Passa ai contenuti principali

CONVEGNO NAZIONALE A PERUGIA SULLE SCIE CHIMICHE


Il 23 Aprile del prossimo mese presso la città di Perugia il sindaco ha patrocinato un convegno molto discusso.
Se da una parte ci sono coloro che reputano giusto e doveroso organizzare incontri che trattano le Chemtrails, dall'altra ci sono persone che denigrano questo tipo di notizia. Da questi si sente solo dire che non è vero niente, che i cieli del mondo non subiscono irrorazioni e che è tutta una fandonia.

Come potete notare chi interviene a questo dibattito sono ricercatori indipendenti, ex uomini delle forze dell'ordine, biologi.

Se uomini come quelli del CICAP sono intervenuti drasticamente per cercare di fermare questo evento è perché, forse, sanno che può essere un pericolo in quanto potrebbe venire fuori, in un convegno organizzato da un punto istituzionale, qualche informazione scomoda di cui hanno il timore.

Un comportamento equo e giusto dovrebbe essere differente:
Gli articoli 9 (libertà di pensiero, di coscienza e religione), 10 (libertà di espressione), 11(libertà riunione ed associazione), enunciati nella dichiarazione Universale del Protocollo n.°11 per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali; l'articolo 21 della costituzione italiana dichiarano il DIRITTO ALLA LIBERTÀ DI PENSIERO E PAROLA.

Quindi ciò che ha scritto nel suo profilo il Comune di Perugia in risposta ad una domanda del CICAP è giusto ed equo.

Tutti coloro che reputano questo convegno un incontro di falsità e disinformazione oltre a violare le libertà, violano anche l'informazione e il libero arbitrio di ogni cittadino italiano.

Nessuno deve vietare di far decidere liberamente ciò che bisogna credere. Se siamo tutti adulti vaccinati, buoni per pagare le miriadi di tasse richieste maggiormente lo saremo per capire cosa è giusto o no per noi.

Da almeno due mila anni stanno manomettendo l'informazione, tra una generazione e l'altra vengono cambiate le informazioni così oltre a creare una divisione tra vecchia e nuova generazione inventando il conflitto generazionale, vietano la divulgazione della verità.

Troverei giusto a questo punto non intervenire e non seguire più la rete informativa classica che sta portando l'umanità sulla soglia dell'auto distruzione, che si sta macchiando di tradimento contro i suoi stessi simili in nome del soldo. 

Mi auguro e chiedo che il convegno organizzato dal Comune perugino venga pubblicizzato al massimo e che molte persone possano intervenire poi cosa verrà detto e discusso sarà comunque un'altra questione intanto facciamo in modo che questo evento venga vissuto nella e in nome della libertà.



A Perugia un convegno sulle scie chimiche:

