accion Revolucionaria por la propaganda por el hecho y la accion armada-Simon Radowisky/FAI/ Red Global
    Peru 2
    Esercito
    • Sendero Luminoso (Partido Comunista del Perú - Sendero Luminoso, PCP-SL) dal 1969
    • Circulo de accion Iconoclasta/FAI

    TOTALE:


    Totale degli Stati coinvolti nelle guerre65
    Totale Milizie-guerriglieri e gruppi separatisti coinvolti636




    Regioni e province autonome che lottano per l'Indipendenza:


    Africa:
    Regione o Provincia autonoma che lotta per l'IndipendenzaNazione
    Cabinda(Angola)
    Ogaden
    Oromo
    (Etiopia)
    Cirenaica(Libia)
    Sahara Occidentale(Marocco)
    Somaliland(Somalia)
    Darfur(Sudan)



    Asia:
    Regione o Provincia autonoma che lotta per l'IndipendenzaNazione
    Kachin
    Karen
    Stato Shan Nord
    Stato Shan Sud
    Stato Chin
    New Mon State
    Palaung State
    United Wa State
    (Birmania-Myanmar)
    Kashmir
    Karen
    Orissa
    Nagaland
    Assam
    Bodoland
    Tripura
    (India)
    Papua
    Aceh
    (Indonesia)
    Balochistan(Pakistan)
    Tamil(Sri Lanka)
    Patani Malay Nation(Thailandia)



    Europa:
    Regione o Provincia autonoma che lotta per l'IndipendenzaNazione
    Nagorno-Karabakh(Azerbaijan)
    Corsica(Francia)
    Abkhazia
    Sud Ossezia
    (Georgia)
    Trasnistria(Moldavia)
    Irlanda del Nord
    Scozia
    (Regno Unito)
    Cecenia(Russia)
    Paesi Baschi
    Catalogna
    (Spagna)
    Stati Federali Europei di Novorossia (formata dall'unione dell'Autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk e dell'Autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk(Ucraina)



    Medio Oriente:
    Regione o Provincia autonoma che lotta per l'IndipendenzaNazione
    Kurdistan(Iran, Iraq, Turchia)
    Palestina(Israele)

    Article To PDF

    I MIEI LIBRI IN VENDITA

    POST RECENTI

    Post popolari in questo blog

    SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

    L'UMANITÀ SOTTOMESSA ALL'INGANNO DEL SERPENTE, IL SIONISMO

    Vi siete mai chiesti perché non abbiamo voce in capitolo? Perché se nei referendum (1993) noi, popolo, scegliamo di togliere i finanziamenti ai partiti non viene cambiato nulla? Perché se dichiariamo che l'acqua deve rimanere un bene pubblico diviene di proprietà delle banche? Perché la nostra voce non viene mai ascoltata?
    Secondo me per un semplice e ineluttabile fatto, siamo tutti schiavi, e uno schiavo non ha alcuna voce in capitolo e questi fatti lo dimostrano.
    Consiglio che sarebbe più opportuno approfondire provando anche a mettere in dubbio ciò che la comunità umana ha accettato incondizionatamente come verità per lungo tempo. La storia non si è sviluppata all'insegna dell'amore e della ricerca al bene ma, purtroppo, dell'incessante desiderio di pochi di sottomettere totalmente la maggioranza.
    Sotto l'aspetto giuridico si scopre che l'uomo è riconosciuto come schiavo e per comprendere  è …

    NEL TERREMOTO DI AMATRICE È RACCHIUSO UN MESSAGGIO DI CONSAPEVOLEZZA

    Salve amici della rete, tutti quanti siamo a conoscenza del terremoto avvenuto il 24 agosto ad Amatrice. Questo era un borgo medioevale patria della famosa ricetta del sugo all'Amatriciana per condire vermicelli, spaghetti e bucatini.



    Se guardiamo e leggiamo l'evento in chiave esoterica scopriamo un fatto molto, molto importante che ora, grazie anche allo scritto presente nel blog "risveglio di una dea" ,  Marte fuori controllo , il guardiano della soglia inizia ad attivare i poteri, vado ad illustrare.
    Innanzitutto chi sta seguendo il cammino spirituale di risveglio della consapevolezza umana ha oramai ben compreso che la vita nello specchio della materia è simbolica e quindi anche tutti gli avvenimenti sono metafore di quello che avviene nell'essenza. Ciò che accade nella materia è progettato e voluto nell'oltre, si manifesta dapprima in questo "luogo" e quindi poi nella realtà in cui viviamo.
    Oramai sono anni che sto leggendo post e libri dove s…

    COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

    In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
    Analizziamo la tessera:



    Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

    ZONA POETICA

    HAIKU PER LA TERRA

    HAIKU PER LA TERRA
    MARCIA GLOBALE PER LA TERRA
    Grande, possente, bellezza travolgente
    delicata come la donna, rude come l'uomo, tenera come il bambino
    quanto durerà? Quando il suo declino?
    (Marta Saponaro)
    Tu terra, sei la mia forza, il mio sentiero, il mio mare, il mio profumo, a te la mia estasi ed il mio corpo (Giuliana Lubello)
    Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Nei giorni da sempre noi non ti amiamo, nei giorni da sempre noi ti sfruttiamo, nei giorni da sempre noi ti feriamo... Amiamo noi forse la Madre che ancora, nel grembo suo, ci tiene e sostiene? L'amore è gioia, l'amore è piacere, l'amore è accettare si ma anche dare...! Noi prendiamo prendiamo e prendiamo si...ma in cambio cosa diamo? In cambio di gioia noi diamo dolore, in cambio di pace noi diamo guerra, in cambio di acqua noi diamo sangue, in cambio di pane noi diamo fame... la vita ci hai dato la morte abbiamo imparato...!!! Un giorno per te Madre Terra... ma un giorno per cosa? Un giorno per dirti perdono perdono perdono... (da Il diario di Giunone di Rosanna Cira)

    TI ASPETTO IN QUESTA COMMUNITY

    UNISCITI A NOI

    SE VUOI CONTRIBUIRE AL CAMBIAMENTO VIENI CON NOI




    NO ALLA VIOLENZA

    ZONA D'INFORMAZIONE

    ZONA PERSONALE

    Image and video hosting by TinyPic