fonte: Query 

Il 23 aprile si svolgerà a Perugia un convegno intitolato “Chemtrails (scie chimiche) – Geoingegneria e manipolazione climatica“. L’evento è organizzato dalla lista elettorale “Alternativa Riformista Umbria” e si svolgerà nella Sala dei Notari del prestigioso Palazzo dei Priori, in concomitanza con un’annunciata “marcia globale contro le scie chimiche”. Quello che stupisce però sono i patrocinatori dell’iniziativa: Comune di Perugia e Perugia capitale italiana dei giovani 2016.
Un breve sguardo ai relatori toglie qualsiasi dubbio sull’orientamento del convegno: si tratta di personaggi noti dell’attivismo anti-chemtrails, convinti sostenitori dell’esistenza delle scie chimiche e della loro dannosità. E questo, in aperto contrasto con il punto di vista scientifico, secondo cui si tratta in realtà di una bufala, più volte smentita anche in sedi ufficiali (per approfondire, consigliamo le nostre FAQ sull’argomento o il blog dedicato di Paolo Attivissimo).
E’ giusto che un ente pubblico patrocini un evento che si basa, nei fatti, sulla disinformazione? Il CICAP lo ha chiesto (insieme ad altri cittadini) direttamente agli organi interessati. Sabato 12 il Comune di Perugia ha risposto, con un post sul proprio profilo Facebook ufficiale:
Da un paio di giorni alcuni cittadini ci inviano post sulla nostra pagina Facebook e sul nostro canale Twitter in merito ad un patrocinio rilasciato dall’ente ad un evento alla Sala dei Notari. Vorremo informarvi che Il patrocinio gratuito di un Comune non avalla le teorie espresse durante gli eventi. In questo caso si tratta di un momento di discussione (a cui partecipano professionisti come biologi, ricercatori, ex militari) in cui si affronta un tema di interesse pubblico. Il patrocinio sarebbe stato concesso anche per una conferenza che presentava teorie contrarie. Se si concedesse il patrocinio solo alle iniziative di cui si condivide l’ideologia, la teoria o comunque l’indirizzo, si renderebbe il Comune un ente che non rappresenta tutte le sensibilità della comunità e che censura o decide a priori cosa sia giusto o sbagliato.
Non si tratta, però, di chiedere una censura: a spiegarcelo è Andrea Ferrero, socio effettivo e membro del direttivo CICAP:
I sostenitori dell’esistenza delle scie chimiche hanno tutti i diritti di organizzare convegni e conferenze secondo le modalità che preferiscono. Ma il patrocinio rilasciato da un ente pubblico è qualcosa in più: rappresenta un’approvazione che secondo il regolamento comunale dovrebbe essere concesso soltanto a manifestazioni volte a diffondere la cultura. Concedere il patrocinio a un convegno come questo significa invece regalare ufficialità a una teoria priva di fondamento, i cui assunti sono stati smentiti più volte da meteorologi, fisici, chimici, biologi, esperti di aeronautica.
Stando alla nota del Comune di Perugia, insomma, tutte le opinioni, anche quelle più assurde, hanno pari dignità: l’ente avrebbe concesso il patrocinio a chiunque ne avesse fatto richiesta, sia pure per un convegno sul negazionismo dell’olocausto, la cura del cancro tramite flebo di bicarbonato o l’esistenza degli gnomi. Una china molto scivolosa, come ribadisce Ferrero:
Sul piano scientifico, le teorie non sono tutte valide allo stesso modo: vanno invece giudicate di volta in volta in base alle loro prove a sostegno. Quando sponsorizzano un convegno su temi scientifici, quindi, gli enti pubblici hanno una grossa responsabilità, perché qualunque patrocinio concesso equivale nei fatti a una patente di credibilità. Per queste ragioni, a noi il sostegno di un convegno pro-scie chimiche continua a sembrare fuori luogo.
Oggi, 19 marzo, l’antenna del CICAP di Perugia Stefano Allegrucci ha incontrato il Sindaco Andrea Romizi a Palazzo dei Priori, per manifestare le sue perplessità sulla vicenda. Il Sindaco si è detto preoccupato delle proteste della comunità scientifica e si è dichiarato fondamentalmente d’accordo con la posizione del CICAP, pur ammettendo la sua difficoltà a ritirare il patrocinio frettolosamente concesso. Ha anche manifestato la sua disponibilità a promuovere e sostenere un convegno serio su questo e altri temi analoghi; a breve rilascerà un comunicato stampa per esprimere la sua posizione ufficiale in merito.
Intanto, riferisce PerugiaToday, i consiglieri di opposizione Sarah Bistocchi e Tommaso Bori hanno depositato un’interrogazione comunale
per capire “quali sono i criteri adottati e quali sono le motivazioni che hanno spinto le loro persone a concedere, con atto formale, il patrocinio ad una simile iniziativa che nel mondo scientifico è considerata una vergognosa bufala”.
E, “se oltre al patrocinio è anche stata concessa la Sala dei Notari di Palazzo dei Priori gratuitamente mentre viene normalmente fatta pagare per convegni scientifici o iniziative 550 euro più 800 euro di deposito cauzionale per un totale di 1.350 euro”.
E “se sono state minimamente verificate l’attendibilità dei relatori, il loro curriculum vitae o le pubblicazioni scientifiche, sempre che ne abbiano”.
E se “corrisponde al vero che Pietro Nicoletti, presentato come ricercatore indipendente ma di cui non si trova traccia di alcuna ricerca, è fratello di Marco Nicoletti, per la cui consulenza da 35.000 euro concessa dal Comune di Perugia è stata attivata la Commissione Controllo e Garanzia, che svolge il proprio incarico all’Assessorato alla Cultura che avrebbe concesso il patrocinio al convegno e la gratuità della Sala dei Notari”.

Lasciamo ora perdere se il post sopra riportato sia dell'informazione giusta o meno , andiamo al di là di discussioni di parte, pensiamo con la nostra testa.

I cieli sono sorvolati dalle scie e solo un cieco non le vedrebbe.
Risultati chimici di analisi di acqua e terra hanno evidenziato ovunque la presenza di metalli che entrando nella catena alimentare diventano tossici per le forme viventi.


Ora una domanda è lecita: Come mai sono presenti e da dove arrivano e perché ci sono.
Una risposta all'umanità dovrebbe essere dovuta .

Il problema attuale è che chi ha in mano informazione scientifica e quant'altro è il più delle volte un dipendente o immischiato con l'élite che governa il mondo.

Poiché solo un pazzo potrebbe dire che oggi chi governa sta lavorando per il bene dell'umanità....Cosa ne deducete?





Condividi OkNotizie

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…